Home
Accesso / Registrazione

ferfabry76

ritratto di ferfabry76

User title

User

Cronologia

Membro da
1 anno 30 settimane
Blog
Vedi messaggi recenti del blog

 

 

Ultimi POST

ritratto di ferfabry76

VENDO PIC16F688I/SL Pz50

[VENDO]
Salve,
Causa inutilizzo Vendo n. 50 pz imbustati singolarmente di Microcontorllore Microochip PIC16F688 I / SL
1,00 euro al pezzo. Se in blocco 40,00 euro + spese di trasporto.

Grazie

ritratto di ferfabry76

Riservato agli Abbonati PLATINUMFOTOVOLTAICO IN ITALIA: il perché del declino

Energie Rinnovabili
ritratto di ferfabry76

Riservato agli Abbonati PLATINUMGUIDA AL FOTOVOLTAICO : la progettazione (parte 5/5)

Energie Rinnovabili

Ultimi Commenti

Ciao in effetti manca proprio l'antirimbalzo che ti consiglio di realizzare via software. Puoi realizzarlo in diversi modi: o accettando la pressione del tasto se questo viene premuto per almeno un determinato tempo. L'importante è che appena accettata la pressione del tasto tu setta un flag che inibisca il tasto stesso. Questo flag viene resettato quando il tasto cambia di stato. Per quanto riguarda il codice è scritto in maniera confusa, sequenziale, senza indentazione e senza commenti. In merito a chi consiglia invece l'assembler non sono d'accordo. I moderni compilatori C e basic per questi micro permettono di realizzare codice altamente scalabile e riutilizzabile su innumerevoli dispositivi senza cambiare una riga di codice, con le dovute limitazioni tra le famiglie ovviamente. L'assembler lo utilizzo solamente per le routine di interrupt riguardanti timer e ricezioni seriali dove ho necessitò di un codice ottimizzato e pulito. Ovviamente ti consiglio di utilizzare i compilatori...
Per esperienza il solo controllo sul cambio di stato del pulsante non sempre è sufficiente, sopratutto a seconda della qualità e del tipo di pulsante utilizzato. Non è sempre detto che il contatto sia "perfetto" e generi un cambio si stato singolo. Per questo motivo preferisco sempre accettare la pressione di un tasto se premuto per almeno un determinato tempo. In alternativa la pressione del tasto può incrementare un contatore che raggiunto un determinato valore accetta la pressione del tasto stesso, cosa semplicissima da realizzare. Il rilascio anzitempo provoca il reset del contatore.
Il watchdog sui microchip va sempre abilitato settando gli opportuni registri e non si attiva mai da solo. Tenderei ad escludere quindi questa motivazione. L'antirimbalzo hardware per essere realizzato in maniera efficacie deve essere modificato. Il classico circuito prevede il condensatore verso massa ma la resistenza in pull-up ed il pulsante che chiude verso massa. Basterà poi invertire nel micro la logica. Ovviamente è conveniente realizzare il tutto via software come indicato in precedenti commenti. saluti
Per poter dare una risposta corretta bisognerebbe conoscere i dati tecnici del pannello fotovoltaico. Purtroppo non sono esperto di sistemi in isola ma ho avuto solamente alcune esperienze. Va considerato che le batterie tradizionali non sono certamente adatte ad un uso su un impianto in isola in quanto soprattutto hanno una notevole componente di autoscarica e un basso numero di cicli "vitali". Inoltre dobbiamo considerare che sicuramente un solo pannello da 80W soprattutto se non montato su inseguitore, eroga una corrente molto bassa per molte ore della giornata, dando il meglio solo nelle ore centrali della giornata in quanto direttamente proporzionale all'irraggiamento. Sarebbe quindi opportuno monitorare la corrente erogata per verificare che sia effettivamente sufficiente a ricaricare le batteria in riferimento alla necessità degli utilizzatori. Il problema fondamentalmente non è il regolatore, che deve essere "tarato" per la corrente erogata dai pannelli, ma quanta corrente...
Ottimo articolo ma vorrei proporre una valida alternativa formata da Eagle (CadSoft Usa) e SketchUp di Google. Sul sito di Cadsoft vi sono tutte le indicazioni per scaricare ed installare il plug-in per SketchUp. L'ho usato ed è veramente potente.
Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ultimi Commenti