Home
Accesso / Registrazione
 di 

Un esempio di programmazione non lineare

Matematica_Math_Wallpaper_01

Con questo articolo ho voluto dare anch'io un piccolo contributo alla trattazione della programmazione matematica, un argomento, tanto vasto e complesso quanto affascinante, che è stato già affrontato in due articoli di ELETTRONICA OPEN SOURCE (Capire la programmazione lineare e La programmazione lineare). Illustro un semplice esempio di programmazione non lineare, più precisamente quadratica.

Contenuto esclusivo per gli ABBONATI PLATINUM di Elettronica Open Source.

Leggi subito tutto l'articolo e poi ricevilo in PDF all'interno di EOS-Book insieme a tanti altri vantaggi offerti dall'Abbonamento Platinum! Diventa Utente PLATINUM

SCOPRI TUTTI I VANTAGGI DI UN ABBONAMENTO ANNUALE CHE COMPRENDE ANCHE TUTTO L'ARCHIVIO

 

 

 

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog
ritratto di Marco Giancola

Sono convinto che la

Sono convinto che la programmazione matematica possa e debba essere utilizzata per risolvere l'attuale crisi economica (ovviamente non sto asserendo che da sola sia sufficiente). Secondo voi, Monti e i suoi collaboratori, i cosiddetti "tecnici", l'avranno usata? Io ho i miei dubbi.

ritratto di Marco Giancola

Volendo semplificare al

Volendo semplificare al massimo il problema, forse si potrebbero impostare delle funzioni obiettivo di questo tipo: dx - f(dx), dove dx è l'incremento di una certa tassa e f(dx) è il danno all'economia, quantificabile in termini di denaro, causato da dx.
Tra gli avventori di questo sito, non c'è nessun esperto di economia che possa renderci più edotti su tale questione?

ritratto di Boris L.

Fare trouble-shooting con la

Fare trouble-shooting con la matematica, sapersi muovere tra equazioni e teoremi trovando il mondo di renderla "pratica" è bellissimo.
Trovo che la matematica sia una scienza affascinante e completa.
Davvero meravigliosa.
Ottimo esempio.

ritratto di Marco Giancola

La ringrazio. Sarebbe a dir

La ringrazio. Sarebbe a dir poco superfluo dire che sono totalmente d'accordo con lei. Purtroppo siamo in pochi a pensarla così, ed io mi sto chiedendo se non ci sia una correlazione tra il disprezzo per la matematica e la diffusa propensione all'irrazionalità che si manifesta in diversi modi: la superstizione; la passione per l'astrologia, la numerologia e le altre pseudoscienze; il credito dato a maghi, astrologi, medium e altri ciarlatani.

ritratto di Piero Boccadoro

Nelle linee di principio tu

Nelle linee di principio tu hai ragione.
Le riflessioni che avete fatto mi trovano perfettamente d'accordo.
Marco, ti consiglierei di non "allargare" troppo il discorso.
Tra il credere alla Befana e sperare in una condizione di vita migliore c'è sempre una differenza.
Tu hai ragione quando dici che la razionalità crea questa differenza e questa distanza ma la verità è che per essere razionali bisogna imparare ad acquisire gli elementi ed il metodo attraverso cui noi acquisiamo elementi per poter discutere in maniera consapevole è la conoscenza, più ampia possibile.
È un fatto culturale, non soltanto di razionalità: bisogna studiare!
Qualunque cosa!
Bisogna che la mente sia allenata ad avere dei dubbi, a farsi delle domande…
Solo l'istruzione, solo la scuola possono dare queste risposte!
Ovviamente, secondo me! :)

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ultimi Commenti