Home
Accesso / Registrazione
 di 

La continua lotta tra il Linux kernel e Google Android

Google sta lavorando perché Linux kernel e Android possano lavorare insieme

Linux kernel e Google Android continuano la loro relazione problematica. Google sembra intenzionata a collaborare con il team di sviluppo del Linux kernel per superare i problemi legati in particolare all’uso di WakeLocks. La situazione attuale costringe i venditori di chip, come Qualcomm e Texas Instruments, a mantenere due versioni di Linux, con e senza WakeLocks.

Il Linux kernel e Android: continuano i problemi

Si potrebbe obiettare che Google Android, ora così popolare sugli smartphone, è il Linux più popolare di tutti in questo momento. C'è solo un piccolo problema: Google Android ha continuato ad essere fuori del mainstream di Linux.

Si è capita la rottura tra Android e Linux quando Ryan Paul ha riferito che "l’ingegnere di Google Patrick Brady ha dichiarato senza ambiguità che Android non è Linux."

Brady ha un po’ esagerato, perché in realtà Android è Linux. Per essere precisi, la versione 2.2, Froyo, corre sopra il kernel 2.6.32 di Linux. Per citare dalla pagina dello sviluppatore di Android, Dalvik, l’interfaccia basata su Java di Google Android utilizza il kernel "Linux per le funzionalità di base come il threading e la gestione della memoria a basso livello”. In pratica, senza Linux, non c'è Android.

Ma, Google Android ha una propria direzione, una direzione che non è compatibile con il kernel ufficiale di Linux. Come Greg Kroah-Hartman, capo del Linux Driver Project e ingegnere della Novell, ha scritto in “Android e la comunità kernel di Linux”, "Il codice del kernel di Android è molto più degli strani driver che erano in drivers / staging / androidsubdirectory nel kernel. Al fine di ottenere un sistema funzionante Android, è necessario un nuovo tipo di blocco, come nel sistema principale per il loro modello di sicurezza. Per scrivere un driver per hardware che lavori su Android, è necessario integrarlo adeguatamente in questo nuovo modo, così come a volte il modello di sicurezza". Come si può immaginare, non è andato bene nei circoli Android.

Questo disaccordo deriva da almeno due punti. Uno era che gli sviluppatori di Google Android avevano preso la propria strada per affrontare i problemi di alimentazione con WakeLocks. L'altra causa, come ha detto il manager di open source di Google Engineering Chris DiBona, era che i programmatori Android stavano lavorando così tanto su specifici dispositivi Android che avevano fatto un pessimo lavoro di co-coordinamento con gli sviluppatori del kernel di Linux.

WakeLocks: l’ago della bilancia tra Linux kernel e Android

Google ha cercato di fare la cosa giusta assumendo due nuovi sviluppatori Android per lavorare più a stretto contatto con il team di sviluppo del kernel Linux, per mettere Android in sincronia con Linux kernel. A quel tempo, sembrava che Google e Android sarebbero rapidamente tornare alla stessa pagina. Ma così non è stato.

Il vero problema è che Google Android ha avuto tanto successo, e che ha ispirato molti produttori di hardware a scrivere driver di periferica per Android. WakeLocks chiede i driver di periferica e la cosa diventa problematica quando si desidera inviare il codice a monte. La questione è che questo obbliga i venditori di chip, come Qualcomm e Texas Instruments, a mantenere due versioni di Linux, con e senza WakeLocks. Naturalmente, queste aziende non sono soddisfatte di dover fare lavoro extra.

Chris Mason, direttore di Oracle per l’ingegneria Linux kernel, ha aggiunto che questo tipo di conflitto non è nuovo. Mentre James Bottomley, ingegnere a Novell e maintainer del kernel di Linux, ha aggiunto che far funzionare Android in modo regolare con il resto di Linux richiderà un sacco di sforzo, ma ne sarà valsa la pena per la comunità".

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog
ritratto di ffilippo

invece di scrivere di linux

invece di scrivere di linux e android che ne diresti di fare un bel ripasso di sintassi e grammatica italiana ?

ritratto di Maurizio S.

manca una virgola :)

Molti, come te oggi, dicevano a Dante: "invece di scrivere, ripassa il latino".

