Home
Accesso / Registrazione
 di 

Aeroplani Statunitensi garantiscono la Sicurezza

Drone

Nel giugno del 2010 sono stati realizzati degli aerei per volare al di sopra del confine tra il Texas e il Messico.

Questi aerei , conosciuti anche come "drones" ("fuchi") , non hanno bisogno di essere pilotati e sono usati in Iraq e Afghanistan, ma gli Statunitensi non vogliono che vengano usati negli USA perché ritengono che siano pericolosi.

Un buon motivo che giustifica l'utilizzo degli aerei automatici negli USA è la possibilità di utilizzare il Sistema "UAV". Lo UAV è un sensore che rileva le persone e la temperatura del luogo sopra al quale esso vola. Possono essere utili alla polizia delle piccole città, per aiutarla nel ritrovamento di criminali. Gli UAV possono essere di diverse dimensioni, grandi e piccoli.

L'aspetto negativo di questi aeroplani è che essi utilizzano molto i GPS e senza GPS non funzionano. La cosa difficile da fare affinché i “drones” funzionino negli USA è far sì che con essi sia facile comunicare. Questi faticano però a mantenere il contatto con i computer presenti a terra e perdono spesso la connessione. I “drones” devono anche essere progettati per vedere gli aerei nelle vicinanze, in modo da non schiantarsi contro di essi.

Presto le compagnie aeree inizieranno ad usare molto di più la tecnologia GPS. Ciò significa che l'utilizzo di questi aeroplani sarà più facile perché comunicare con essi diventerà più semplice e saranno anche in grado di spedire informazioni a terra molto più velocemente. Il maggior utilizzo dei GPS permetterà anche al Personale di Terra di controllare gli aerei presenti in cielo, cosicché ci saranno meno probabilità di scontri.

Fonte www.roboticstrends.com

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ci sono attualmente 4 utenti e 65 visitatori collegati.

Ultimi Commenti