Riconoscitore di colori per non vedenti e daltonici [fai-da-te]

Blind

Tutte le persone “sane” spesso sottovalutano quanto potrebbe essere importante e bello, per chi viceversa sano non lo è, riuscire ad avere una percezione del mondo più completa e, in qualche modo, compensare le sue difficoltà e debolezze. Quest’oggi vi presentiamo un’idea. Un concept. Un progetto nato da un’idea quasi estemporanea: un riconoscitore di colori per non vedenti e daltonici. Questo particolare sistema, molto semplice, permetterà loro di conoscere il colore di un oggetto semplicemente avvicinandovi il dispositivo. Questa prima versione è poco più che dimostrativa ma ha lo scopo di semplificare e schematizzare un problema apparentemente molto complesso per poi, nel futuro, venire sviluppata e funzionare all’altezza delle più esigenti aspettative. Siete pronti a scoprire di che si tratta?

ATTENZIONE: quello che hai appena letto è solo un estratto, l'Articolo Tecnico completo è composto da ben 2542 parole ed è riservato agli abbonati PLATINUM. Con l'Abbonamento avrai anche accesso a tutti gli altri Articoli Tecnici PREMIUM e PLATINUM e potrai fare il download (PDF) di tutti gli EOS-Book, Firmware e degli speciali MONOTEMATICI. ABBONATI ORA con PAYPAL è semplice e sicuro.

Abbonati alle riviste di elettronica

17 Comments

  1. IvanScordato Ivan Scordato 16 maggio 2013
  2. Piero Boccadoro Piero Boccadoro 16 maggio 2013
  3. IvanScordato Ivan Scordato 16 maggio 2013
  4. Andres Reyes Andres Reyes 16 maggio 2013
  5. gfranco78 gfranco78 16 maggio 2013
  6. Boris L. 17 maggio 2013
  7. Boris L. 17 maggio 2013
  8. IvanScordato Ivan Scordato 17 maggio 2013
  9. Giorgio B. Giorgio B. 20 maggio 2013
  10. AntonioBlescia AntonioBlescia 20 maggio 2013
  11. Piero Boccadoro Piero Boccadoro 21 maggio 2013
  12. ciccio-1976 22 maggio 2013
  13. Piero Boccadoro Piero Boccadoro 1 giugno 2013
  14. Piero Boccadoro Piero Boccadoro 1 giugno 2013
  15. alessi 1 dicembre 2013
  16. Gianluigi Morciano 20 ottobre 2015
    • G_M 20 ottobre 2015

Leave a Reply