Automazione delle case: a che punto siamo?

L'automazione delle case può aprire un mercato enorme per le aziende che producono dispositivi wireless

L’automazione delle case è uno degli obiettivi di moltissime aziende, che intuiscono le potenzialità di un mercato enorme, che non riguarda solo le case di lusso, ma anche il mercato mainstream. A che punto siamo con la rivoluzione dei sistemi di controllo? Il wireless e i contatori intelligenti si stanno diffondendo, ma la strada è ancora lunga…

Obiettivo: case sempre più automatizzate

L’automazione delle case sta facendo passi da gigante. Le nostre abitazioni sono destinate ad essere usate come un ambiente che risponde alle esigenze e allo stile di vita di chi ci abita. La gente vuole che le case diventino più confortevoli, più sicure ed efficienti. L’aumento delle funzionalità dell’elettronica ha ora permesso a questi sistemi di automazione delle case di diventare popolari in tutto il mondo.

L’obiettivo dell’automazione delle case è evoluto dal semplice controllo di sistemi individuali come HVAC, sicurezza, illuminazione e intrattenimento, alla creazione di un piacevole ambiente improntato al risparmio energetico. L’automazione non serve solo al controllo di questi sistemi, ma anche a ottimizzare l’ambiente per chi abita la casa. Questa tecnologia è in crescita non solo nelle case di lusso, ma anche nel mercato mainstream, grazie al calo dei costi e delle tecnologie più avanzate che si stanno sviluppando. Il miglioramento del wireless e del PLC, ha contribuito a rendere l’automazione più pratica, sostituendo la necessità di cablare ogni sistema singolarmente per l’unità di controllo.

I proprietari delle case sono oggi sempre più alla ricerca di una soluzione che permetterà loro di consolidare e coordinare tutte le attività di automazione della casa in un unico sistema. Con la crescente accettazione e consapevolezza dei protocolli aperti, gli utenti possono costruire su misura la casa, passo dopo passo, con i sistemi di automazione, e selezionare i dispositivi o i sistemi di diversi produttori.

Wireless e contatori intelligenti sono già una realtà

I prodotti di automazione della casa rappresentano anche l’apertura di un nuovo mercato per i consumatori mainstream e creano nuove opportunità per i fornitori di servizi a banda larga. Alcuni esempi di questi prodotti già disponibili sul mercato sono l’USB wireless, il coordinatore Wireless Home Automation, il Wireless Home Automation Commander, il Wireless TCP/IP gateway, i sensori di luce, umidità e temperatura, i rivelatori di fumo.

Alcuni software per la gestione dell’automazione delle case consentono ai proprietari di monitorare e controllare il loro sistema di Home Control da qualsiasi computer o dispositivo mobile con un browser web. Queste opzioni sono personalizzabili e offrono agli utenti la capacità di adattare le applicazioni per soddisfare le proprie case.

Naturalmente, i contatori intelligenti per l’elettricità, il gas e l’acqua sono alcune delle parti più importanti di un sistema di automazione per la casa. Il sistema, infatti, ha bisogno di contatori intelligenti in grado di leggere a distanza e, nel futuro, di regolare la quantità di energia che una casa può utilizzare, o variare i costi a seconda della domanda dalla rete. Questo sarebbe utile per aumentare la domanda per l’automazione nelle nuove case. In realtà, i contatori intelligenti hanno davvero il potenziale per essere la chiave che apre una più ampia attuazione dei sistemi di automazione della casa, con infrastrutture di rete che stanno diventando più mature.

Al momento ZigBee e Z-Wave sono le due tecnologie wireless basate su standard che promettono un futuro luminoso per il collegamento tra i contatori intelligenti e la casa per i dispositivi di automazione alla rete a banda larga. ZigBee ha una larghezza di banda maggiore e più funzionalità, mentre lo sviluppo di Z-Wave è sostenuto da un gigante, Intel. Sarà interessante vedere quali di questi standard sarà il vincitore finale, o se emergerà un altro contendente.

Prodotti Wireless ZigBee da Farnell

18 Comments

  1. dariolynx 4 febbraio 2011
  2. giuskina 4 febbraio 2011
  3. mingoweb 5 febbraio 2011
  4. Alex87ai 5 febbraio 2011
  5. Luca Nicolini 5 febbraio 2011
  6. giuskina 5 febbraio 2011
  7. Fabrizio87 6 febbraio 2011
  8. Fabrizio87 6 febbraio 2011
  9. giuskina 7 febbraio 2011
  10. stewe 4 febbraio 2011
  11. linus 4 febbraio 2011
  12. stewe 4 febbraio 2011
  13. s1m0n3t 4 febbraio 2011
  14. stewe 4 febbraio 2011
  15. Francesco12-92 4 febbraio 2011
  16. NIck_BG 7 febbraio 2011
  17. Arx33 4 febbraio 2011
  18. Fabrizio87 4 febbraio 2011

Leave a Reply

Vuoi leggere un articolo Premium GRATIS?

RFID: un acronimo mille possibilità