Home
Accesso / Registrazione
 di 

TX radio per contatti 2/2

trasmettitore radio per contatti

TX radio per contatti è facile da installare e da utilizzare. Lo stadio trasmittente utilizza un modulo Aurel TX433SAW (U3) che è in grado di erogare una potenza di ben 50 mW qualora venga alimentato con una tensione di 12 volt; nel nostro caso la tensione di alimentazione è di circa 7 volt a causa della caduta di tensione ai capi di D1 e T1 e la potenza scende perciò a circa 20 mW, più che sufficienti per ottenere una portata di circa 200 metri.

Il modulo trasmittente non necessita di alcun componente esterno fatta eccezione per la resistenza R9. Il segnale di modulazione viene applicato al pin 3; tale segnale viene generato dall’integrato U2, un codificatore Motorola tipo MC145026 con clock a 1,7 KHz.

Il treno di impulsi prodotto può essere modificato a piacere agendo sul dip-switch di tipo 3-state collegato tra i pin 1 e 10. In pratica con questo dip si imposta il codice del segnale scegliendolo tra 19.683 possibili combinazioni. L’encoder non necessita di alcuna ulteriore messa a punto. Ovviamente il codice impostato deve essere identico a quello del decodificatore utilizzato nello stadio di ricezione della centralina.

Come accennato in precedenza, il circuito presenta a riposo un consumo irrisorio; con il contatto NC non utilizzato il consumo è inferiore ad 1 microampère e pertanto, ammesso che il dispositivo non entri mai in in trasmissione, in teoria l’autonomia dovrebbe superare i 6 anni dal momento che le pile alcaline da 9 volt presentano una capacità di 500 mA/h.

Utilizzando il contatto NC il consumo sale a 5 microampère e l’autonomia scende a circa 1 anno, in ogni caso più che sufficiente per le nostre esigenze. Per alimentare i dispositivo è anche possibile utilizzare un adattatore dalla rete luce; in questo caso, però, è consigliabile munire di batteria tampone il circuito. Occupiamoci ora della realizzazione del dispositivo.

Il trasmettitore radio per contatti - il montaggio

Come si vede nelle illustrazioni, il nostro trasmettitore radio è particolarmente compatto: tutti i componenti sono stati montati su un circuito stampato appositamente realizzato al quale è fissata anche la pila a 9 volt. Anche l’antenna da 17 centimetri è realizzata con una pista dello stampato. Il trasmettitore è disponibile in scatola di montaggio per cui anche coloro che non hanno la possibilità di approntare il circuito stampato potranno realizzare il nostro trasmettitore per contatti.

tx_radio_pcb

Tuttavia, in considerazione dell’estrema semplicità del circuito, è possibile utilizzare per il montaggio anche una basetta millefori. Iniziate il cablaggio con i componenti passivi e con quelli a più basso profilo. Verificate attentamente la polarità dei diodi e dei condensatori elettrolitici onde evitare di montare questi componenti al contrario. Per il montaggio dei due integrati fate uso degli appositi zoccoli; inserite i due chip orientando correttamente la tacca di riferimento. Il modulo trasmittente U3 può essere inserito in un solo modo sulla basetta: non esiste dunque la possibilità di montare al contrario questo elemento. Per il corretto montaggio di T1 e LD1 fate riferimento al disegno del piano di cablaggio. A questo punto alimentate il circuito con la pila a 9 volt e verificate che tutto funzioni come previsto. A tale scopo collegate un interruttore tra il terminale NA e la massa e verificate che, con l’interruttore aperto, il circuito rimanga inerte.

Chiudete l’interruttore e verificate che il led si illumini e che il dispositivo entri in trasmissione. Il circuito deve rimanere attivo per circa 5 secondi. Effettuate la stessa prova (ma utilizzando un interruttore normalmente chiuso) con l’ingresso NC. A questo quanto potrete inserire il circuito all’interno del contenitore che deve essere tassativamente plastico. Per il nostro prototipo abbiamo utilizzato un contenitore della Teko, precisamente il modello Coffer 2. Non rimane ora che effettuare le prove di portata utilizzando un ricevitore a 433,92 MHz oppure una delle due centraline a cui può essere abbinato questo circuito. In aria libera la portata supera i 200 metri mentre nell’impiego tra le pareti di casa la portata scende a 50÷100 metri.

Il kit è disponibile da Futura Elettronica

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ci sono attualmente 1 utente e 45 visitatori collegati.

Utenti online

Ultimi Commenti