Home
Accesso / Registrazione

lucagiuliodori

ritratto di lucagiuliodori

User title

PowerUser

PROFILO

Profilo Google+

Google+

Cronologia

Membro da
3 anni 25 settimane
Blog
Vedi messaggi recenti del blog

 

 

Ultimi POST

ritratto di lucagiuliodori

Routine di Decryption della codifica RollingCode

Application Note
ritratto di lucagiuliodori

Routine di Encryption della codifica RollingCode

Application Note
ritratto di lucagiuliodori

Algoritmo di decrittografia RollingCode

Application Note

Ultimi Commenti

Siccome non sono sicuro di aver capito bene, una domanda: ma mi sbaglio o quello che viene fatto sull'articolo e semplicemente quello di incapsulare un supercap dentro un case di una batteria? (caricabatterie escluso ovviamente).
Ciao! Si molto probabilmente è la mancanza di debounce sul tasto ma sarebbe meglio se ci descrivi un po' il codice per capire se effettivamente il problema è quello del debounce. Ad esempio "gpio.0" è il tasto? Facci sapere. Ps: un consiglio, usa l'assembrer, scoprirai che è più semplice poi sia per implementare il firmware sia per capire e risolvere i problemi.
Forse scrivendo sono stato un po' frettoloso e ho omesso alcune cose. Visto il progetto e le problematiche ho dato per scontato che il nostro amico "trabo" fosse alle prime armi (chiedo preventivamente scusa se non è così) ed è per questo ho consigliato l'assembler. Iniziare a programmare i micontrollori con il cosiddetto "linguaggio macchina" (assembler per intenderci) ti permette di conoscerli più a fondo e averne più padronanza, cosa che nel mondo dell'embedded spesso è necessaria. Non conosco molto bene il MikroBasi ma non mi trovi molto d'accordo sul suo utilizzo: nell'embedded un linguaggio troppo astratto rischia di far perdere di vista delle cose che sono necessarie. Una tipica situazione è quando devi realizzare un sistema che risponda in real-time a degli eventi esterni: in questo caso se l'astrazione è troppo elevata non riesci a controllarlo. Mi trovi d'accordo invece sul C, non a caso è stato sviluppato proprio per velocizzare gli sviluppi che venivano fatti in assembler...
Ha ragione Stefano Panichi, il problema non sta sul debounce. Per motivi di lavoro ieri ero in viaggio e potendo usare solo il cellulare, non ero in grado di prendere il tuo codice e analizzarlo con più attenzione. Effettivamente il tuo problema è sul fatto che il codice così come è fatto scorre i vari effetti fintantoché tieni premuto il tasto, al rilascio si ferma sull'ultimo effetto su cui è passato e il tutto lo fa alla velocità del microcontrollore. Per risolvere il problema in modo facile, io metterei il seguente codice subito dopo ogni "label:":   label:       while gpio.0=1       goto label   in questo caso avresti l'inconveniente che il dispositivo non cambia gioco finchè non rilasci il tasto, ma come modifica è molto semplice; potresti anche mettere questo ciclo di attesa dopo l'inizializzazione dei TRIS. Per evitare questo dovresti fare il codice...
Ciao! Non conosco molto bene il MikroBasic ma da come mi dici potrebbe essere che il micro esegue il reset proprio perchè rimane dentro questo ciclo di attesa: solitamente all'interno dei micro c'è una periferica chiamata watchdog timer; questo "cane da guardia" non fa altro che resettare il micro allo scadere di un timer, a meno che l'utente tramite il software non lo resetta periodicamente. E' utile per sbloccare il micro in caso di blocco del software. Si può disabilitare ma è utile tenerlo attivo e eseguire periodicamente il reset. In MikroBasic non so quale sia l'istruzione per il reset, in assembler è clrwdt (prova a cercare il suo equivalente con google). Nel tuo caso prova mettere il reset su ogni ciclo e quindi all'interno del ciclo principale; prova perchè se così ti funziona allora il problema è quello. Riguardando il tuo progetto noto che sul pulsante ci hai messo una sorta di anti rimbalzo via hardware e quindi probabilmente non necessita di quello software, anche se...
Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ci sono attualmente 1 utente e 29 visitatori collegati.

Utenti online

Ultimi Commenti