Home
Accesso / Registrazione
 di 

Le nuove sfide per il design dei dispositivi radio da macchina. Aspettative e progresso 2/2

si prospettano nuove sfide per il design dei dispositivi audio da macchina

Quali sono le nuove sfide per il design dei dispositivi radio da macchina? Le vediamo in questa seconda parte (nella prima parte abbiamo visto la nuova frontiera dell'intrattenimento e che cosa aspettano i clienti dai loro sistemi di intrattenimento installati sulle loro automobili - Le nuove sfide dell'infotainment)

Progettazione, le sfide sulla qualità

Tradizionalmente, il fatto che la radio potesse includere altre funzioni oltre a quella naturale di riproduzione dell'audio ha richiesto l'aggiunta di hardware sul dispositivo.
Con quale conseguenza? Quella che lo spazio disponibile sull'unità di testa della vettura è letteralmente scomparso.

La natura compatta dell'elettronica ha causato anche problemi per quel che riguarda il consumo di energia e la dissipazione del calore.
Per le radio “complesse”, l'attività di raffreddamento è obbligatorio e di primaria importanza per poter rimanere all'interno di un range di temperatura di sicurezza in modo che il dispositivo funzioni come dovrebbe. Se la temperatura supera tale limite, potremmo trovarci davanti a problemi che potrebbe portare al degrado del supporto oppure ad interruzioni durante la riproduzione, così come un maggiore stress sull'intero sistema audio della macchina.

Superare i test OEM: massima qualità ed efficienza

A causa della lunga durata di vita prevista per un autoveicolo di moderna concezione e le più estreme condizioni di esercizio della guida automobilistica, si richiede ai produttori dei prodotti finiti un altissimo livello di qualità ed affidabilità per il sistema di infotainment da montare sull'unità di testa della autovettura.

Come risultato, i componenti, ed in particolare i circuiti integrati, devono dimostrare di poter resistere alle temperature che cambiano in modo repentino, alle vibrazioni e all'umidità, condizioni che si troveranno ad affrontare nel corso della vita di una macchina.

Per l'industria automobilistica è obbligatorio far qualificare la parte in base agli standard comuni della AEC-Q100, che è stato sviluppato dai principali costruttori di automobili. Parti che sono stati originariamente sviluppate per le applicazioni che dovrebbero essere acquistate dai consumatori insieme alla macchina spesso non riescono a soddisfare questi requisiti, e in genere vengono eliminati nei primi mesi del processo di selezione.

La vicinanza dei sistemi elettronici all'interno delle radio situate nell'unità di testa della macchina può causare interferenze e questioni di compatibilità elettromagnetica (EMC), che possono portare a seri problemi di prestazioni.
Ciò è particolarmente vero per i sensibili blocchi analogici. I progettisti devono lavorare con cura, utilizzando schermature efficaci testati con prove rigorose, per verificare che gli effetti di EMC e di interferenza possano essere controllati se non proprio evitati del tutto.

Il costo è un fattore importante nel design e la necessità di ridurre i costi è passata su tutta la catena di approvvigionamento dei materiali e di produzione. I prodotti OEM non solo hanno la necessità di considerare il prezzo dei componenti, quando si fanno i calcoli economici, ma anche il tempo di sviluppo per la progettazione e i possibili debug del sistema.

È fondamentale per evitare gli errori che vengono in fasi successive del progetto in ritardo così di solito si cerca di contare su venditori di comprovata fiducia con una storia di componenti affidabili prodotti che sono già stati utilizzati nel settore automobilistico e che hanno funzionato senza problemi.

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ci sono attualmente 1 utente e 36 visitatori collegati.

Utenti online

Ultimi Commenti