Home
Accesso / Registrazione
 di 

I nano materiali (peptidi) rivoluzionano i pannelli fotovoltaici e le batterie

pannelli fotovoltaici, peptidi

L'università di Tel Aviv lavora sullo sviluppo di una tecnologia che utilizza dei nanomateriali per rendere i pannelli fotovoltaici repellenti alla sporcizia e le batterie per le auto elettriche più efficienti. I peptidi respingono polvere e residui dal vetro e resistono alle alte temperature. In un prossimo futuro potremmo non avere più bisogno di pulire le nostre finestre. 

Lo studio dei peptidi


Oltre all'implementazione di nuove tecnologie eco compatibili gli studiosi di tutto il mondo stanno cercando di ottimizzare e migliorare quelle tecnologie affinché siano utilizzabili al meglio e convenienti. Si lavora sulla pulizia dei pannelli fotovoltaici e sull'espansione delle capacità delle batterie adottate dai futuri modelli di macchina elettrica, attraverso l'utilizzo di peptidi, microparticelle dai comportamenti straordinari. L'università di Tel Aviv ha condotto una ricerca che riguarda l'uso di peptidi a un livello di nanoparticelle che potrebbe facilitare l'utilizzo delle tecnologie in sviluppo. Il professor Ehud Gazit del Dipartimento di microbiologia molecolare e biotecnologia sta lavorando sul progetto insieme ai suoi studenti e una squadra di ricerca. Gli studi si concentrano su peptidi nel range di 100 nanometri (circa un miliardesimo di metro) o meno. La ricerca si concentra su un nuovo modo di manipolare gli atomi e le molecole dei peptidi, per fare in modo che crescano come una foresta d'erba. La specialità di questa "foresta di peptidi" è di respingere la polvere e l'acqua. In questo modo potrebbero creare una copertura che automaticamente si ripulisce da applicare su vetri e pannelli solari.

Perché tutti questi sforzi? Perché la sporcizia e la polvere indeboliscono l'efficienza di pannelli solari e simili. Secondo Adler-Abramovich, uno dei partecipanti alla ricerca, lo studio si è rivelato ancor più utile "Abbiamo scoperto che potrebbe riguardare anche lo sviluppo delle macchine elettrche, l'energia solare e l'edilizia".La squadra sta anche lavorando, usando i peptidi, per sviluppare dei nanotubi naturali che lavorano ad alte temperature. Questi peptidi sono semplici e costano poco, quanto la produzione del dolcificante articiale di aspartame. I nanotubi possono sopportate altissime temperature e sono resistenti all'acqua. Continua Adler-Abramovich: "Non stiamo producendo il materiale ma sviluppiamo la tecnologia alla base che permetterà di creare finestre autopulenti e sistemi di conservazione di energia più efficienti nei prossimi anni. Siamo in grado di fare in modo che i peptidi si "auto assemblino" per formare un rivestimento totalmente nuovo che è anche un super condensatore".

Pannelli fotovoltaici sempre puliti e super batterie


Questo nanomateriale può anche esibire la proprietà di condensare una straordinaria densità di energia. L'evoluzione delle batterie per auto elettriche potrebbe subire una radicale accelerazione. Potrebbero essere superato le limitazioni attuali delle batterie elettriche. Avere a disposizione una quantità maggiore di energia significa, poter superare altre auto e affrontare una salita senza problemi. "Questa tecnologia potrà portare a immagazzinare materiale ad alta densità, che è necessario quando si ha bisogno di generare molta energia in un periodo breve di tempo. Potrebbe essere anche incorporato nelle attuali batterie al litio." spiega Adler-Abramovich.La pulizia delle finestre potrebbe diventare un lontano ricordo?Se il progetto attuale otterrà il successo sperato, le finestre esterne di un alto grattacielo, potrebbero non aver più bisogno di essere pulite. Il nuovo materiale dell'università di Tel Aviv potrebbe eludere l'acqua piovana, la polvere e la sporcizia. L'efficienza dei pannelli fotovoltaici potrebbe essere migliorata perché basterebbe un po' di pioggia per mandare via la polvere accumulata sul panello. Tutto questo conduce ad un grande risparmio di manutentenzione e pulizia. Molti dei pannelli solari sono stati costruiti nel deserto quindi la pulizia degli impianti è un problema rilevante.

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ci sono attualmente 1 utente e 53 visitatori collegati.

Utenti online

Ultimi Commenti