Home
Accesso / Registrazione
 di 

3Domande a Giacomo Tuveri Distributor Sales Manager SA EMEA @LeCroy

Giacomo Tuveri LeCroy

3Domande a Giacomo Tuveri Distributor Sales Manager Standard Application EMEA Italy, Spain & Portugal @LeCroy. Strumentazione elettronica: oscilloscopi digitali, analizzatori di protocollo, generatori di forme d'onda etc. Tutto questo (e non solo) è LeCroy!

Emanuele: LeCroy è sempre stata famosa per la realizzazione di strumentazione elettronica di alto livello, orientata ad una categoria di utilizzatori di nicchia molto esigente.
Negli ultimi tempi LeCroy ha presentato dei dispositivi di fascia bassa
(che abbiamo avuto modo di conoscere bene)
aprendo (finalmente) agli hobbisti, agli studenti ed ai progettisti alle prime armi che sicuramente hanno un budget limitato per la strumentazione elettronica.
Quale esperienza state vivendo con l'entrata in questo settore e che propositi di sviluppo avete in questo segmento di prodotti?

Giacomo: Walter LeCroy fondò l'azienda nel 1964 cimentandosi nel campo dei digitalizzatori per applicazioni fisiche ad Alta Energia, il contenuto
tecnologico di tali applicazioni richiedeva una preparazione e soprattutto un prodotto finale di pari livello tecnico. LeCroy quindi ha legato, sin dagli albori, il suo nome a strumenti di elevata complessità. Il 1985 segna l'ingresso di LeCroy nel mondo degli oscilloscopi digitali, tale ingresso coincide con nuove necessità legate al mondo molto vario della misura, vario per applicazioni e complessità delle stesse. Visto l'elevato know how è stato fisiologico il continuo sviluppo di strumenti ad elevate prestazioni e con un altissimo contenuto tecnologico indirizzati ad applicazioni "Advanced", successivamente è stato naturale affrontare il mercato di quelle applicazioni che definiamo "Standard".
Da qui la volontà di sviluppare prodotti che il mercato identifica come di "fascia bassa" ma sui quali LeCroy ha riversato le proprie conoscenze conseguenza di decenni di sviluppo.
L'esperienza è stata ed è tutt'ora importante, cruciale aggiungerei, in un mercato fondamentale per numeri, applicazioni e soprattutto bacino d'utenza.
Queste considerazioni ci portano e, soprattutto, ci porteranno ad affrontare questo settore con entusiasmo, con continui investimenti in termini di prodotti e di risorse umane dedicate. E' infatti a pieno regime il team di cui faccio parte e che si occupa dello sviluppo di questo mercato in Europa.

Emanuele: Con la globalizzazione è molto facile al giorno d'oggi analizzare svariate possibilità prima di effettuare un acquisto di un oscilloscopio digitale.
Ed in questa analisi iniziale, ci si imbatte spesso in case costruttrici cinesi che offrono oscilloscopi a prezzi molto competitivi.
A questo si aggiunge anche il fatto che molte case importanti si appoggiano a fabbriche cinesi per la realizzazione/produzione dell'oscilloscopio,
e che poi questa casa cinese vende il prodotto anche ad altri. Questo porta a dei cloni e quindi in commercio si trovano oscilloscopi
a basso costo di marche sconosciute ma identici agli originali delle marche piu prestigiose.
(http://it.emcelettronica.com/waveace-lecroy-misurazioni-con-i-cursori#comment-16435)
Qual'è la posizione ufficiale di LeCroy in merito?

Giacomo: L'esperienza maturata nella vendita degli oscilloscopi ci ha dato un insegnamento che consideriamo fondamentale: chi decide di acquistare uno strumento non valuta solo il prodotto in se stesso ma anche i benefici che esso apporta nel lavoro di tutti i giorni quali facilità d'utilizzo, supporto tecnico locale efficiente e veloce. Una azienda come LeCroy pone la sua massima attenzione a tutte queste esigenze offrendo quindi un valore aggiunto alla già elevata qualità dei prodotti. La costante competitività sulle fasce entry level ci spinge tuttavia ad avere un occhio altrettanto attento alla possibile riduzione dei costi di produzione, in tal senso è possibile produrre alcuni nostri prodotti in paesi asiatici (che al momento hanno costi ridotti rispetto agli standard americani) in tal caso mantenendo il controllo di qualità costante garantito dalla presenza di nostri tecnici per assicurarsi che il prodotto sia realizzato (non sviluppato ne' ingegnerizzato) secondo il progetto e che vengano seguiti i nostri criteri qualitativi. Il fatto che uno strumento sembri identico ad uno LeCroy non ne garantisce la qualità, l'aderenza alle esigenze del cliente ne' la disponibilità di un competente supporto tecnico e di costanti aggiornamenti software e firmware.
Prendo in prestito un esempio dal mondo dell'abbigliamento dove spesso si acquistano capi imitazione di ben noti marchi per poi scoprire che la qualità in realtà è quella pagata ma non quella aspettata e garantita solo dal prodotto originale.

