Home
Accesso / Registrazione
 di 

Una Smart TV con Raspberry PI!

RaspBerry PI Smart Tv

Le Smart TV, TV in grado di offrire numerosi servizi legati ad internet, hanno da tempo preso piede nei centri commerciali, permettendoci di navigare in internet, vedere filmati in streaming, e leggere il quotidiano direttamente dalla TV. Non sempre però sono a prezzi accessibili e a volte capita di rimanerne un po' delusi e volerla un po' più...”Smart”. Vediamo quindi come realizzarla con Raspberry PI!

Raspberry PI è già stato presentato su Elettronica Open Source, ma per chi non lo sapesse è un computer realizzato su una singola scheda elettronica dotato di tutto il necessario per poterlo interfacciare con le normali periferiche.
Ma vediamo di cosa abbiamo bisogno per procedere!
La versione utilizzata in questo articolo è quella ricevuta in omaggio con Review4U, alla quale ho aggiunto:

- Mouse e tastiera
- Il televisore con ingresso HDMI
- Una Memory SDHC compatibile con Raspberry PI ( elenco compatibilità Qui )
- Un alimentatore compatibile con Raspberry PI ( elenco compatibilità Qui )

 

Quale sistema operativo?
Su Raspberry PI possiamo installare diversi sistemi operativi messi a disposizione da vari sviluppatori, scegliendo quello più opportuno a ciò che dovrà svolgere la nostra schedina. Per poter realizzare una Smart Tv possiamo scegliere principalmente tra 3 distribuzioni: Raspbian “wheezy” , RaspBMC e Openelec. Se ci interessa navigare in internet e poter riprodurre file multimediali, sicuramente Raspbian è la scelta giusta, se invece abbiamo in mente di realizzare un MediaCenter, dobbiamo scegliere RaspBMC e Openelec. Ma vediamo queste 3 versioni nei particolari.

Raspbian “wheezy”
Raspbian “wheezy” è una versione basata su Debian ottimizzata per Raspberry, questa distribuzione con ambiente desktop LXDE molto semplice, contiene ben tre Browser internet tra cui Midori e Dillo e tutto il necessario per programmare in Phyton con alcuni esempi per l'utilizzo delle periferiche di I/O.
Una nota particolare va fatta sull'installazione del sistema operativo nella SD, infatti una volta scaricata la versione desiderata ed estratto il file .zip non basta fare un semplice copia/incolla del file estratto, ma va scritto su SD usando il comando dd su Linux o il programma Win32DiskImager su Windows. Se vi trovate su Linux, fate attenzione che la SD non contenga partizioni, quindi il suo nome dev'essere simile a “/dev/mmcblk0 ” e non “/dev/mmcblk0p1 o p0” altrimenti Raspberry non sarà in grado di eseguire il Boot.

Ma vediamo il primo avvio.
Una volta preparata ed inserita la SD e collegato a Raspberry il necessario, basta semplicemente alimentarlo e subito sulla TV apparirà il famoso lampone. Appena terminerà il primo avvio, ci troveremo davanti ad una schermata che ci da modo di modificare i primi parametri, il layout della tastiera, la password d'accesso (di default “raspberry”), il clock del processore, e quella che sicuramente interessa anche a noi, ovvero l'abilitazione del desktop dopo il riavvio, senza la quale continuerà a funzionare in modalità testuale.

Non scordatevi di impostare il layout della tastiera, altrimenti i simboli non corrisponderanno a quelli sulla tastiera. Non è necessario impostare esattamente quale marca e modello di tastiera si sta utilizzando, anche perché non vi sono tutti, ma ciò che importa è la lingua Italiano.

Una volta riavviato ci apparirà il desktop di Raspbian, molto semplice, nel quale possiamo notare che fin da subito abbiamo a disposizione tre browser internet, Midori, Dillo e Netsurf che ci permettono di navigare in internet. Anche se faticano un pochino ad aprire le pagine più pesanti, la navigazione è comoda e senza lunghe attese. Naturalmente se teniamo più schede aperte avremo dei tempi di apertura maggiori, ma nulla che possa impedire la normale consultazione di siti web.