..e guarda tu come è andata a finire. :)

Gli errori comuni, fanno parte dell'evoluzione naturale delle lingue.

Parlaci un po tu, di Linux e Android.

Un Saluto
Maurizio.

ritratto di Emanuele

Maurizio, ho appena finito

Maurizio, ho appena finito di scrivere il mio commento, che (con piacere) leggo il tuo!

Hai perfettamente ragione, l'itagliano Tongue out è importante certo, ma qui non siamo su Garzanti o Zanichelli, qui siamo sull'Elettronica Open Source e quello che ci interessa è appunto la questione Linux / Android non le virgole!

Sai, all'inizio ci rimanevo molto male (di essere criticato per delle sciocchezze, ache se su articoli non miei, comunque sono il supervisor) ma poi ho pensato, anzi ho visto certi strafalcioni su giornali, riviste e abbonamenti televisivi, molto piu "autorevoli" di noi, con sicuramente piu disponibilità economica per verifiche e controlli, e che comunque PAGHIAMO!

Sinceramente non so cosa spinge un visitatore a scrivere un commento del genere, inutile e fuori tema, senza nessun riferimento al Linux ed Android, senza nessun contributo per la comunità, insomma, per scivere ciò impiega del tempo, ma per dirci la sua su Android e Linux no.... mah!

Questo non vuol dire che non accettiamo suggerimenti sulla grammatica, anzi, ringrazio per tale attività di supporto alla verifica dei contenuti, ma farebbe molto piacere fosse inserita in un contesto produttivo, come spesso molti utenti fanno. Dicono la loro, sono utili alla comunità, poi ci segnalano la svista, oppure in altri casi sono stato pesantemente criticato, ma tecnicamente e quello, anche seppur piu doloroso (per un progettista elettronica) lo accetto di più, anzi dippppiù!

Sono curioso di sentire a questo punto cosa ne pensa l'autrice, Rossella!

ritratto di Emanuele

Caro Filippo

Caro Filippo, mi soffermerei di piu su quello che sta succedendo tra gli sviluppatori Android e Linux.

Ti interessa di più una (eventuale) svista grammaticale?

ritratto di Fabrizio Cappelletti

Qualità

Concordo che bisogna guardare al succo e non alla confezione, però effettivamente in più punti la stessa sintassi scorretta (dovuta immagino ad una traduzione non felice) non mi ha permesso di capire appieno alcuni concetti; non parlo quindi di qualche errore grammaticale (che può scappare a tutti) né mi piacciono i toni usati nella critica (che poteva rivelarsi costruttiva).

Questo è un articolo informativo e come tale dovrebbe mantenere una certa qualità soprattutto nei contenuti ma anche nella forma, a prescindere dal fatto che sia a pagamento diretto/indiretto/nullo: ormai nell'era di internet l'informazione è di pubblico dominio e su più fonti e non vedo perché non dedicare il tempo necessario alla scrittura di un articolo invece di pubblicarne una bozza frettolosa (sarebbe bastato rileggerlo almeno una volta).

Credo che in questo mare nostrum di informazione quello che possa fare veramente la differenza sia la qualità ed è quello che mi aspetto da siti di informazioni che considero attendibili e autorevoli: di 'sitarelli di notizie' ce ne sono tanti in giro, ma voi non siete sicuramente tra questi.

ritratto di Rossella De Marchi

Risposta a Filippo

Ho visto solo ora i commenti... Ringrazio Filippo per aver dedicato del tempo alla lettura di questo articolo, anche se penso che la critica avrebbe potuto avere un tono diverso ed essere più costruttiva, indicandomi ad esempio gli errori e le sviste. Oppure avrebbe potuto dare il suo contributo alla discussione su Android e Linux, anziché fare una critica come quella che ho letto.

Ciò non toglie che mi scuso per le sviste e che certamente farò più attenzione in futuro, rileggendo più e più volte l'articolo prima di inserirlo sul sito. Non voglio invocare scuse di qualche genere per una o più eventuali sviste che possono esserci (anche se non dovrebbero), semplicemente spero che in futuro la discussione si focalizzi di più sugli argomenti che possono interessare al resto della community, piuttosto che su un errore dell'autrice...

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ci sono attualmente 1 utente e 36 visitatori collegati.

Utenti online

Ultimi Commenti