Home
Accesso / Registrazione

Nicola.Boccadoro

ritratto di Nicola.Boccadoro

Cronologia

Membro da
31 settimane 3 ore

 

 

Ultimi Commenti

Innanzi tutto,  grazie alla redazione di EOS per avermi dato l'opportunità di condividere la scoperta di questo straordinario oggetto; in secondo luogo, per rispondere alla domanda di Gius_res, al momento la penna è acquistabile solo tramite ordinazione dal sito, anche se sembrerebbe che la si potrà vedere in commercio da agosto in poi. La Pre - ordinazione si può effettuare direttamente dal sito, che è il seguente:   the3doodler.com/welcome-3doodler/   Sullo stesso sito ci sono anche riferimenti alla produzione futura di accessori a cui si fa riferimento nell'intervista che sicuramente contribuiranno a creare un feeling maturo per questo straordinario strumento (un pò come le app per gli smartphone).
Avrei serio piacere a mostrare i risultati dello studio sul mento, ma purtroppo ho scartato quel lavoro poiché ho dovuto presto rendermi conto che costruire "con le linee" che si autostabilizzano nel vuoto, ha naturalmente un limite che è la gravità. Pr quanto resistente, il filo di ABU non può reggere un profilo che ha uno sbalzo di 20 centimetri e un appoggio di solo un millimetro.   La conquista che ho avuto con quell'esperimento è la consapevolezza che un oggetto come una testa può essere realizzato solo con un criterio ragionato, che deve essere in qualche modo indagato mentalmente a priori; nel caso specifico, ho capito che una forma organica come il profilo di un uomo nello spazio non sarebbe possibile ottenerlo se non costruendo una griglia di partenza di varie sezioni orizzontali della testa (da disegnare sempre con la penna eh?) da legare poi trasversalmente con gli stessi profili che volevo ottenere da soli. In...
La penna non è autosufficiente, allo stato attuale va usata solo ed esclusivamente tramite trasformatore;  input 100-240V 0.6A a 50-60 hz e output a 12V. Parliamo quindi di un normalissimo trasformatore facilmente riscontrabile fra quelli universali compatibili. Verrebbe quindi da chiedersi come mai non sia stata fornita di batteria, visti questi dati, ma il design è poderoso e la penna pur leggera non è piccola, quindi forse si può intuire il perché.  A livello di funzionamento, poi, la penna ha tempi di riscaldamento molto rapidi ma è leggermente rumorosa (personalmente è un rumore anche piacevole, ma alla lunga un non abituato a lavori manuali potrebbe stancarsi) e va pulita spesso, quasi alla fine di ogni sessione di lavoro. Bisogna riconoscerle che pur non essendo uno strumento "tascabile" ne utilizzabile ovunque (lo è purché ci sia però una presa) la presenza del filo non infastidisce...
Ecco, finalmente un articolo controcorrente, o quantomeno per par condicio un articolo positivo (a parte l'aspetto in cui con "ok glass, it's time!" Si diventa registi porno che, almeno per me, è vagamente trash :D).
Salve a tutti, mi piacerebbe moltissimo elaborare un progetto di domotica sostenibile. Attualmente è considerato un settore di nicchia, ma se alcuni smart-concept venissero applicati al social housing, anche tramite l'ausilio di programmazione open-source, probabilmente si potrebbe creare un nuovo mercato.   Vorrei proporre un sistema di monitoraggio intelligente della quantità di luce che entra in una stanza attraverso un sistema di brisoleil su binari in grado di identificare la percentuale di illuminamento naturale e capace quindi di adattarne il filtraggio, attraverso uno scalettamento dei brisoleil che si densificano o si abbassano in relazione ad un parametro prestabilito di comfort.
Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ultimi Commenti