Home
Accesso / Registrazione
 di 

3Domande a Gianni Valdambrini - Team leader/project manager @Develer

Gianni Valdambrini Project Manager @Develer

Oggi le 3Domande sono per Gianni Valdambrini, relatore al prossimo Better Embedded di Firenze. Sviluppatore su sistemi embedded, esperto in Python, C++ e Qt. Attualmente Team Leader/Project Manager in Develer.

Emanuele: Per prima cosa vorrei chiederti di presentarti alla community di Elettronica Open Source. Cosa fai nella vita, di cosa ti occupi nello specifico?

Gianni: Sono laureato in Informatica a Firenze nel 2004 e da allora ho iniziato a lavorare come sviluppatore software prima e come team leader/project manager dopo, principalmente utilizzando Linux e tecnologie open source.
Lavoro per Develer dal 2007, periodo nel quale ho lavorato con varie tecnologie per desktop e disposivi embedded, realizzando applicazioni in Python, C++ e Qt (di cui sono anche sviluppatore con la più alta certificazione). In questo periodo mi sono occupato anche di formazione a vari livelli, sia come tutor nell'ambito di stage che come docente per corsi di formazione a ditte/professionisti.

Emanuele: Come sappiamo sarai presente al Better Embedded 2012 (24 e 25 settembre 2012 a Firenze) con due Talk. Puoi darci un'anticipazione di quello che tratterai?

Gianni: Il talk, chiamato Qt Everywhere, presenterà Qt, framework per la realizzazione di applicazioni grafiche e non basato su C++ ed esporrà i motivi per cui tale framework si rivela particolarmente adatto per lo sviluppo di applicazioni embedded. Inoltre verrà discussa brevemente l'evoluzione che Qt ha subito negli ultimi anni, delle potenzialità offerte da Qt Quick e di come cambierà nel futuro a breve/medio termine ciò che Qt ha da offrire agli sviluppatori.

Il traning, intitolato Qt Quick: GUI di nuova generazione per desktop e Raspberry Pi, avrà invece un taglio più tecnico, e si propone l'obbiettivo di realizzare da zero un'applicazione utilizzando Qt Quick, la nuova tecnologia offerta da Qt per realizzare applicazioni fluide.
La stessa applicazione verrà eseguita quindi su desktop e su Raspberry Pi, il mini-computer basato su ARM e Linux divenuto famoso per essere una soluzione embedded di medio-alto livello al prezzo di 25$.

Emanuele: La diffusione di schede a basso costo (RaspberryPI attualmente ed Arduino precedentemente) ha dato una spinta esponenziale alla diffusione dell'open source, sia hardware che software, in particolare con decine e decine di librerie/driver già pronti da utilizzare e con progetti svolti in quasi tutti i settori. Se da una parte questo ègrandioso, la controparte potrebbe essere una conseguente automazione nello sviluppo hardware/software, il timore è che si crei un paradosso che potrebbe sfociare in un impoverimento tecnico per le nuove generazioni. Ormai si sviluppa quasi esclusivamente su hardware e driver già realizzati.
Quanto pensi sia reale questa problematica e cosa suggeriresti in merito ad uno sviluppatore Junior?

Gianni: Non credo che la diffusione di prodotti come Raspberry Pi o Arduino impoveriscano il settore, tutt'altro. Nella mia esperienza infatti queste schede pre-confezionate sono ottime per avvicinarsi al mondo embedded, permettendo agli sviluppatori di imparare alcune delle tecnologie e affrontare alcune delle problematiche che si incontrano tipicamente in questo ambiente.
Ma tutto questo non rappresenta un impoverimento per la vera e propria soluzione industriale perché in quel caso diventa forte l'esigenza di personalizzare l'hardware e di conseguenza il software, andando a gestire sensori e periferiche sempre nuovi e diversi.
Per fare un esempio conosciuto a tutti, l'iPhone dalla versione 3 aveva a bordo un ricevitore GPS e un accelerometro, ai quali è stato aggiunto un giroscopio con l'iPhone 4.
Per chi volesse approcciarsi al mondo embedded per la prima volta consiglio quindi assolutamente di acquistare uno di questi prodotti low-cost e iniziare a "giocarci": senza accorgersene si saranno fatti un po' di esperienza che si rivelerà utile nella progettazione/programmazione di applicazioni embedded vere e proprie.

