Home
Accesso / Registrazione
 di 

Personalizzare il desktop di Ubuntu

Personalizzare Ubuntu Compiz

Personalizzare il Desktop di Ubuntu è semplice e di sicuro impatto grafico. Con Ubuntu è possibile cambiare interfaccia ogni volta che lo desiderate raggiungendo effetti grafici notevoli. Vediamo come configurare Compiz, Ubuntu Tweak e altri programmi per creare un desktop da favola. Tutte le istruzioni per modificare la vostra scrivania e i programmi da installare.

Personalizzare Ubuntu è semplice e molto divertente. Molti non sanno che Ubuntu e le distribuzioni Linux in generale offrono ampie possibilità di personalizzazione del descktop. Queste personalizzazioni sono nate innanzitutto per semplificare la vita a chi utilizza diversi piani di lavoro o ha esigenze particolari, per poi giungere ad effetti grafici notevoli e prestazioni di alta qualità. Va molto di moda in questi ambienti avere una scrivania con un certo stile, un desktop pieno di effetti e personalizzazioni di qualità. Andiamo quindi a personalizzare la nostra scrivania con gli strumenti messi a disposizione dall'OS free.

Per raggiungere un buon risultato raccomando innanzitutto di installare i driver propietari della scheda video, questo passaggio è consigliato in quanto il primo tool che andremo a configurare richiede un pc con buone prestazioni, quindi se avete una scheda grafica un po' datata difficilmente riuscirete a raggiungere prestazioni elevate in termini di effetti grafici. Ciò nonostante potrete comunque aggiungere tante novità alla vostra scrivania.

Installare Compiz

Il primo passo consiste quindi nell'installazione di Compiz. Per chi non lo conoscesse, Compiz non è altro che un potente strumento in grado di aggiungere effetti grafici davvero carini alla nostra distribuzione.

Per installarlo apriamo il terminale e digitiamo:

sudo apt-get install compizconfig-settings-manager

e

sudo apt-get install simple-ccsm

In questo modo potremo ininziare a personalozzare Compiz. Andiamo quindi in Sistema > Preferenze > Gestore di configurazione Compiz. Da qui avremo modo di settare tutti i vari parametri che ci permetteranno di avere una distribuzione davvero ricca di animazioni ed effetti, due tra tutti il "desktop a cubo" e le "finestre ballerine".

In ogni caso, se il settaggio vi sembra troppo complicato potete utilizzare il configuratore semplificato che abbiamo installato precedentemente andando in
Sistema > Preferenze > Gestore di configurazione Compiz Semplice.

Installare Cairo Dock

Fatto questo passiamo al Dock, ovvero la barra delle applicazioni in stile Mac che affascina un po' tutti i nuovi utenti Ubuntu. Personalmente consiglio "Cairo Dock" leggera ed animata, nonchè molto personalizzabile è senza dubbio una delle migliori tra le tante alternative presenti. Per installarla digitiamo da terminale:

sudo apt-get install cairo-dock

Ricordo che è necessario avere abilitato gli effetti grafici con Compiz e che, per averla sempre attiva dobbiamo aggiungere il comando "cairo-dock" alle applicazioni d'avvio.

Se siete degli nuovi utenti o se non avete ancora parecchia confidenza con il terminale ricordo che le operazioni sopra destritte sono eseguibili anche tramite l'"Ubuntu software center", basta ricercare il nome del programma che volete installare.

Un altro effetto molto piacevole è la trasparenza dei menù di Ubuntu, per abilitarli è necessario avere Compiz e un programmino chiamato Ubuntu Tweak. Supponendo che il passo di Compiz sia già stato compiuto andiamo ad aggiungere il secondo programma:

Da terminale digitiamo

sudo add-apt-repository ppa:tualatrix/ppa 

e

sudo apt-get update 

ed infine

sudo apt-get install ubuntu-tweak

A questo punto ci basterà abilitare i menù trasparenti dal percorso: Applicazioni > Strumenti di Sistema > Ubuntu Tweak > Scrivania > Impostazioni Compiz per avere un effetto veramente carino nei nostri menù.

C'è da dire che questa guida è da considerarsi come un entry-level e permette anche ai più inesperti di avere una distribuzione personalizzata. Esistono tuttavia passaggi più complessi per rendere unica la propria interfaccia di Ubuntu, tuttavia questa guida è un buon compromesso tra semplicità e risultato, vi consiglio per tanto di iniziare da qui la vostra personalizzazione.

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 40 visitatori collegati.

Ultimi Commenti