Home
Accesso / Registrazione

Stefano Panichi

ritratto di Stefano Panichi

User title

User

PROFILO

Profilo Google+

https://www.google.com/+StefanoPanichi

Cronologia

Membro da
1 anno 46 settimane
Blog
Vedi messaggi recenti del blog

 

 

Ultimi POST

ritratto di Stefano Panichi

Sakura: un Arduino che viene dal Giappone

Microcontrollori
ritratto di Stefano Panichi

Oggi testiamo la RENESAS RPB RX210 demoboard

Microcontrollori

Ultimi Commenti

Nell'articolo ti è rimasto un "(Inserisci il link alla scorsa puntata)" incompiuto...
Ciao Piero, direi che l'articolo è veramente interessante: ci abitui troppo bene e poi finisce che diventiamo esigenti!
Ciao trabo, Il tuo programma è un esempio classico di macchina a stati. Quello che hai fatto è un classico errore in cui si cade quando si scrivono macchine a stati. Tu hai un programma che può assumere diversi stati (configurazioni dell'uscita); poi hai una condizione (pulsante premuto) che fa passare da uno stato all'altro. Il problema è che la stessa condizione determina il passaggio di tutti gli stati, per cui una volta che premi il pulsante il programma comincia a passare da uno stato all'altro senza fermarsi finché non lasci il pulsante. E' necessario quindi porre una condizione che impedisca il cambiamento di stato finché non si verifica: tale condizione è ovviamente quella di aspettare che il rilascio del pulsante prima di accettare il prossimo passaggio. Basta un: while gpio.0=0 wend e stai li dentro finche il pulsante non è stato rilasciato. Il debounce è un'altra cosa, non è questo il caso. Saluti
Data la compattezza e la potenza del processore installato sarebbe possibile creare un analizzatore di aritmie cardiache cioè un dispositivo che si indossa e si collega a due sensori che rilevano il battito cardiaco (un po come si fa quando si fa l'elettrocardiogramma). Se il segnale rilevato esce fuori dai parametri standard attiva un cicalino per segnalare che l'anomalia e naturalmente si tiene in memoria l'allarme in modo da poter scaricare i dati su un computer e analizzarli successivamente.
L'ho provato anni fa e non mi era sembrato molto user friendly. Prodotto interessante più che altro per studenti che vogliono sperimentare un pò di elettronica senza aver bisogno di un laboratorio fisico. Ma probabilmente con il tempo è cresciuto ed è maturato. Lo proverò.
Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ultimi Commenti