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog
ritratto di Patrick82

Raspberry PI è la naturale evoluzione di Arduino, quella che Ban

Raspberry PI è la naturale evoluzione di Arduino, quella che Banzi & Co. hanno fallito con il mancato rilascio di Arduino Due.

ritratto di Emanuele

Gianni, ti ringrazio anche pubblicamente dell'intervista, credo

Gianni, ti ringrazio anche pubblicamente dell'intervista, credo molto utile a molti.

Vorrei quindi approfondire il discorso generato dalla terza domanda, cercando di far comprendere meglio i miei timori.
Partendo da un problema noto come "il paradosso dell'automazione" ed applicandolo agli sviluppatori, le mie preoccupazioni sono relative al fatto che la figura del programmatore stia diventando sempre più automatizzata con i "blocchetti" pronti solo da assemblare piuttosto che di conoscitori delle problematiche a basso livello. Certo non stò dicendo che ogni volta si debba riscrivere un driver già funzionante, ma che, aiutato anche dalla diffusione di schede semplicistiche anche nelle scuole, si pensi sempre meno a "cosa c'è dietro" il famoso blocchettino che lo copi/incolli e funziona.

Cercherò di essere più chiaro facendo un esempio con Arduino:

Arduino è grandioso, ideale per tutti quelli che vogliono dotare qualsiasi cosa di automatismi elettronici senza essere appunto degli elettronici.
Ma Arduino di programma attraverso una IDE apposita che si basa su Processing, diciamo un simil C++ e questo per un micro Atmel ad 8bit non è certo il massimo.
Significa che non ho per niente il controllo di quello che accada in memoria, ad esempio.

Allora se nelle scuole Arduino viene spiegato come una scheda con micro Atmel e con IDE AVRstudio che tramite Jtag mi permette di programmare e debuggare in Assembler ed in C allora è un conto. Poi gli studenti possono anche trovare le scorciatotie del C++ e dei blocchetti (vabbè sketch) già preconfezionati. MA se li abituiamo invece solo a quest'ultima soluzione, poi arriverà il bel giorno che lo sketch o la somma degli sketch vada in conflitto ed allora CHI sarà in grado di mettere mano al sorgente assembler?
Non c'è il rischio di un contagio, anche in questo settore, del paradosso dell'automazione?

ritratto di Gianni

Ciao Emanuele, la considerazione che fai è interessante, tutt

Ciao Emanuele,
la considerazione che fai è interessante, tuttavia non credo si applichi al caso in oggetto.
Cerco di spiegarmi meglio:
credo sia vero che automatizzare un processo impoverisce la cultura degli "esperti" (professionisti) del settore, che tendono a conoscere più superficialmente i vari aspetti e diventano in tal modo meno "esperti".
Nel caso in questione però Arduino e Raspberry PI non rappresentano delle soluzioni di livello tale da essere presi in considerazione da professionisti del settore, bensì delle soluzioni entry-level per chi si avvicina al mondo embedded.

D'altro canto, l'esistenza di soluzioni entry-level rende meno difficoltoso per chiunque (tecnico o meno) avvicinarsi a questo mondo, specialmente in confronto al passato.
Questo a lungo andare potrebbe generare un maggiore interesse verso il mondo embedded in generale, con gli ovvi benefici del caso.

ritratto di mVR

e' vero che domani in edicola ci sara in omaggio con la rivista

e' vero che domani in edicola ci sara in omaggio con la rivista un Rasperry PI??.... (ho letto il rumors su fb nella vostra pagina) mi sapete dire se sara' veramente in omaggio o a che prezzo....thx

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ci sono attualmente 24 utenti e 83 visitatori collegati.

Ultimi Commenti