Home
Accesso / Registrazione
 di 

Termocamere e termografia a infrarossi

Termocamera

Le termocamere sono diventate uno strumento diagnostico essenziale e spesso anche remunerativo per la ricerca guasti e la manutenzione preventiva da parte di elettricisti e tecnici in applicazioni industriali, di processo e commerciali. Sono, inoltre, un conveniente strumento chiave di misura per le società che forniscono servizi in quanto preziosi strumenti di diagnostica in edilizia per l'isolamento termico degli edifici e per le industrie specializzate nelle ispezioni degli impianti elettrici.

TERMOGRAFIA

La termografia è la scienza dell'utilizzo di dispositivi ottici elettronici capaci di rilevare e misurare la radiazione e metterla in relazione con la temperatura superficiale.

La radiazione è lo spostamento di calore che si verifica quando l'energia radiante (onde elettromagnetiche) si sposta senza un mezzo di trasferimento diretto.

La moderna termografia a infrarossi viene eseguita mediante dispositivi ottici elettronici che rilevano e misurano la radiazione mettendola in relazione con la temperatura superficiale della struttura o dell'apparecchiatura ispezionata.

L'uomo è sempre stato in grado di rilevare la radiazione infrarossa. Le terminazioni nervose della cute umana sono in grado di reagire a differenze di temperatura minime pari a ±0,005°C (0,009°F).

Sebbene estremamente sensibili, le terminazioni nervose nell'uomo non sono particolarmente adatte ad una valutazione termica non distruttiva.

Poiché l'uomo ha delle limitazione fisiche nel rilevamento del calore, sono stati sviluppati dei dispositivi meccanici ed elettronici ipersensibili al calore. Tali dispositivi sono comunemente usati per le ispezioni termiche di numerose applicazioni.

TECNOLOGIA A INFRAROSSI

Il termine “INFRAROSSO” significa “oltre il rosso”, in riferimento alla posizione occupata da questa lunghezza d'onda nello spettro della radiazione elettromagnetica. Il termine “termografia” deriva da due parole con il significato di “immagine della temperatura.”

Le origini della termografia possono essere attribuite all'astronomo tedesco. Sir William Herschel che, nel 1800, eseguì degli esperimenti con la luce solare.

Herschel scoprì la radiazione infrarossa facendo passare la luce solare attraverso un prisma e posizionando un sensibile termometro al mercurio nei vari colori che misurava la temperatura di ciascun colore.

Herschel si accorse che la temperatura aumentava quando si spostava oltre la luce rossa in un'area che poi chiamò "calore oscuro". Il "calore oscuro" era la regione dello spettro elettromagnetico attualmente nota come calore infrarosso e riconosciuta come radiazione elettromagnetica.

Una termocamera è un dispositivo che rileva le mappe termiche nello spettro della lunghezza d'onda a infrarossi senza stabilire un contatto diretto con l'apparecchiatura. Ma bisogna aspettare gli anni 60 per l'utilizzo della termografia nelle applicazioni non militari. Sebbene i primi sistemi termografici fossero ingombranti, lenti nell'acquisizione dei dati e con una risoluzione ridotta, essi venivano utilizzati per applicazioni industriali quali il controllo di grandi impianti di distribuzione e trasformazione elettrica.

Gli ulteriori sviluppi avvenuti nel corso degli anni 70 per le applicazioni militari produssero i primi sistemi portatili, da utilizzare per applicazioni quali la diagnostica degli edifici e i test non distruttivi sui materiali.

All'inizio degli anni 80, la termografia era largamente utilizzata per scopi medici, nell'industria tradizionale e per le ispezioni degli edifici. Un'immagine radiometrica è un'immagine termica contenente in ogni punto dell'immagine i calcoli della misura della temperatura.

Alla fine degli anni 80, un nuovo dispositivo chiamato matrice su piano focale FPA (Focal Plan Array) già disponibile sul mercato militare, fu lanciato anche sul mercato commerciale. Una matrice su piano focale (FPA) è un dispositivo sensibile alle immagini composto da una matrice (in genere rettangolare) di rilevatori sensibili all'infrarosso sul piano focale dell'obiettivo. In genere le matrici delle moderne termocamere dispongono di pixel che vanno da 16 × 16 a 640 × 480.

Un pixel, in questo senso, è il più piccolo elemento indipendente di un FPA in grado di rilevare energia infrarossa.

Per applicazioni speciali, le matrici sono disponibili con pixel aggiuntivi fino a 1000 × 1000.

Quasi tutti i moderni sistemi a infrarossi disponibili in commercio utilizzano software per facilitare l'analisi e la stesura di report.

È possibile creare rapidamente dei report e inviarli in formato elettronico su internet o conservarli in un formato comune, ad esempio in PDF, e registrarli su vari tipi di dispositivi di archiviazione digitale.

Bibliografia:  Documenti FLUKE

APPROFONDIMENTI  FLUKE

APPROFONDIMENTI  FLIR

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog
ritratto di Edi82

Termografia- vantaggi e limiti

Sicuramente la termografia è una tecnica da approfondire e presenta molti vantaggi (spiegati bene nell'articolo).
Non dobbiamo però tralasciare alcuni limiti prima di tutto di antura fisica (non può guardare oltre i muri e presuppone il trasferimento di calore per mettere a confronto il comportamento di un corpo). Spesso quindi sono richieste delle attrezzature accessorie: ad esempio per misurare le vibrazioni in un albero di trasmissione.

Leggevo inoltre tempo fa che la normativa italiana riguardo alla termografia era scarsa e poco dettagliata... mi chiedevo quale fosse la situazione ora...

ritratto di Vittorio Crapella

Norme termografia

ritratto di giovanni43

Utile

La termografia è una tecnica di controllo non distruttivo grazie alla quale viene evidenziata una mappa termica dell’oggetto esaminato su un display e si osservano le varie differenze di temperatura, permettendo l’individuazione di difettologie nel materiale / prodotto: questa tecnica mi è stata spiegata molto bene dagli operatori di Tec-eurolab quando hanno effettuato l'esame termografico su alcuni macchianari della mia azienda.

ritratto di martino666

carino

esatto la termografia è una tecnica di telerilevamento che usa onde elettromagnetiche (CAMPI ELETTROMAGNETICI) :) nello spettro dell'infrarosso. NTD e NDE...TELECOMUNICAZIONI...Tecniche NON invasive.
Un altro oggettino simpatico che non centra nulla con questo ma fa back-scattering..è il FibroLaser una variazione Il principio di funzionamento si basa su una combinazione della tecnologia delle fibre ottiche e della tecnologia laser. Con questo criterio le vibrazioni causate da una variazione di temperatura nella struttura cristallina della fibra ottica, che costituisce il cavo sensore, possono essere esattamente misurate da un raggio laser generato da una sorgente laser contenuta nell’unità di controllo.

ritratto di riccardo.r

Interessante. L'analisi

Interessante. L'analisi termografica si rivela utile ai fini del miglioramento dell'efficienza energetica nei processi produttivi. Qui una case history, ad esempio, di uso della termocamera portatile per ricostruire la mappa termica di un forno, per rilevare eventuali "punti caldi" di dispersione
http://www.tec-eurolab.com/it/doc-s-334-2091-1-indagine_termografica_for...
Per l'esame è stata utilizzata una termocamera portatile, con cui sono state effettuate delle riprese nel campo del visibile e successivamente dell'infrarosso, ricostruendo la mappa termica del forno.

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ci sono attualmente 2 utenti e 37 visitatori collegati.

Utenti online

Ultimi Commenti