Energia rinnovabile ed energie tradizionali?

energie rinnovabili

Finalmente le energie rinnovabili iniziano ad interessare tutti, la crescita e il sostegno del governo sicuramente ne incentivano lo sviluppo e le nuove applicazioni tecniche. Ma non è un segreto che al momento sia solo una piccola parte del mix energetico complessivo. Come aumenta l’interesse per le energie rinnovabili, molte questioni hanno cominciato a venire a galla, troppe domande rispetto alle pochissime soluzioni presentate.
Quando le imprese energetiche dedite alle fonti rinnovabili oltrepasseranno, o almeno potranno competere, con le imprese del settore energetico convenzionale? Cioè, quando potremo vedere una Exxon Mobil Corp., Chevron Corp. o ConocoPhilips delle energie rinnovabili? Speriamo che questi colossi non facciano prima ad acquisire, a patto che non l’abbiano già fatto, le poche grandi aziende nel settore energia rinnovabile.

Energie rinnovabili: consapevolezza

Robert F. Kennedy Jr. ha portato una maggiore attenzione su questa domanda con le sua previsioni, ripetute nel corso degli ultimi mesi, riguardo al fatto che l’energia pulita potrebbe sovvertire l’ordine consueto nel mercato delle energie, relegando gli operatori storici nel campo dell’energia a comparse, entro il prossimo decennio. “Andiamo per la democratizzazione del sistema energetico in questo paese (riferito agli Stati Uniti), il nostro obbiettivo è portare la produzione energetica lontano dalla operatori storici nel corso dei prossimi 10 anni”, ha detto al Solar Power International di Anaheim lo scorso ottobre.

Uno dei modi più ovvi per tentare di rispondere alla domanda è guardare al modo nel quale gran parte dell’energia mondiale odierna è prodotta tramite fonti rinnovabili.

Energie rinnovabili: dati e proiezioni

Secondo l’International Energy Agency’s World Energy Outlook, nel 2008, il 18 per cento del fabbisogno energetico è stato costituito da fonti rinnovabili, circa 3.470 terawatt/ora, della produzione mondiale di elettricità nel 2006, con la maggior parte di quelle proveniente da idroelettrica ed energia eolica. Nella stessa relazione, l’agenzia asserisceche le fonti rinnovabili avrebbero superato il gas naturale. In base a tali previsioni, le energie rinnovabili sarebbero sulla buona strada, circa 4.970 TW/h nel 2010 e più di 7.700 TW/h, pari al 23 per cento della produzione mondiale di energia elettrica entro il 2030. Gli investimenti nelle fonti rinnovabili è sceso in proporzione all’anno 2008, sarebbe sceso di quasi il 30 per cento senza incentivi da parte del governo in tutto il mondo.
Guardando i numeri, dividendo i tipi di energia rinnovabile, quali energia solare, per esempio, mostra come le fonti rinnovabili siano molto indietro nella produzione totale. Adam Krop, vice presidente per la ricerca alla Ardour Capital Investments, ha detto che la sua società stima che il solare sarà probabilmente solo circa l’1 per cento del totale di energia elettrica globale nel prossimo futuro. Negli Stati Uniti, che attualmente è un piccolo mercato riguardo all’energia solare, i numeri parlano solo dello 0,01 per cento del totale, ha detto, ma potrebbe crescere al 0,5 per cento entro il 2020. Crescere dal 0,01 per cento allo 0,5 per cento rappresenta ancora una rapida crescita, ma per arrivare a competere con i colossi dell’energia, questo è ancora impensabile. L’analista indipendente Peter Lynch dice: “Anche se l’industria solare raddoppiasse la sua produzione ogni anno per i prossimi 20 anni, non raggiungerebbe comunque un risultato significativo”. Io spero proprio non abbiano ragione a riguardo.
La relazione annuale del U.S. Department of Energy afferma con i suoi numeri che le energie rinnovabili hanno rappresentato solo una minima parte del fabbisogno energetico ma comunque una buona parte: 41,5 quadrilione Btu del totale del consumo mondiale di energia, rispetto al 28,5 quadrilione Btu per il nucleare, 115,5 quadrilione Btu per il gas naturale, 136 quadrilione Btu per il carbone e 175,2 quadrilione Btu per i liquidi, compresi i biocombustibili.
Quali tecnologie ci aiuteranno in futuro ad aumentare questi numeri?

Tags:

Leave a Reply