Adobe presenta Gala: la beta con accelerazione hardware

adobe presenta gala, la versione beta

Adobe presenta al pubblico “Gala”: questo sarebbe il nome dato alla nuova versione beta di Flash Player 10.1, una novità attesa da tempo dagli utenti di Mac OS e per la quale, secondo alcune indiscrezioni circolanti nel web, sarebbero già iniziati i test di prova specifici. Vediamo allora più da vicino i dettagli e le potenzialità di questa notizia partendo dall’analisi della imminente versione, per il momento scaricabile in anteprima alla home page del sito ufficiale di Adobe .

Cliccando sulla pagina citata sopra è possibile in sostanza scaricare la versione preview, ovvero quella preliminare di Adobe Flash beta.
Per il momento Adobe ha precisato che tutte le novità annunciate non saranno presenti da subito nella versione beta originaria, ma verranno aggiunte gradualmente, sotto forma di successivo aggiornamento.

Potenzialità e funzionalità della versione beta

Cosa cambierà dunque con l’introduzione della versione beta? In primo luogo vanno valutate e sottolineate le accelerazioni hardware. Gala permette infatti di usufruire del supporto per la decodifica hardware di video H624, possibilità finora riservata esclusivamente a Pc Windows e all’architettura X-86, a tutti i Mac con GPU compatibile, ovvero Nvidia Geforce 9400M, 320M e GT 330M. Con Gaia quindi, per la prima volta, la possibilità di decodifica si estende anche ai pc Mac.

L’attivazione di Gala, insieme alla potenzialità delle GPU sopra citate, permetterà dunque agli utenti di visualizzare video in HD ad altissima risoluzione, riducendo al tempo stesso il consumo energetico.

In definitiva, dal punto di vista hardware, almeno per il momento potranno sfruttare della nuova versione beta di Flash Player 10.1 tutti i Mac Mini lanciati dal 1 Marzo 2009, tutti i MacBook rilasciati da Gennaio 2009 e i MacBook PRO con data successiva a Ottobre 2008 e infine gli iMac dell’inizio del 2009. Non è escluso che verrà estesa la compatibilità anche ad altri modelli in futuro.

Per verificare in maniera autonoma durante l’utilizzo l’avvenuta attivazione dell’accelerazione hardware basta, in alcuni casi, verificare che compaia in alto a sinistra un quadrato bianco di piccole dimensioni, durante la riproduzione del filmato in flash. Tecnicamente tale funzione innovativa è resa in sostanza possibile grazie ad un sistema di accelerazione che ha permesso agli sviluppatori di sfruttare proprio il chipset grafico di decodifica di video H624.

Adobe Player: Prospettive future

La presentazione di Gala è avvenuta con un discorso che evidenzia la fiducia nutrita in casa Adobe per questa nuova versione e per le sue potenzialità. Il rilascio di questa anteprima è senza dubbio un importante segno positivo verso un processo di innovazione ma non garantisce ancora risultati pienamente apprezzabili e considerevoli: sostanzialmente si tratta di un’occasione per permettere di poter testare la nuova versione, che sarà effettivamente perfezionata a partire dalla seconda metà del 2010.
Senza dubbio, come è stato osservato dai critici più attenti, può essere intesa anche come una possibilità di sminuire la rivalità, da tempo esplicitamente molto sentita, tra Adobe e Apple, culminata con l’esclusione di Adobe dall’iPhone.

Leave a Reply