Home
Accesso / Registrazione
 di 

TJ3SAT la nuova piattaforma satellitare per CubeSat

TJ3sat piattaforma satellitare

TJ3Sat realizza un sistema di trasmissione dalla Terra verso lo spazio e viceversa: frasi in formato testo inviate al satellite vengono convertite tramite un sintetizzatore vocale, e poi ritrasmesse nuovamente verso la Terra su frequenze radio amatoriali.

Il progetto prevede principalmente componenti reperibili in commercio, in aggiunta a una scheda basata su Arduino con a bordo il microcontrollore ATMEGA328. Nato nel 2007 per opera di Adam Kemp, il quale ha coordinato un team di 50 studenti durante la progettazione del piccolo satellite, denominato TJ3Sat, che andrà a confluire nell'iniziativa CubeSat della NASA.

Arduino è una piattaforma di physical computing open source, estremamente semplice da usare, potente e relativamente economica rispetto alle concorrenti parallax o picbasic. E' stata realizzata con lo scopo di permettere la prototipazione rapida di applicazioni di elettronica digitale agli studenti di ingegneria informatica. Oggi vive in quasi 10 versioni ed è estremamente apprezzata sopratutto negli Stati Uniti,dove sono stati creati dei club/laboratori in cui scambiarsi idee e progetti e passare del tempo costruttivo insieme (come il New York Resistor) Addirittura un satellite sviluppato da piattaforma Arduino è stato lanciato da un università americana mediante il payload dello shuttle durante la missione STS-125 (estate 2009) e schemi e programma sono stati resi pubblicamente disponibili per chiunque volesse studiarli.

I lanci della Nasa previsti per il 2011/2012 trasporteranno anche dodici nanosatelliti: hanno la forma di cubi da dieci centimetri di lato. Sono piccoli, economici, leggeri e adattabili. A progettarli sono state le università degli Stati Uniti a partire da un modello di base: i CubeSat, una piattaforma tecnologica inventata una decina di anni fa per la didattica negli atenei degli Stati Uniti.

Una sorta di cantiere aperto per gli studenti di ingegneria aerospaziale. Le loro contenute dimensioni consentono di abbassare il costo della missione spaziale, in quanto si può sfruttare un singolo lancio per mettere in orbita più satelliti dedicati a differenti ricerche.

Lo sviluppo di un CubeSat, per quanto semplice, rappresenta un progetto spaziale a tutti gli effetti. È necessario infatti risolvere problematiche complesse caratterizzate dalla multidisciplinarità tenendo conto dei limiti imposti dell’ambiente, dai costi e dai vincoli del progetto stesso; è necessario soddisfare differenti requisiti spesso in reciproco contrasto, tenendo sempre ben presente gli obiettivi del progetto e della missione. È stato Andrew Kalman, ex ricercatore di Stanford, a costruire i primi nanosatelliti in collaborazione con un docente dell'Università californiana, Bob Twiggs. Erano utili come laboratorio di pratica. Tanto che Kalman ha elaborato un vero e proprio kit per l'assemblaggio di satelliti in miniatura, in vendita anche su internet: costa 7.500 dollari (circa 5.600 euro).

cubesat

Era nata la sua società, Pumpkin Inc. I primi satelliti "in miniatura" sono stati lanciati nel 2003. E hanno aperto un modello di collaborazione con centri di ricerca e aziende. Per separarsi dal razzo vettore utilizzano un modulo in grado di ospitarne tre, costruito in partnership con il Politecnico della California (che ha ricevuto una commessa dalla Nasa per 5 milioni di dollari sui "minimoduli"). Inoltre CubeSat ha convinto anche altri atenei nel mondo a sviluppare microesperimenti.

Le caratteristiche principali del progetto in oggetto all’articolo possono essere riassunte nei punti seguenti:

* Full Arduino feature set * ATMEGA328 : Atmel's ATMega328 è un processore a 8-Bit, dotato di 28 pin DIP package. 32K di memoria. 23 linee I/O. Funziona fino a 20MHz con cristallo esterno.

* Majority of I/O available at H1/H2 104 pin headers

* H1/H2 pinout follows Cal Poly and Pumpkin,

* 2 x MIC2545A High Side Current Switches

* Regolatore a 3.3V TPS76933

* SD Socket

* 24LCXXX SOIC pad for expandable EEPROM

* Microhard transceiver interface

* Integrated Launch Switch and RBF Pin

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog
ritratto di mdipaolo

ah, se non ci fosse la

ah, se non ci fosse la NAsa....

ritratto di Ionela

ArduSat (il nome del

ArduSat (il nome del progetto) porta tutte le caratteristiche meravigliose e la facilità d'uso di Arduino nel form factor Cubesat PC-104

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ci sono attualmente 13 utenti e 53 visitatori collegati.

Ultimi Commenti