Home
Accesso / Registrazione
 di 

Ricetrasmettitori LIN con Regolatore di Tensione Integrato

Ricetrasmettitori LIN con Regolatore di Tensione Integrato

La semplicità e la resistenza di LIN lo rendono il più scelto specialmente quando fa parte di un sottosistema: ovvero quando diventa un componente di un sistema elettronico all’interno di un’auto che non ha nessun bisogno di connettersi con la trasmissione CAN principale del veicolo. Oltre che all'interno di un’auto, si usa preferibilmente come metodo di comunicazione all'interno di un'unità elettronica.

Pertanto, i ricetrasmettitori LIN sono ancora sul mercato, sottoposti a tutte le costrizioni che regolano lo sviluppo di altri componenti elettronici: miniaturizzazione, affidabilità, caratteristiche e soprattutto ovviamente il costo.
A parte questo un ricetrasmettitore LIN può fare semplicemente molto di più, in base alle specifiche correnti dello standard. Un modo che i maggiori fabbricanti di IC hanno inventato per competere e migliorare la miniaturizzazione è quello di utilizzare il ricetrasmettitore LIN in un package contenente altre funzionalità. E la funzionalità che sarà sempre richiesta in un modulo elettronico è l'alimentazione elettrica.

Molti fabbricanti dell'IC hanno deciso di installare un ricetrasmettitore LIN nello stesso package con un regolatore di tensione; all’inizio era poco chiaro il motivo per cui avevano deciso di pubblicizzare questo prodotto come un ricetrasmettitore LIN con regolatore di tensione integrato, piuttosto che come un regolatore di tensione con un ricetrasmettitore LIN integrato. Ma poi ho capito che quando stai cercando un'alimentazione elettrica per il tuo apparato è improbabile che ne sceglierai uno basato sul criterio se ha o meno un ricetrasmettitore LIN.

Non si tratta solo del fatto che il regolatore di tensione sia incluso nel package, ma questi IC offrono anche un reset di uscita molto utile che può essere usato per abilitare il micro quando tutti i livelli di tensione sono a posto, mentre rimuove la necessità (in alcuni casi) di avere degli scomodi circuiti di reset.

Ricetrasmettitore LIN

Due dei maggiori rivali sul mercato hanno tirato fuori simili apparecchiature: Microchip, OnSemi ed un fabbricante meno noto - Melexis.

I vantaggi di questi IC sono abbastanza ben delineati. Occupano meno spazio sul PCB rispetto a quanto ne occuperebbero se separati un ricetrasmettitore LIN e un regolatore di tensione; insomma si tratta di semplificare il progetto, e paghi per un solo componente. Sono tutti apprezzati e hanno ottime prestazioni, mentre trarre profitto da tutto ciò vuol dire: maggiore intervallo di temperatura, maggiore variazione di tensione, maggiore affidabilità. Una possibile (molto semplificata) architettura di un sistema generico è suggerita da Microchip, che rimane connesso al bus CAN dell’auto ma che utilizza ancora il LIN.

LIN Transceivers with Integrated Voltage Regulator

Gli slave possono consistere anche soltanto del nuovo ricetrasmettitore LIN col regolatore di tensione, il micro ed i sensori. Tale architettura è appropriata per progetti hi-end di Unità di Controllo Airbag (ECU ed i satelliti di accelerazione/pressione), Sistemi di Visione del Veicolo (gli ECU e i rivelatori di posizione), sensori di distanza ecc.

Comunque un consiglio. Sebbene siano convenienti e versatili, questi IC offrono solamente un valore nominale limitato di corrente. Il migliore (e solamente da questo punto di vista) offre 70mA a 5V che in determinate circostanze non risultano essere sufficienti. Anche se è probabile che si ottiene più corrente se si usa la 3.3V logica ed una tensione di commutazione aggiuntiva per prendere tensione al disotto dei 5V, questo approccio sconfiggerebbe gli scopi di tali apparecchiature: più IC, più componenti, schemi più complicati, e pertanto prezzo più alto.

Per il progettista è rassicurante sapere che esistono dispositivi pronti all’uso. Il risparmio di prezzo non è solo nell'avere le due funzionalità in un unico componente, o un PCB più piccolo, ma ne troveremo giovamento anche a livello logistico dal momento che si ha a che fare con un solo fornitore invece di almeno due, si avrà in magazzino un solo componente invece di due, si consegnerà un solo componente al reparto montaggio invece di due. Per alti livelli di quantità di produzione abbiamo anche il vantaggio che la macchina pick&place installa solamente un componente su PCB invece di due. Tutto ciò è da considerarsi un guadagno, ed il prodotto è migliorato perché ha un componente invece di due.

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Ultimi Commenti