Unica pecca negativa della navigazione in rete con i browser presenti in Raspbian, è l'assenza del supporto per Flash Player, infatti l'unica versione compatibile con i processori ARM rilasciata da Adobe richiede un ARMv7 ed è stata rilasciata per Android 4.0 (installabile su Raspberry PI). Naturalmente però, “fatta la legge, trovato l'inganno”, infatti è possibile raggirare il problema con l'utilizzo di Gnash un flash player alternativo in grado di riprodurre il formato SWF.
Una volta installato con i comandi:

sudo apt-get install gnash
sudo apt-get install browser-plugin-gnash

siamo pronti per visualizzare contenuti flash nei browser installati. Purtroppo il mancato supporto da parte di Adobe si fa sentire, infatti la visualizzazione non è fluida e con la riproduzione dei contenuti flash la navigazione ne risente un pochino.

Dal punto di vista della multimedialità, Raspbian integra il lettore OmxPlayer in grado di riprodurre diversi formati di file audio/video. Tale lettore non dispone di un interfaccia grafica e va quindi avviato da terminale. Per evitare di dover passare dal terminale ogni volta che bisogna aprire un file da riprodurre, è necessario impostare l'apertura di quel tipo di file con OmxPlayer ( Click destro sul file da aprire>Proprietà>Apri Con>Personalizza> impostare come comando “omxplayer”)

RaspBMC e Openelec
RaspBMC e Openelec sono due versioni che derivano da uno tra i programmi MediaCenter più famosi: XBMC.
La differenza tra queste due versioni si riduce ad una minor pesantezza da parte di Openelec che si ripercuote su una minor compatibilità con gli addons di XMBC.
L'installazione di RaspBMC è facilitata dalla presenza di un installer per gli utenti windows, e da uno script in Phyton per Mac e Linux. Vi è inoltre la possibilità di scaricare un file .img da scrivere su SD nello stesso modo in cui si installa Raspbian, che si preoccuperà di scaricare ed installare RaspBMC direttamente sulla SD.

Per Openelec la cosa è molto simile, infatti dopo aver scaricato il pacchetto dal sito ufficiale, non resterà altro che avviare l'installer che si occuperà di scrivere i dati su SD.
Una volta avviato RaspBMC è già pronto per riprodurre una gran quantità di formati audio/video anche ad alta definizione, inoltre con i vari addons possiamo guardare numerose TV in streaming e visualizzare i contenuti di Youtube con l'apposito addins. RaspBMC è inoltre in grado di riprodurre musica e film direttamente da un Hard Disk in rete, basta semplicemente selezionarlo dalla sezione Video o Musica.

Un altro lato interessante di RaspBMC è la presenza di un addons per controllarlo via smartphone attraverso il Wifi. Naturalmente, essendo una distribuzione nata come MediaCenter, non vi è il supporto per la navigazione in rete, e vi è solo un browser in grado di visualizzare le pagine web in modalità testuale. Il problema però non si fa sentire più di tanto in quanto vi sono svariati addons per le più note pagine internet.

In conclusione...
Sicuramente tutte e tre le distribuzioni sono ottime per realizzare una Smart TV, rimane all'utente finale il compito di provarle e scegliere quella più adatta alle sue esigenze... Io mi sono affezionato a Raspbian, anche perché dato che permette l'esecuzione di piccoli script, vorrei sfruttare le uscite PWM per realizzare in futuro un controllo di una lampada RGB che regoli luminosità e tonalità della luce in base alle immagini o alla musica riprodotta, ricorda un po' il sistema che integravano alcune TV qualche tempo fa e che è poi stato abbandonato, tuttavia io lo trovavo molto comodo sopratutto di sera o con la luce bassa. E chissà cos'altro gli si potrebbe aggiungere con i restanti pin di I/O... ;)

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog
ritratto di Giorgio B.