Emanuele: Omai con l'innovazione tecnologica entrata nella strumentazione elettronica, come progettisti elettronici siamo abituati a carattertistiche molto avanzate per i nostri strumenti. Rimanendo sugli Oscilloscopi Digitali, ormai devono essere tutti portatili e leggeri grazie allo schermo LCD. Devono avere un'interfaccia USB per scaricare velocemente le schermate (una volta si usavano i plotter....) ed essere corredati di software per un'analisi approfondita delle forme d'onda.
Oltre quindi allo sviluppo delle solite "larghezza di banda", "GS/s" , "profondità di memoria" , con quale caratteristica speciale avete intenzione di stupirci nel prossimo futuro?

Giacomo: E' innegabile da chiunque si sia affacciato nel mondo della produzione degli oscilloscopi che LeCroy sia stata e sia una sicura leader nella continua innovazione: siamo stati i primi a offrire una elevata profondità di memoria, siamo stati i primi ad offrire suites di Trigger programmabili cosi come siamo stati i primi ad offrire funzioni matematiche avanzate, display touch screen e, più recentemente siamo stati i primi e non ancora imitati a offrire una risoluzione verticale di 12 bit su un oscilloscopio, display ruotabile, pannello di comando estraibilie e banda passante analogia in real time di 45GHz. Questa costanza nell'essere primi e innovatori è frutto di applicazione, di indagini di mercato con elevata attenzione alle nuove esigenze dei clienti, è frutto di elevata competenza tecnica, un pizzico di genialità e temerarietà dei nostri designer.
Proseguiremo in questa strada... ma l'unico modo di mostrarvela e chiedervi di seguirci da vicino.

Grazie alla disponibilità di Giacomo, continuiamo con le interviste interattive!
Nei commenti sentitevi liberi di chiedere info e curiosità su LeCroy, Giacomo ha dato la sua disponibilità (nei limiti del possibile) a soddisfare i vostri quesiti!

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog
ritratto di RenzoR

Lecroy

Mi fa piacere che la Lecroy sia scesa dal piedistallo, forse per necessità ma sicuramente con le nuove serie di oscilloscopi sembra piu umana. Piu a portata di tecnico e quindi non viene piu il nervoso quando successivamente ad aver analizzato le specifiche tecniche (eccezzionali) osservi la tabella prezzi.

ritratto di AnonimoMauro

A ben vedere...

Negli ultimi anni mi pare che lecroy abbia allineato i prezzi ai concorrenti, in alcuni casi per le fasce inferiori ai 2-3 GHz a guardare bene ci si accorge che fanno dei prezzi persino piu bassi.
Poi occhio che su certi oscilli della concorrenza di lecroy le spec sono si altissime ma se applicate inchiodano lo strumento e lo rendono lentissimo ;-)

ritratto di I2S

Simile o uguale a Lecroy?

Mi scusi, ma vorrei partire da questa frase:
"Il fatto che uno strumento sembri identico ad uno LeCroy non ne garantisce la qualità"

Stiamo parlando di oscilloscopi simili oppure dello stesso oscilloscopio, realizzato dalla stessa fabbrica cinese, con i stessi componenti, e che poi viene venduto alla Atten che lo marchia con il proprio nome oppure alla Lecroy che fa lo stesso?

Vorrei esser certo che sto pagando per un prodotto esclusivo, di qualità, non solo l'assistenza, soprattutto perche da un oscilloscopio lecroy, di assistenza, dovrei non averne bisogno...

ritratto di Bazinga

Le questione andrebbe chiarita

Come Agilent rebranding Rigol sembra che anche Lecroy rebranding Atten. Se cosi fosse sarebbe una "furbata" per entrare nel mercato della fascia bassa o no?

La questione andrebbe chiarita specificando quali sono le differenze che giustificando il differente costo.

ritratto di giacomoatlecroy

risposta

Salve,
la caratteristica imprescindibile di ogni strumento LeCroy è il design hardware e firmware rigorosamente sviluppati nei nostri design center. I procedimenti produttivi possono interessare fabbriche esterne nell'ottica di ridurre i costi in un mercato fortmente competitivo e sensibile per questo aspetto.

Per quanto riguarda esclusività, qualità e assistenza, non immagino come possano essere distinte. Sono perfettamente daccordo con lei, un prodotto LeCroy è pensato e realizzato per soddisfare le esigenze dell'utente senza creargli problemi o ritardi.
E' altrettanto vero però che gli strumenti, per quanto accurati e affidabili, possano avere necessità di assistenza, per questo diventa un valore aggiunto importantissimo che tale servizio sia presente, rapido e risolutivo.

ritratto di Dedom

Sono un felice possessore di

Sono un felice possessore di un Waverunner LT342 da anni ormai o meglio decenni e non lo cambierei se non per un altro waverunner digitale appena potrò.

Non ho domande da fare

ritratto di Ric71

Lecroy ha sempre avuto

Lecroy ha sempre avuto prodotti di qualità ma forse per questo irraggiungibili dai più per motivi di prezzo. Se la stessa qualità penso come filosofia aziendale è stata apportata anche alla strumentazione entry-level è sicuramente una ottima cosa. Ci si potrebbe iniziare a fare un pensierino.

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ci sono attualmente 4 utenti e 43 visitatori collegati.

Ultimi Commenti