Progettiamo i filtri considerando l’aliasing ed il sotto campionamento

filtri digitali

Parlare di filtri oggi vuol dire non riuscire ad essere particolarmente originali. Non è certamente un argomento nuovo ma è sicuramente molto appassionante per tutti coloro che si occupano di elettronica analogica, lavorano con l’audio, soprattutto i puristi del suono che ben conoscono il sotto-campionamento. Senza contare che gestire un filtro è un’operazione ormai quotidiana nell’ambito del marketing e della pubblicità: chi usa Photoshop e lavora su saturazione e bilanciamento dei toni non fa altro che usare filtri digitali. Gli appassionati di videogiochi ben conoscono il fenomeno dell’Aliasing ed hanno imparato a gestirlo con filtri opportuni. Il fatto è che i filtri sono dovunque. Sono analogici e digitali e la loro funzione è vitale e nei sistemi di controllo embedded sono sempre più impiegati. Oggi ve li raccontiamo meglio provando a dare una mano soprattutto chi tra voi sta cominciando adesso.

Contenuto riservato agli abbonati PLATINUM. ABBONATI ORA.

One Response

  1. Emanuele 13 dicembre 2013

Leave a Reply