Home
Accesso / Registrazione

casi2013

ritratto di casi2013

User title

User

Cronologia

Membro da
1 anno 25 settimane

 

 

Ultimi POST

ritratto di casi2013

Esercizio Progettazione Op-amp CMOS two-stage

Salve a tutti, mi trovo in difficoltà nel dover risolvere un esercizio di progettazione, e per questo vi chiedo se possibile una mano nell'impostazione. Le specifiche sono le seguenti:

2 stage op-amp: Differenziale (pmos ingresso) + Common Source

1) alimentazione duale +(-) 3V
2) Guadagno a bassa frequenza 10^3
3) Frequenza a guadagno unitario 100KHz
4) Rout < 10K Ohm e Rin > 100M Ohm

Ultimi Commenti

Sei davvero pessimo... non ho mica chiesto la soluzione, volevo uno spunto di partenza, del materiale da studiare dove fosse trattato l'argomento specifico, e non la solita trattazione degli operazionali e le varie configurazioni. Evidentemente sei uno di quei saccenti della peggiore specie, dopo 5 anni hai postato solo 14 messaggi (e posso immaginare il tenore degli altri 13). Le persone che sanno davvero le cose, amano condividerle, non si può stare in una comunità facendo il parassita, leggendo le cose che scrivono gli altri, e criticando senza avere nessuna cognizione di causa.
Grazie, è questo il genere di risposte che uno si aspetta, un consiglio UTILE, e non una sentenza. Quanto al Sedra-Smith, comunque ci stavo dando un'occhiata giusto ieri, solo che oltre all'impostazione un po' troppo didattica (nel senso che ti guida più alla comprensione del funzionamento, che ad una vera e propria progettazione) e poi è più orientato al bjt che ai MOS. Stasera o domani proverò con il Razavi.
Sulla linea teorica penso di esserci, ma nessuno dei libri consultati offre un aiuto concreto alla progettazione, ma solo al funzionamento. Nonostante sia un esercizio, essendo cosi generico, pensate si possano fissare "arbitrariamente" i parametri di processo, con valori tipici, essendo alla fine dei conti questi dettati dalla tecnologia in uso? E trascurare anche gli effetti di secondo ordine come modulazione della lunghezza di canale e effetto body.
Ciao Piero, grazie per il tuo intervento. Allora, andando per ordine, non ho inserito il disegno, in quanto l'esercizio è proprio cosi. Immagino che essendo una progettazione è il progettista a scegliere molte cose, ed in particolare credo che sia necessario utilizzare un carico attivo con uno specchio di corrente piuttosto che una resistenza. Ho tracciato il grafico del modulo e della fase, sfruttando le informazioni del guadagno e della frequenza di attraversamento. Con questi dati mi sono calcolato anche la frequenza di taglio (evidenziando la presenza di un polo?). Per quanto riguarda la Rin, beh, essendo l'ingresso sul terminale di gate del mosfet, questa è in teoria infinita, e ciò rappresenta un notevole vantaggio, in quanto il segnale del generatore viene trasferito tutto sull'amplificatore e la perdita sulla resistenza di sorgente diventa trascurabile, lo stesso discorso vale per la resistenza di uscita, che deve essere quanto più piccola possibile in maniera tale da...
Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ci sono attualmente 15 utenti e 74 visitatori collegati.

Ultimi Commenti