Home
Accesso / Registrazione

bqvictor

ritratto di bqvictor

Cronologia

Membro da
3 anni 44 settimane

 

 

Ultimi Commenti

Secondo me quello che non funziona nella costruzione delle centrali nucleari e' la valutazione del rischio. Si usa lo stesso metro di valutazione di altre opere tipo dighe o viadotti. Se viene giu' un viadotto per un imprevisto imprevedibile ci sara' un bel botto ma finisce li'. Se arriva un terremoto enorme seguito da uno tsunami enorme in una delle centrali piu' grandi del mondo quindi un imprevisto oltre ai rischi attuali ci sono situazioni di pericolo da gestire fino a 200000 anni e forse anche dopo. Oltre al terreno della centrale e dintorni off limits per secoli. Attualmente causa imprevisti abbiamo gia' 5 nuclei fusi in Canada, USA, GB (due) e in UCRAINA piu' questi giapponesi se ci saranno. In 55 anni di nucleare civile abbiamo 137 incidenti classificati, con 3400 deceduti, nella scala INES e spesso ci si e' salvati per miracolo! Ci sarebbe poi la faccenda delle scorie che nessuno sa dove mettere e in Germania in un deposito da 128000 barili si e'infiltrata l'acqua e pur...
Questo sito e' molto professionale e tecnico e pieno di entusiasmo e non c'e' motivo per non credere a quanto scritto su Ubuntu. A me non e' andata cosi' ma e' sicuramente per mio demerito. Lo so che con qualsiasi Windows ho dei problemi, ci sono i virus e mille altre cose non a puntino pero' e' un sistema che hanno tutti, a lavorare, tra gli amici, nelle scuole ecc.ecc. Pur frequentando ambienti e conoscenti informatici l'unico Linux che ho visto in questo secolo l'ho installato sul mio PC. Nessuno ne sa niente. Sarebbe come essere su una bella isola del Pacifico, ma da soli! Non posso occuparmi di una cosa che mi taglia fuori dall'ambiente in cui mi trovo e cosi' penso che questo sia il vero motivo dell'insuccesso di questo ottimo sistema operativo. Di distribuzioni ne sono uscite tantissime ma senza mai sfondre tra il grande pubblico. Ormai e' tardi, Windows con tutti i suoi limiti per l'opinione pubblica e per i venditori di PC e' il sistema operativo, gli altri sistemi, anche se...
...tranne miracoli improbabili non arrivera' mai. Io sono anzianotto e ho iniziato con l'informatica 37 anni fa e da allora ho cambiato una miriade di PC e scritto programmi complessi ecc. Un bel giorno un anno fa mi trovo un PC portatile libero e ci installo Ubunto per curiosita' in dual boot, tanto per farmi una propria esperienza e smetterla coi sentito dire. Nonostante conosca windows come le mie tasche e' stato uno scontro frontale contro un treno. Il PC aveva hardware strani e sono stati dolori comunque risolti. E qui ho toccato con mano il primo ostacolo: nessuno dei miei amici lo conosceva! Mi sono dovuto arrangiare da solo. Ho trovato procedure strane e complicate con molta difficolta'. Con windows nei rari casi dove non riesco ho sempre qualche amico che risolve il problema in un lampo perche' windows l'hanno tutti a casa e a lavorare, c'e' conoscenza piu' o meno diffusa di ogni suo aspetto. Mettere su i programmi base e' stata una sofferenza. Poca scelta. Su windows c'e'...
Champix, e' vero sono anziano in pensione da poco. Una persona giovane puo' fare faville con Linux grazie alla mente piu' agile e nessun condizionamento informatico dovuto a esperienze passate. Pero' se i programmi non ci sono non ci sono ne per me ne per lui! Se ci sono delle limitazioni ci sono per me e per lui. Solo che il giovane ha la pazienza di risoverle e io no. Nel tempo ho scritto numerosi programmi anche molto complessi gratuiti per windows che girano su tutte le versioni e ho avuto la soddisfazione di vederli scaricare migliaia di volte. Con Linux anche ammesso che fossi riuscito a scriverli sarebbero stati scaricati pochissmo perche' poco diffuso con mia magra soddisfazione. Ieri parlavo con un grosso estimatore di Linux il quale sconsolato mi ha confermato che nei PC domestici Linux non ha nessun futuro proprio per i motivi esposti da me nel post precedente. Se chi lo conosce bene dice questo credo che le difficolta' di Linux PC domestici siano oggettive. Che ci si...
Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ultimi Commenti