Home
Accesso / Registrazione
 di 

Voltmetro selettivo SPM-3 1/3

Voltmetro selettivo SPM-3

Quando, mesi fa, ho acquistato per una manciata di euro, il generatore di B. F. della Wandel u. Goltermann, modello TFPS-75, da 0,3 ÷ 1350 kHz, che fu oggetto di un articolo su RKE, non avrei mai pensato di riuscire, in tempo breve, a completare la linea di misura B.F. con il voltmetro selettivo della stessa Casa, modello SPM-3, acquistato all’ultimo mercatino di Basaluzzo (Al) a un prezzo sempre molto conveniente.

Devo poi alla cortesia dell’amico Ivan Barla, possessore di migliaia di manuali tecnici, il reperimento di copia del manuale tecnico completo. A differenza del generatore sopracitato, che appartiene ancora alla generazione degli strumenti da laboratorio che impiegano valvole elettroniche, ma per questo non meno pregiati e precisi, il voltmetro selettivo SPM-3 è più moderno e portatile, in quanto utilizza componenti attivi allo stato solido e un alimentatore interno a batterie ricaricabili direttamente dalla rete, sulla quale può operare in tampone o direttamente. Per essere portatile tuttavia, come molti altri prodotti teutonici, pesa 8 kg. In origine veniva accoppiato al generatore W.G. modello PS3, anche lui portatile, mentre il TF PS – 75 in mio possesso è uno strumento generatore prettamente da laboratorio e di una classe superiore. Chiudiamo qui la premessa ed entriamo nella descrizione del voltmetro selettivo e del suo utilizzo.

Introduzione

L’SPM-3 è un misuratore di livello a larga banda progettato in origine per sistemi telefonici bilanciati, a frequenza vettrice, di 120 canali ma utilizzabile anche per molteplici altre misure, quali il controllo dei filtri di B.F., la misura di distorsioni su amplificatori e quant’altro. Per il suo scopo specifico è stato realizzato in cinque modelli che si differenziano fra loro per l’impedenza d’ingresso e livello di riferimento. Quello di più largo impiego è il modello BN 278/0 che ha le scale dello strumento indicatore tarate in dB/dBm/V con un’impedenza d’ingresso da selezionare fra 5 kohm, 600ohm, 150ohm e 75ohm. Altri modelli, di impiego più specifico verso la telefonia, indicano il livello in Np e hanno valori dell’impedenza d’ingresso inconsueti (135ohm, 124ohm). Tranne queste differenze, per il resto sono identici fra loro.

Il misuratore di livello SPM-3, in unione con il generatore PS-3 o, come nel mio caso, con il TF PS-75, costituisce una postazione di misura di livello completa. La sintonizzazione simultanea dei due apparecchi viene effettuata dal ricevitore SPM-3. Per fare ciò, la tensione di pilotaggio per il trasmettitore viene prelevata da un’apposita presa posta sul pannello frontale dell’SPM-3. L’SPM-3 è adatto per misure in larga banda nella gamma 300 Hz ÷ 612 kHz e per misure selettive nella gamma 2 kHz ÷ 612 kHz. Grazie alla buona attenuazione della propria distorsione, l’SPM-3 è adatto sia per misure di distorsione che per l’analisi di varie tensioni presentate contemporaneamente, aventi componenti di livelli tra loro molto diversi. Nella figura 1 viene riportato lo schema a blocchi dell’ SPM-3. Nella misura selettiva, il segnale d’ingresso giunge all’amplificatore a larga banda tramite il traslatore bilanciato d’ingresso e l’attenuatore. Attraverso un passa basso con stadio separatore, il segnale viene inviato al primo modulatore.

Qui il segnale d’ingresso viene sovrapposto alla tensione del primo oscillatore la cui frequenza è regolabile da 650 a 1262 kHz. La prima frequenza intermedia di 650 kHz, così ottenuta, viene filtrata con un filtro a quarzo e inviata a uno stadio separatore. Un secondo modulatore, con oscillatore a quarzo di 648,5 kHz, trasforma il segnale di 650 kHz nella seconda FI di 1,5 kHz. Con questa doppia conversione di frequenza, si ottengono una eccellente selettività e fianchi molto ripidi della caratteristica della risposta in frequenza, unitamente a una banda passante sufficientemente larga. La seconda FI viene amplificata e arriva, attraverso un passa banda da 1,5 kHz, all’amplificatore dello strumento.

Successivamente il segnale viene raddrizzato e il suo livello indicato dallo strumento. Nella misura a larga banda, il segnale in entrata arriva direttamente all’amplificatore dello strumento indicatore, scavalcando i modulatori e la FI. La trasformazione in corrente continua e l’indicazione avvengono come per la misura selettiva. Usando l’SPM-3 in unione con il PS-3 o il TF PS-75, questi ultimi possono essere sintonizzati dal segnale di uscita dall’oscillatore 1 (oscillatore di accordo) dell’SPM-3, semL’oscillatore di taratura dell’SPM-3 fornisce il segnale necessario per la taratura dell’SPM-3.

Voltmetro_selettivo_SPM-3_schema

radiokit elettronica

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ci sono attualmente 27 utenti e 71 visitatori collegati.

Ultimi Commenti