Una sonda fai da te

sonda fai da te CNC

Il principio di funzionamento di questo tipo di sonda è piuttosto semplice. E’ costituito da tre puntali conduttivi, montati perpendicolarmente alla punta della sonda ognuno costituito da sfere conduttrici. Le sfere sono collegati insieme in modo tale che quando un segnale passa attraverso la struttura, le aste sono tutte in contatto con le loro rispettive sfere.

Una sonda fai date che possiamo definire veramente interessante. La costruzione meccanica sembrerebbe essere abbastanza delicata a differenza di quella elettronica dove un semplice cavo audio rende possibile l’analisi del segnale attaverso un CNC. Il controllo numerico è una caratteristica delle macchine utensili; si dicono "macchine a controllo numerico" o macchine "CNC" quelle macchine utensili il cui movimento durante la lavorazione è diretto da un computer integrato nella macchina che ne comanda gli spostamenti e le funzioni secondo un ben definito programma di lavoro. Le macchine CNC non sono robot: i robot sono in grado di adattarsi a variazioni dell’ambiente in cui stanno operando (oggetti non nella posizione prevista, intromissioni di altre macchine o di operai umani) e portare a termine ugualmente il compito a cui sono preposti; una macchina CNC invece si limita ad eseguire il programma impostato a prescindere da cosa accade intorno a lei ed è responsabilità dell’operatore preparare i pezzi da lavorare ed intervenire in caso di imprevisti.

sonda fai da te

In altre parole, le macchine CNC devono sempre operare sotto la supervisione di un operatore umano, mentre i robot possono, al limite, operare senza alcuna supervisione. Una normale macchina CNC è costituita in modo molto simile alla sua corrispondente manuale, ma monta alcuni componenti in più:

- degli encoder, che informano il computer di bordo sul movimento e sulla posizione dell’asse su cui sono montati. Esistono sia encoder lineari (righe ottiche) che rotativi; alcuni encoder sono assoluti, cioè riferiscono una misura esatta di posizione, mentre altri sono relativi, cioè dicono soltanto di quanti passi si sta spostando l’asse in moto e in che direzione sta andando.

- dei motori elettrici speciali per controllare il movimento degli assi;

- degli azionamenti, speciali unità che alimentano e controllano il movimento dei motori suddetti. A seconda del tipo di motori (trifase o in corrente continua, con resolver o encoder) e a seconda del tipo di retroazione, l’azionamento sarà più o meno complesso. 

- il computer, detto "controllo", che acquisisce i dati dagli encoder e le istruzioni dall’operatore e dal programma, stabilisce la posizione dell’utensile e ne governa gli spostamenti durante l’esecuzione del programma di lavoro.

Molto spesso nelle macchine moderne il controllo è diviso in due parti: una a bordo macchina nell’armadio elettrico e una nella consolle dell’operatore, separata ed esterna alla macchina, che si occupa di mostrare a video indicazioni e menu, di ricevere tramite tastiera ordini e programmi CN e di gestire il dialogo con un eventuale computer esterno. Se è possibile governare la macchina da un computer esterno tramite una linea di comunicazione (seriale, ethernet ecc.) allora si parla di macchine CNC. Il software utilizzato per il controllo è EMC.  EMC è un software gratuito e soprattutto Open Source per il controllo numerico di macchine utensili, robot e virtualmente qualsiasi altro tipo di dispositivo che possa essere collegato ad un PC. EMC è stato sviluppato inizialmente dal NIST (National Institute of Standards and Technology) con lo scopo di mettere a disposizione delle piccole e medie imprese americane un’alternativa a basso costo ai tradizionali controlli numerici. EMC infatti può girare su un normalissimo PC con sistema operativo Linux con estensioni Real Time, in queste condizioni effettivamente l’unico costo da sostenere per il controllo numerico rimane solamente quello per l’acquisto di un PC.

 

 

STAMPA     Tags:, ,

4 Comments

  1. 0x00 19 settembre 2011
  2. Emanuele 8 agosto 2011
  3. mdipaolo 8 agosto 2011
  4. mdipaolo 20 settembre 2011

Leave a Reply