Home
Accesso / Registrazione
 di 

Meno sprechi di energia per produrre prugne secche

energia alternativa

Una combinazione di energia alternativa e modellizzazione computazionale sviluppato da CSIRO in collaborazione con Horticulture Australia Limited (HAL) e l'Australian Prune Industry Association ha ridotto il fabbisogno energetico del 60% in alcune aree di trasformazione degli alimenti, come per esempio la disidratazione di frutta come le prugne. Malcolm Taylor, responsabile dell’Advisory Committee Chair in ambito industriale ha dichiarato che lo studio intrapreso per riuscire a ridurre questi costi di disidratazione è stato di grande interesse.

La collaborazione tra le istituzioni e organismi come HAL e CSIRO è stato un passo importante per migliorare l'efficienza dei costi di disidratazione in quanto coprono una parte importante dei costi totali di fabbricazione del prodotto finito. Attraverso questa ricerca, le aspettative per il futuro implicano che le aziende riescano a raggiungere un notevole risparmio di energia, di soldi e di emissioni di gas serra, questo senza frenare un aumento di produttività.
Il Dott. Henry Sabarez di CSIRO ha dichiarato che attraverso indagini sperimentali in laboratorio e su scala commerciale, la valutazione di pratiche operative e la modellizzazione computerizzata del design del tunnel di disidratazione e delle prestazioni, hanno permesso degli aumenti significativi in termini di efficienza energetica e di produttività. Inoltre, ulteriori risparmi energetici sono suscettibili di essere adeguati con il recupero del calore e con l’utilizzo di impianti solari come base per i disidratatori esistenti.

Lavorare con l'industria della lavorazione della prugna ha dimostrato i vantaggi reali fin dalla base che sono possibili con l’applicazione estesa di questo approccio. Altre parti dell'industria di trasformazione alimentare, e quindi anche le industrie di trasformazione di altri tipi di alimento oltre le prugne, potranno godere degli stessi vantaggi in termini di risparmio energetico.
(Da physorg.com )

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ci sono attualmente 1 utente e 17 visitatori collegati.

Utenti online

Ultimi Commenti