Home
Accesso / Registrazione

toni ipnos

ritratto di toni ipnos

User title

User

Cronologia

Membro da
5 anni 13 settimane

 

 

Ultimi POST

ritratto di toni ipnos

AUTOMATISMO PER CARICA BATTERIA 12V PER AUTO

Carissimo Vittorio, probabilmente questo non è il posto migliore per la domanda che mi accingo a porgerti, tuttavia, non sapendo dove indirizzarla, ed essendo utente di questo magnifico sito da due anni e 37 settimane, dove tu gestisci il tuo blog, approfitto per quanto segue.

Ultimi Commenti

Ciao Vittorio, il mio, di certo, non è un problema “veramente” serio poiché il caricabatterie è valido e funziona, anche se con una tensione un po’ alta.... L’inghippo nasce, se così si può dire, perché, come hobbysta (ma forse più per l’età...), interferisce, per certi versi, la precisione, ma ancora di più la pignoleria! L’apparato che ho assemblato secondo il progettino che hai visionato, monta un bel toroidale da 120VA con un secondario da 12-0-12V, che già avevo in casa. Il transistor è quello suggerito in progetto, vale a dire l’MJ-15004 montato su un più che generoso dissipatore di calore; l’IC è quello di potenza, un L7815CT in case TO3, ugualmente montato su un’altra generosissima aletta disperdente calore. Il ponte raddrizzatore può sopportare 8 Ampere ed i condensatori sono due in parallelo da 4700 microfarad 50V ognuno, poiché non ne ho trovato uno solo da 10000 come suggerito dall’autore. Per finire, le resistenze R1 e R2 sono rispettivamente da 0,33 ohm 10W (invece di...
Ciao Vittorio, O.K., hai ragione. Ho riaperto il contenitore del caricabatterie ed ho misurato la tensione all’ingresso del ponte constatando -con stupore- che, come dicevi tu, fornivo 24V al circuito e non 12V come avevo affermato. Il pasticcio è accaduto successivamente, quando ho deciso di dotare il caricabatterie di una piccola ventola da 12V per raffreddare il transistor che scaldava un po’. In effetti io avevo diligentemente separato le due uscite del trasformatore utilizzandone una soltanto per il circuito in oggetto, come altrove ho affermato, ed isolando con nastro l’uscita che non mi serviva. Ma poi mi è balenata l’idea di sistemare anche una ventola per raffreddare l’MJ15004, e lì è caduto l’asino!!! Ho fatto un collegamento errato, e così giungevano al circuito principale 24V invece di 12V. Ho ristabilito i 12 volt in ingresso al ponte raddrizzatore ed ora, a vuoto, l’output è di 16.16V. Collegando invece le due batterie da 6V-4A in serie, e ponendole come carico all’...
Giusto, bella l’idea di un deviatore che mi dia la possibilità di scegliere tra le due tensioni di alimentazione: 12 o 24 volt. Però, poi, con un input di 24Vac, non si presenta il problema per cui, in uscita, mi trovo -chiaramente- un’altra volta un voltaggio in cc. di circa 33 volt? Devo pensare, allora, che lo stabilizzatore 7815 veramente potrebbe essere difettoso e non limitare la tensione: Min. 14,4V - Typ, 15V - Max. 15,6V, come da datasheet, e come pure accennava Linus? La piedinatura del regolatore l’ho verificata ed è esatta, quindi?... Non essendo state previste in fase di progettazione possibilità di tarature, in ultima analisi, come potrei abbassare tale tensione per portarla ai ritenuti giusti valori di 13,8/14V?
Ciao Emanuele, onoratissimo pel tuo intervento, ma non è esattamente così come hai evidenziato nei quattro punti. Sarò sintetico, per quanto possibile, anche se riprendo un po’ dall’inizio. Io ho già realizzato un caricabatterie il cui progetto puoi visionarlo al link che ho segnalato al caro Vittorio nel mio primo intervento. Orbene: 1)- Non ho da caricare una batteria da 12V (due in serie da 6V-4A). Questa l’ho usata come CARICO per testare (maldestramente forse) il caricabatterie. 2)- Non ho a disposizione soltanto 12V in uscita dal toroidale bensì 12+12; quindi, possibilmente, anche 24Vac. 3)- La batteria è al Pb, ma è recuperata, per sostituzione, dal mio UPS, e la tengo (per non buttarla ancora via), in standby. Chiaramente non è perfetta, ed in questa circostanza, ribadisco, l’ho adoperata come “CARICO FITTIZIO” in uscita al caricabatteria. 4)- Questo punto, -il quarto-, è esatto: non vorrei tenere sempre sotto carica qualsiasi batteria dovesse capitarmi, e non ho nulla...
Ciao Vittorio, va meglio con la salute. Ho ripreso un po’ il Car. Batt. ed ho fatto -in successioni progressive- tutto quanto da te suggeritomi: dapprima ho cortocircuitato il primo dei tre diodi (scusa il gioco di parole); ho provato in seguito a sostituirne due con una R da 3,3 Ohm; poi ho provato a sostituire, come tu mi indicavi, “sperimentalmente” la R2 da 8,2 Ohm arrivando ad una Res. da 66R 10W, ma la tensione in uscita non si è mai “ridimensionata”! Mi resta solo -penso- da sostituire il 7815 che probabilmente è proprio lui che non risponde. Non l’ho trovato in case TO3 e l’ho ordinato al mio fornitore. Appena ne sarò in possesso lo sostituirò a quello già esistente e ti farò sapere. Non ho dimenticato la cortesia con la quale hai dato seguito alle mie richieste di aiuto e te ne sarò sempre grato. Relativamente all’“attacca-stacca”, per ovvie ragioni, non ancora ho potuto realizzarlo ma sarà cosa ancora più semplice poiché ho interpretato anche uno “sbroglio” dello schema...
Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ultimi Commenti