Home
Accesso / Registrazione

LUIGI_D

ritratto di LUIGI_D

User title

User

Cronologia

Membro da
2 anni 22 settimane

 

 

Ultimi Commenti

Se devi realizzare pochi pezzi , non vedrei male una soluzione con una scheda ARDUINO UNO + la sua shield input con uscite a relè (il software poi non è particolarmente complicato) altrimenti potresti valutare l'impiego di un micro PLC ( costano veramente poco ) con a bordo già le sue uscite a relè da 5Amp ( anche in questo caso il programma da realizzare non è difficile).In entrambe i casi trovi tutto l'hardware già pronto ...dipende molto dall'applicazione .Ad ogni modo se ti interessa approfondire una di queste due soluzioni che ti ho illustrato ..io sono disponibile. Se devi invece fare produzione massiccia ...allora il consiglio di Emanuele è ottimo
Personalmente ritengo che ridurre la potenza da 250W a 200W possa portare a qualche beneficio apprezzabile .Il fatto che un inverter da 350W si spenga da 15 min. con circa il 70% del carico applicato mi fà molto pensare sull'attendibilità di quei dati.Ma forse non è che quei 350W sono invece 350VA ...in questo ipotizzando un cosfì pari a 0,7 mi spiegherei il fatto dello spegnimento ( infatti 350VA*0,7=245W )probabilmente per sovra temperatura della sez. di potenza.Per quanto riguarda la "manipolazione eventuale " su UCC3806 io guarderei i pin 3 - 4 ( current sense ) a cosa sono collegati .Quello è il punto in cui andrei ad agire .Se poi non sono utilizzati ... cercherei ad esempio un sensore di corrente ad effetto hall o qualsiasi altra cosa che mi permetta di leggere la corrente di uscita ....quello è il segnale che ti puo' interessare. E' sotto inteso che queste mie indicazioni sono tutte da verificare e senza uno schema è molto difficile mentre è molto facile guastare l'inverter .
Tempo fà ho lavorato con inverter similari e ti confermo che lo stadio di potenza è proprio sotto dimensionato e per altro , in seguito , si sono verificati anche problemi ai morsetti di connessione della batteria ...sono colati a causa della eccessiva corrente / surriscaldamento che si manifestava in quel punto!!!!! Dal momento che pensi di usare piu' inverter in funzione della situazione di carico che avrai , hai verificato che questi dispositivi possano andare in parallelo di uscita fra loro?
Ottimo ...allora buon lavoro!!! Ciao
L'ideale sarebbe fare prima una serie di misure con un oscilloscopio sul pin 4 dell'UC in modo da verificare che tipo di segnale entra in origine. Secondo il mio punto di vista il pin 3 dovrebbe essere a GND mentre sul pin 4 dovrebbe entrare il segnale di corrente . Dal datasheet (http://www.ti.com/lit/an/slua150/slua150.pdf) vedi che il comparatore di corrente ha una soglia minima di 0,5V superata la quale si ha il blocco "temporaneo" ( 1 ciclo di clock )della generazione di PWM. Verifica bene la connessione del pin 3 , e poi se effettivamente risulta GND io lavorerei sulla res. da 3K3 ( diminuendola)e non sulla 560 che già è molto bassa . Se il mio ragionamento è corretto diminuendo la res. da 3k3 dovrebbe entrare in limitazione di corrente prima .Se hai un trimmer multigiro potresti metterlo al posto della res. da 3k3 ( es. trimmer da 2k con in serie una res. fissa da 820 ohm...in questo modo anche se porti a zero il trimmer un minimo di res.ti rimane e non corri grassi rischi di...
Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ultimi Commenti