Una nuova vita da combustibile per le alghe

alghe per biocombustibili

Il Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti ha rilasciato una nuova direttiva per lo sviluppo dei biocarburanti a base di alghe. I ricercatori DOE aveva respinto questo tipo di biocarburante, come troppo costoso per essere applicato con successo commerciale a metà degli anni ’90, a seguito di un progetto di ricerca di quasi vent’anni. La nuova direttiva è stata accompagnata da l’annuncio di 24 milioni dollari in nuovi finanziamenti al DOE per la ricerca sulle alghe come biocarburanti, finanziamento che si aggiunge ai 140 milioni dollari dello scorso anno con il Recovery Act.

Da allora, la biotecnologia ha percorso una lunga strada, in quanto il precedente progetto, con una ricerca dedicata e un programma di sviluppo, i ricercatori sono stati in grado di portare l’economia a uno stadio adeguato entro un ciclo di 10 anni. È valsa la pena reinvestire in questo progetto perché ormai il traguardo era vicino. Il DOE aveva originariamente considerato le alghe come un mezzo per correggere i biocarburanti, perché alcuni tipi di alghe producono naturalmente grandi quantità di petrolio. Gli organismi, se coltivati in stagni o bioreattori chiusi, sono prolifici e potrebbero essere utilizzati per produrre più carburante per acro rispetto agli altri approcci, come il biochimico o il termochimico basati sulla conversione di biomasse cellulosiche in combustibile.

Ma il programma DOE, che si è concluso nel 1996, ha scoperto che le alghe in crescita, e quindi la raccolta e la lavorazione degli oli, sarebbe conveniente solo a prezzi elevati di petrolio – tra $ 59 e $ 186 al barile. A quel tempo, i prezzi del petrolio erano fermi a meno di 20 dollari al barile. Le stime attuali del prezzo del petrolio necessario perché le alghe siano una risorsa competitiva, va da $ 10 a $ 100 al barile. Alcune stime sono ancora più alte: gli approcci convenzionali sono competitivi quando i prezzi del petrolio sono elevati come $400 al barile.
La direttiva prevede un piano ad ampio raggio per portare giù il costo di produzione dei biocarburanti ad alghe. Esso identifica un’ampia gamma di sfide e obiettivi di ricerca in parte già raggiunti, piuttosto che selezionare gli approcci nuovi. Sono necessarie ulteriori ricerche per sapere se è meglio, per esempio, far crescere le alghe in un laghetto aperto e poi raccolto l’olio, o far crescere alghe e secernere continuamente carburanti all’interno di bioreattori chiusi.
La direttiva esplica anche in dettaglio le ragioni che hanno rivelato difficile l’uso di biocarburanti ad alghe. Per esempio, la crescita di alghe in stagni aperti è probabilmente l’opzione più basso costo del capitale, ma i progetti pilota hanno dimostrato che ceppi altamente produttivi in questi stagni aperti sono rapidamente affollati da ceppi selvatici meno produttivi.

La sigillatura delle alghe nei bioreattori può aiutare a proteggerle, ma può anche causare il surriscaldamento delle alghe e quindi conseguenze ambientali più importanti.
Una delle caratteristiche interessanti delle alghe è che possono crescere in acque di scarico, riducendo i costi e lasciando l’acqua fresca per usi diversi, come la coltivazione degli alimenti. Ma secondo la direttiva, in pratica, i costi associati all’acqua potrebbero essere più elevati del previsto. Per esempio, si potrebbero introdurre nelle acque reflue degli agenti patogeni che causano la morte delle alghe, rendendo il trattamento delle acque potenzialmente costoso. In vasche aperte, l’acqua che evapora deve essere alimentata con acqua dolce (altrimenti contaminanti saranno sempre più concentrati nel tempo). In reattori chiusi, con i sistemi di raffreddamento potrebbero anche aumentare il bisogno di acqua dolce. Se non viene adeguatamente trattata, l’acqua può diventare un fattore frenante per la tecnologia. Per queste e altre ragioni, molti investitori continuano ad essere scettici sui biocarburanti ad alghe. Un confronto tra l’energia rinnovabile da biomassa e da alghe suggerisce che i costi sono quasi sempre più elevati per le alghe. (da Technologyreview)

One Response

  1. @Facebook 23 luglio 2010

Leave a Reply