Utili suggerimenti per pulire i circuiti stampati

pulire_PCB

La differenza tra una scheda fatta in casa ed un circuito professionale si vede anche nella pulizia. Vediamo allora qualche utile tecnica e sfatiamo qualche mito su come rimuovere gli eccessi di resina dalle PCB (Printed Circuit Board)

Partiamo dalla conoscenza del nostro nemico: la colofonia, una resina di origine vegetale usata tipicamente per la pulizia delle giunzioni che saranno saldate sulle schede elettroniche e che da adesso in poi chiamerò semplicemente resina.

Tale resina può essere più o meno corrosiva in base al tipo di solventi aggiunti. Il problema è che dopo l’uso una piccola parte di resina rimane in prossimità delle saldature ed a lungo andare può deteriorare la conducibilità del collegamento oltre ad essere assolutamente poco estetica come si vede in figura sotto

in cui sulla sinistra abbiamo il dettaglio di una scheda in cui le varie saldature hanno evidenti residui di resina, mentre sulla destra vediamo il medesimo dettaglio dopo la pulizia.

Iniziamo a sfatare un mito, infatti in molti pensano di poter rimuovere i residui di colofonia usando dell’alchol isopropilico (2-propanolo) come quello comunemente usato per la pulizia dei vetri o simile, ma l’alchol isopropilico disponibile in commercio è diluito in acqua solitamente al 80% e la resina che vogliamo rimuovere resiste tranquillamente ad una sostanza con una simile percentuale di acqua quindi non c’è speranza, neppure agendo con strumenti meccanici, di rimuovere in tal modo la colofonia. Avendo a disposizione alchol isopropilico puro al 99% allora si potrebbe rimuovere facilmente la resina peccato che il 2-propanolo puro sia altamente infiammabile, tossico e costoso, quindi gestibile in modo sicuro solo in un laboratorio attrezzato.

La bella notizia è che esiste in commercio un "magico" prodotto che consente di rimuovere la tanto odiata resina in modo molto semplice e veloce, la brutta notizia è che tale prodotto non è facilissimo da trovare anche se oggi grazie alla rete è tutto più facile, stò parlando di Poly-clens.

 

Tipicamente usato in campo edile per rimuovere residui di vernice ma non ha nulla a che fare con la comune acquaragia. Sarà sufficente immergere la nostra scheda in un contenitore con una quantità sufficiente di Poly-clens tale da ricoprire tutta la scheda ed aspettare qualche minuto. A questo punto risciacquare la scheda con acqua, la resina verrà via tranquillamente trasformandosi in una sostanza liquida di colore biancastro. Lasciate asciugare la sceda ed il gioco è fatto!

Qualche considerazione pratica da tenere in conto: rimuovere o saldare successivamente componenti che possono assorbire i liquidi poichè composti da parti non isolate e pulire le restanti saldature in una fase successiva con una applicazione locale del prodotto. Non inalare fumi o vapori esalati durante il processo di pulitura poichè potenzialmente nocivi. Già la colofonia non è un toccasano, poi Poly-clens può essere anche peggio.

 

Il prodotto citato nell’articolo è molto interessante peccato che non sia altrettanto facilmente reperibile. La scarsa reperibilità pone seri dubbi sulla sicurezza d’uso del prodotto, quindi se riuscite a trovarlo fate molta attenzione quando lo usate.

11 Comments

  1. Nicola Fabbri 3 aprile 2013
  2. gotenz3 3 aprile 2013
  3. toni ipnos 21 luglio 2011
  4. muldee 21 luglio 2011
  5. Berni 21 luglio 2011
  6. Berni 21 luglio 2011
  7. freddytube 22 luglio 2011
  8. pando87 21 luglio 2011
  9. giamby3000 22 luglio 2011
  10. Berni 22 luglio 2011
  11. Berni 22 luglio 2011

Leave a Reply