Home
Accesso / Registrazione
 di 

Vim: i segreti di questo editor di testo

Esistono alcuni comandi speciali per velocizzare il lavoro sull'editor di testo Vim

Vim è uno degli editor di testo più famosi ed apprezzati nel mondo del software libero e si trova come un pacchetto di default in molte distribuzioni GNU/Linux. In queste righe potrete trovare alcuni suggerimenti utili su come velocizzare il vostro lavoro su Vim, oppure come ottenere alcuni risultati particolari, per esempio contare le parole o visualizzare file multipli.

Vim è probabilmente uno dei due più comuni editor di testo utilizzati nel mondo del software libero e si trova come un pacchetto di default in molte distribuzioni GNU/Linux. Non ci vuole molto tempo per imparare a usare Vim, ma per usarlo al meglio ci vuole un po’ di pratica. Ecco perché potrebbe esservi utile leggere queste righe che contengono alcuni dei suggerimenti e dei comandi più importanti.

Non partiamo con i fondamenti di Vim. Si darà per scontato che le cose principali siano già note, come ad esempio muovere il cursore, inserire e modificare i contenuti.

Muoversi all’interno di un file Vim

[{ questo comando serve per spostarsi all'inizio del corrente codeblock. Questo dipende dal linguaggio in cui si esegue la codifica, ma funziona più o meno ovunque ci siano demarcazioni chiare di blocchi di codice.

]} Con questo invece si sposta alla fine del codeblock corrente.

Ctrl + O (come la lettera, non come “zero”) serve a mettere il cursore indietro alla sua posizione precedente. Spesso si devono aggiungere punti di interruzione per fare il debug del codice in diversi punti all'interno di un file.

Una volta che il debug è finito, la ricerca e la rimozione di questi punti può essere fastidiosa. Ctrl + O sposta il cursore indietro nella località in cui è stato modificato il file. Pensatela come un'operazione di annullamento, senza che venga fatta davvero l'operazione di annullamento. Ctrl + I, invece, sposta in avanti nella lista dei punti.

Modifica del testo in Vim

Il comando “xp” in Vim serve a invertire i prossimi due caratteri. E’ sorprendente come molti errori di battitura coinvolgano due caratteri che vengono digitati in ordine inverso. Ma per correggerli bastano due soli tasti.

“Ctrl + P” serve invece per il completamento automatico della parola che si sta scrivendo. Questo comando passa attraverso le parole disponibili nel file e/o in un dizionario, nel tentativo di completare quello che avete iniziato a scrivere. Ctrl + P fa questo andando avanti progressivamente con l'elenco di parole. Ctrl + N, al contrario, lo fa andando all'indietro.

“n.” ripete il comando precedente n volte. Per esempio, se hai appena dato un comando complesso ed è necessario ripeterlo da qualche altra parte nel file, lo si può fare premendo "." (un punto fermo. Se si scrive un numero prima del punto, si ripeterà il comando molte volte.

Gestione di file multipli con VIM

:set wildmode = longest,list e cambiate nome della lista di file di completamento automatico. La maggior parte delle persone sa di poter aprire un altro file con “:e” oppure scrivere in uno differente con “:w” o aprire uno accanto a quello attuale con “:vs”. Impostare questa modalità “wildmode” porterà Vim a comportarsi più come BASH nell’autocompletamento dei nomi.

“-O, -o” serve ad aprire file multipli uno accanto all’altro.
Quando si esegue Vim è possibile specificare più nomi di file da aprire nella stessa sessione. Dare il parametro-O di averli visualizzati in una visualizzazione split-uno accanto all'altro e-o provvedere alla loro indicato sopra o sotto l'altro.

Infine, un paio di comandi di altro genere per l'editor di testo Vim. Se volete contare le parole, il comando è “g” seguito da Ctrl + G. Se prima si seleziona una parte di testo, verranno presentate le statistiche per la selezione e non per l'intero file.

“:s/pattern//gn” dice quante volte una parola è presente nel file.

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog
ritratto di linus

Vim

è sicuramente il più conosciuto dopo Vi da cui deriva, semplice e facile da utilizzare senza necessità del mouse. E' un piccolo pacchetto che spesso si trova come editor in molti modem/router in ambiente linux.

ritratto di Fabrizio87

La cosa interessante è che

La cosa interessante è che esiste anche sotto Windows,

 

ritratto di karlox

E' incredibile. Se parli con

E' incredibile. Se parli con un utente windows di utilizzare un editor completamente testuale per scivere codice e/o documenti vieni visto come un alieno con alcuni decenni di ritardo. Poi lo usi e sembri non poterne fare più a meno, tutte quelle assurde combinazioni di tasti ti diventano familiari e hai la certezza di trovarlo su ogni sistema *nix io addirittura lo usavo su un megaserver con a bordo il mitico tru64.

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ci sono attualmente 4 utenti e 56 visitatori collegati.

Ultimi Commenti