Il Review4U inizia a dare i suoi frutti, a quanto sermbra :)

Il Review4U inizia a dare i suoi frutti, a quanto sermbra :)
Bell'esperimento!

ritratto di Emanuele

Io ho testato la RaspBMC e devo dire che, oltre la seccatura del

Io ho testato la RaspBMC e devo dire che, oltre la seccatura dell'installer, è andato tutto perfettamente. Ho provato vari film e telefilm e la qualità video è ottima, paragonabile all'hard disk multimediale, che ho eliminato. A parte il costo e l'ingombro, il rumore della ventolina non era più sopportabile......

ritratto di Francesco Cossettini

Ho da poco acquistato una RasPi e volevo proprio darla diventare

Ho da poco acquistato una RasPi e volevo proprio darla diventare un media center. Questo articolo sarà una buona traccia. Grazie!

ritratto di Francesco Contalbi

Datemi un po' di tempo e vi illustro cosa sto facendo in classe

Datemi un po' di tempo e vi illustro cosa sto facendo in classe (5° IPSIA CASTIGLIANO - ASTI) con la SK gentilmente regalatami da Emanuele... Non riesco a correre come vorrei ma oltre a spiegare la Rasberry devo anche andar avanti col programma e il tempo è tiranno..Solo procurarsi il monitor con HDMI e cavo è stato un problema: la burocrazia scolastica è farraginosa e i fondi ormai nulli. Compromesso: il monitor l'abbiamo recuperato per miracolo e il cavo me lo sono comprato io. Bisogna esserci nella scuola per capire le difficoltà che per chi è fuori sono barzellette!! Ma la strada è segnata! Andremo anche ad esplorare la Raspberry e il SO Linux, dopo aver pasticciato con Arduino :-))

ritratto di Piero Boccadoro

:) Attendiamo con ansia! :)

:)
Attendiamo con ansia! :)

ritratto di Piero Boccadoro

Ho da poco avuto un Raspberry Pi ed ho un piccolo problema con l

Ho da poco avuto un Raspberry Pi ed ho un piccolo problema con la risoluzione del monitor. Domanda a tutti voi, sapete dirmi se Raspberry Pi supporta i monitor WideScreen?!
Perchè mi sa mi sa che è quello il problema...

ritratto di Piero Boccadoro

Io non mi stancherò mai di dirlo: questa è la carta vincente del

Io non mi stancherò mai di dirlo: questa è la carta vincente dell'intero progetto!
Il blog diventerà sempre di più un po' più simile a come lo desiderano gli utenti e tutti si potranno sentire un po' più "a casa loro" perchè anche loro lo avranno aiutato a diventare quello che desiderano che sia :)

ritratto di Piero Boccadoro

Vi propongo anche un altro problemino che ho avuto: come tutti,

Vi propongo anche un altro problemino che ho avuto: come tutti, immagino, ho attaccato mouse, tastiera e adapter Wi-Fi USB tramite un moltiplicatore di porte USB 2.0 a 4 ingressi.
Non appena al quarto ho attaccato il cellulare per caricarlo, il Raspberry Pi si è spento e si è riavviato solo quando il cellulare è stato rimosso.
Sbaglio io oppure questo è un problema di sovracarico di tensione sulla singola porta USB?

ritratto di Gabboc

L'alimentatore tipico che si usa con il raspberry da 5V al massi

L'alimentatore tipico che si usa con il raspberry da 5V al massimo fornisce 1200mA. Questa corrente non riesce ad alimentare tutte quelle periferiche. Devi acquistare un hub usb (quello che tu chiami moltiplicatore per intenderci) ma che si alimentato. Solo così avrai abbastanza corrente per alimentare anche le altre periferiche usb che colleghi.

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online