Home
Accesso / Registrazione

Sandro kensan

ritratto di Sandro kensan

User title

User

Cronologia

Membro da
2 anni 27 settimane

 

 

Ultimi POST

ritratto di Sandro kensan

powerline su fili non in tensione

Salve ragazzi,
ho alcune idee su come convogliare il segnale di una coppia di adattatori powerline su un cavo da un centinaio di metri. La prima è quella di usare dei dispositivi che mandano il segnale su una coppia di cavi di sezione 2-2.5 mmq ma mi chiedo se esistono tali dispositivi.

Ultimi Commenti

Grazie della risposta Emanuele. Mi sto informando riguardo la seriale RS485 che mi consigli tu. Ho letto qui: http://www.vincenzov.net/tutorial/rs485/cavi.htm che i cavi che si devono utilizzare sono il doppino telefonico twisted, probabilmente si avranno prestazioni più basse con 5 spezzoni di cavo elettrico collegati tra loro, come nel mio caso. Devo dire che 100 metri di cavo bipolare mi daranno una banda ben inferiore ai 100 Mbps che si ottengono con un cavo twisted unico. Poi ho visto che i convertitori ethernet to serial e vice versa sono molto costosi: http://www.dcbnet.com/datasheet/etherbridge.html questo costa centinaia di euro, hai link di apparecchi meno costosi?
Grazie fuzzzy, non ho trovato grafici specifici ma sembra che i trasformatori abbiano una banda passante limitata alle decine di kilohertz, confermi? Mi chiedo se abbiano una elevata impedenza di uscita alle alte frequenze che è quello che mi serve.
Fuzzy penso di avere capito quello che tu mi hai indicato e credo anche sia la migliore soluzione, forse anche la più economica. Io facevo un passo oltre. All'interno di questa soluzione bisogna esaminare il fatto che i powerline (dispositivi a onde convogliate) funzionano a frequenze tra i 2 e i 30 megahertz. Se il trasformatore a queste frequenze ha capacità parassite che ne cortocircuitano il segnale allora non è usabile. In questo senso chiedevo l'impedenza d'uscita alle frequenze radio. Mi sono un po' informato e un trasformatore che funzioni a 50 hz ha quasi sempre una banda passante molto limitata intorno a questa frequenza, in più il circuito equivalente del trasformatore reale visto dall'uscita è praticamente una elevata induttanza dell'ordine di una decina di henry ma di questo cercavo conferme. Visto che a me interessa isolare l'impianto elettrico casalingo dal filo alle frequenze radio allora vorrei che l'impedenza d'uscita del trasformatore fosse essenzialmente induttiva...
Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ci sono attualmente 2 utenti e 40 visitatori collegati.

Utenti online

Ultimi Commenti