YAESU FT 950. Ecco l’ultimo gioiello della “Premiata Ditta” 4

YAESU FT 950. Ecco l'ultimo gioiello della "Premiata Ditta"

Le operazioni in modo CW sono ottime, tra l’altro nelle prove mi sono procurato un QSO con un’isola abbastanza rara; apprezzabile la battuta del keyer interno che comunque ha ampie “pesature” disponibili. Un buon corredo di memorie e conteggi automatici rendono il modo CW adeguato ad ogni esigenza. Ottima la dimensione del display con chiare indicazioni della situazione in particolare per le informazioni relative alle frequenze con finestrella indicante lo spostamento del RIT/XIT. Rimane incerta la condizione relativa alle regolazioni dei filtri di selettività, vengono indicate le regolazioni ma non l’entità in kHz o in Hz, consola il fatto che il funzionamento e l’efficienza sono ottimi.

Menù e componenti opzionali

Occorre fare un discorso a parte per quanto attiene al menù. Ci sono 118 voci che consentono in primo luogo di ottenere il meglio delle possibilità offerte dal DSP, e se è vero che la maggior parte verrà utilizzata una volta tanto è anche vero che si richiede all’operatore di addentrarsi nelle nuove regole del gioco, tanto più l’operatore OM saprà adoperare le regolazioni tanto migliori saranno le prestazioni dell’apparato, e fino a qui niente di nuovo.

Non è più possibile dotare le radio di oltre cento manopoline anche se le condizioni di utilizzo lo consentirebbero, e il DSP consentirebbe anche di più. Va bene, queste cose le abbiamo già dette altre volte ma a sentire alcuni discorsi appare che una certa parte di radio amatori non voglia convincersi che il tempo passa e occorre restare giovani di mente se si vuole continuare a giocare. Sono disponibili alcuni accessori che vengono forniti in opzione. Le unità microTune sono una di queste, già fornite in opzione nello YAESU FT 2000 e montate di serie nello FT 9000. Sono utilizzabili per le bande di 160, MTU160, di 80/40 lo MTU40-80 e per 30/20 lo MTU30-20, quando installate e richiamate permettono un miglioramento della cifra dinamica.

Di rilievo l’unità DMU-2000 che permette di collegare lo FT 950 ad un PC attraverso al quale si ottengono molte informazioni, che appaiono sul display del PC, relative alla gestione, alla memorizzazione di dati relativi all’attività e una gestione dei QSO in condizione contest. È possibile controllare e far ruotare l’antenna direttiva quando questa sia mossa da un rotore YAESU; la direzione della beam è presentata anche questa sul display.

L’ unità DMU-2000 è la stessa che è in opzione per il mod FT 2000 e, salvo piccole differenze, opera qui con le stesse modalità. Altra opzione è la memoria vocale, DVS 6, nella quale sono memorizzabili cinque messaggi diversi, ciascuno di 20 s nei quali ci possono stare chiamate o messaggi tipici, utili per contest.

Commenti

Ma va o non va questo FT 950, cosa è, un mezzo FT 2000, un doppio FT 450 … no no, non è niente di tutte queste fantasie. Lo FT 950 è un apparato che, pur inserendosi nella serie di nuovi apparati, anche se può utilizzare accessori comuni, è in ogni caso una radio a sé, con caratteristiche molto valide e, da non lasciare da parte, con un rapporto prestazioni-prezzo molto interessante. Il funzionamento in generale è ottimo anche se qualche piccolo particolare andrebbe risolto ma, veramente, sono cose di poco conto.

radiokit elettronica
Tags:
STAMPA

Leave a Reply