Home
Accesso / Registrazione
 di 

USB 3.0 - il supporto di Intel arriverà nel tardo 2011. 1/2

USB 3.0 supportato da Intel

USB 3.0 non vedrà una suo utilizzo su larga scala fino almeno al tardo 2011, a causa della mancanza di supporto diretto da Intel. In conseguenza di ciò, quindi, il nuovo standard probabilmente non riuscirà ad essere protagonista di questo decennio, così come USB 2.0 lo è stato per la maggior parte dello scorso. Lo standard USB corrente, che si trova su ogni gadget e dispositivo in circolazione al momento, viene utilizzato ormai da molto tempo, essendo disponibile dal lontano 2001 e dalla primavera del 2002 Intel lo ha diffuso su larga scala implementando questa tecnologia nei propri dispositivi.

Otto anni dopo, i vantaggi generati dal passaggio ad uno standard più veloce, USB 3.0, sono evidenti (soprattutto per dispositivi come gli hard disk, le fotocamere digitali e le videocamere digitali): si passa da velocità di trasferimento di 480 Mb/s a 5 Gb/s (anche se parliamo ovviamente, in entrambi i casi, di velocità teoriche, quelle reali sono ben più basse, ma il rapporto di circa 1:10 resta uguale). Alcuni hard disk esterni e laptop che supportano in nuovo standard sono già usciti, ma senza l’apporto diretto di Intel, il problema diventa rilevante: un’adozione di USB 3.0 dalla massa di utenti è alquanto improbabile in un mercato in cui i colossi dettano legge.

Un analista di In-Stat, Brian O’Rourke, ha dichiarato che:”il reale potenziale della nuova versione USB verrà fuori solo quando esso sarà integrato nei chipset dei PC. È da quel momento che USB 3.0 diventa globale. Con a sua integrazione nei chipset Intel, quest’ultima essenzialmente permette agli OEM (Original Equipment Manufacturer, produttore di apparecchiature originali) di offrire il nuovo standard gratuitamente”.

Ma Intel non ha alcuna intenzione di procedere fino al 2011, sempre secondo O’Rourke. Questo significa che l’intervallo tra l’iniziale introduzione di USB 3.0 fatta da NEC nel Maggio 2009 e l’adozione di Intel sarà molto più lungo rispetto al periodo intercorso tra il 2001 e il 2002 per USB 2.0. Infatti stiamo con ogni probabilità parlando di un lasso di tempo di circa due anni e mezzo invece di un anno. Sempre citando Rourke, potremmo dire che il passaggio al veloce USB 3.0 sarà lento.

Un portavoce di Intel, in una intervista del mese scorso apparsa su Heise Online, ha dichiarato che appunto la diffusione globale di USB 3.0 ci sarà con la prossima versione client di Windows, proprio nel 2011. E pensare che un buon numero di dispositivi Usb 3.0 era stato presentato al CES di Las Vegas di gennaio, facendo presagire tempistiche molto differenti.

Questa settimana, però, la confusione pare aumentata, grazie ad una dichiarazione di Intel, tramite le parole del portavoce Nick Knupffer, con la quale non viene né confermata né negata la data di immissione nel mercato di USB 3.0. Questo il comunicato:”Intel supporta in pieno USB 3.0 ed è entusiasta nel vedere un crescente numero di host controller e di dispositivi che lo hanno adottato”. Intel sta lavorando intensamente per determinare l’appropriata integrazione di USB 3.0 nei propri chipset”.

A causa del mancato supporto nei chipset Intel, la disponibilità della tecnologia è limitata. Quasi un anno dopo il primo rilascio di USB 3.0 ad opera di NEC, i produttori di PC stanno cominciando ad offrire nuovi standard solo su modelli selezionati. Per esempio, la HP ha implementato USB 3.0 sui nuovi e costosi laptop EliteBook, ma non sulla gamma più economica di portatili, che dunque continua a disporre del vecchio standard USB 2.0. Anche Dell offre USB 3.0 sui suoi laptop Precision, ma non sul resto dei modelli più popolari.

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ci sono attualmente 3 utenti e 60 visitatori collegati.

Utenti online

Ultimi Commenti