Home
Accesso / Registrazione
 di 

Una Racing Car realizzata interamente in materiali riciclabili e di sottoprodotti di origine vegetale 2/2

la WorldFirst, la prima macchina da corsa fatta con materiali riciclati

Una macchina da corsa della categoria Formula 3 realizzata interamente con materiali riciclati e rinnovabili? Adesso sembra possibile e il progetto potrebbe essere un segno dello sviluppo a venire nel settore automobilistico. Almeno, questa è la speranza di alcuni ricercatori britannici che hanno costruito WorldFirst. Nel precedente post, la prima parte di questo, ci eravamo lasciati parlando della composizione e dei materiali di realizzazione della macchina. Rispartiamo da lì.

Un derivato del cioccolato per carburare

Il motore della vettura da corsa WorldFirst gira con un biodiesel derivato dal grasso di cioccolato: gli ingegneri che hanno lavorato al progetto WorldFirst rilevano che il grasso di cioccolato che viene utilizzato per questo scopo è in realtà un prodotto di scarto dell'industria alimentare. "Ogni volta che si realizza un biodiesel ottenuto da materiali di scarto si può affermare che è carbon neutral".

Il radiatore è rivestito con PremAir, un materiale catalizzatore che converte la parte delle emissioni di ozono della vettura in ossigeno: questo è un procedimento che speriamo prenda corpo e si sviluppi ancora perché gli ingegneri di WorldFirst ci dicono che le emissioni di ozono al livello del suolo sono molto pericolose in quanto inquinanti.

La durata dei materiali e la loro resistenza

Quanto è forte e quanto sono durevoli i materiali con cui è fabbricata questa macchina da Formula 3?

"In termini di durata si sta ancora lavorando su questo : tutte le parti che abbiamo fatto fino ad oggi sono già molto forti e resistenti. Le fibre naturali è molto probabile che abbiano una minore resistenza agli agenti atmosferici con l'effetto, per esempio, che le fibre che assorbono l'umidità a cui sono esposte piano piano poi si degradino. Le parti in fibra di carbonio e fibra di vetro riciclate, così come le resine, devono avere pari resistenza ai materiali standard.

I componenti Biofiber sono derivati da una varietà di piante che sono già utilizzate in alcuni paesi per componenti delle auto non destinate alle corse auto, dice Mohini Sain, un professore di scienze forestali presso il Center for Biocomposites Processing dell'Università di Toronto. Alcuni produttori utilizzano dei biomateriali per i pannelli,le mensole, copri pneumatici e i tappetini interni delle vetture.

Alla fine, con i passi da gigante che compie la tecnologia migliorandosi, i biomateriali saranno utilizzati in componenti più grandi che non fanno parte del progetto WorldFirst dal momento che si parla di un'auto da destinare alla pista. Questa l'idea di Sain. Già alcuni materiali biofiber sono stati realizzati (così come fibre di vetro) e sono meno dense nella composizione.

Sain rileva che i materiali biofibers possono deteriorarsi se esposti all'umidità, ma le fibre sono rivestite di resine e plastiche per contrastare questo fenomeno e problema noto.

Si prevede che la vettura in questione dovrebbe durare quanto qualsiasi altra vettura da corsa, e si dice: «Le parti in fibra naturale possono durare molto anche se la loro resistenza agli agenti atmosferici non sembra essere buona come quella dei materiali chimici esistenti." Alla fine, "idealmente tutti i prodotti naturali di fibra possono essere triturati e trasformati in compost, le parti in carbonio possono essere riciclate di nuovo con una piccola quantità di degrado".

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ci sono attualmente 5 utenti e 49 visitatori collegati.

Ultimi Commenti