Home
Accesso / Registrazione
 di 

Energia pulita: Bloom energy presenta la pila a combustibile del futuro

Energia pulita. Bloom energy, pila a combustibile

La Bloom Energy presenta una innovativa tecnologia di pila a combustibile che promette di fornire energia pulita e conveniente anche nei posti più remoti del nostro pianeta. Google già la usa per alcuni dipartimenti, altre grandi società la stanno sperimentando. La presentazione si è svolta alla presenza del cofondatore di Google Larry Page, il CEO di eBay John Donahoe, e gli ex segretari di Stato George Shultz e Colin Power. 

La pila a combustibile della Bloom Energy


Una giovane compagnia americana, la Bloom Energy, ha presentato, in un sede della società eBay, una innovativa tecnologia di pila a combustibile che promette di fornire energia pulita e conveniente anche nei posti più remoti del nostro pianeta. "La pila a combustibile della Bloom energy ha il potenziale per rivoluzionare l'industria energetica," ha detto il governatore dello stato della California, Arnold Schwarzenegger, introducendo il fondatore della compagnia K.R. Sridhar.Presenti alla conferenza anche il cofondatore di Google Larry Page, il CEO di eBay John Donahoe, e gli ex segretari di Stato George Shultz e Colin Power. "Il centro della nostra tecnologia è semplicemente la sabbia," racconta Sridhar, "è disponibile in grandi quantità e ha proprietà che ci permettono di renderla pile a combustibile."
La tecnologia risale addirittura alla metà del 1800, ma la Bloom ha trovato un modo per eliminare la necessità di metalli costosi come il platino e di generare elettricità facendo circolare molecole di ossigeno.

I congegni possono lavorare con diversi tipi di carburante, quindi un utente potrebbe usare qualunque fonte che sia disponibile sul territorio o scegliere la più conveniente. Questi "Bloom Boxes" sono stati testati segretamente in California da un gruppo di grande aziende come eBay, Wal-mar e Coca-Cola, ma è stato Google il primo cliente, comprando 4 Box che sono stati poi installati nel suo campus a Mountain View, in California. "Appoggio in pieno l'iniziativa," dice Larry Page, "spero di vedere presto un intero data center alimentato in questo modo."I box della Bloom, in grado di produrre 100 kilowatt di elettricità, costano dai 700 mila agli 800 mila dollari, ma è previsto un calo del prezzo quando la produzione comincerà ad aumentare e quando i congegni aumenteranno di efficienza.
Shridar prevede che servirà una decina di anni affinché la tecnologia raggiunga un livello tale da poter essere usata anche nelle case private. 

I "Bloom Boxes": Energia pulita ed efficienza


Il governatore della California ha sottolineato come le box sono di un sessanta per cento più pulite delle tradizionali centrali a carbone e produce energia affidabile sul posto, senza bisogno di trasportare attraverso sistemi di cavi e tubi l'elettricità generata. Queste pile a combustibile sono anche descritte come due volte efficienti rispetto alla rete elettrica statunitense, quindi richiedono la metà del carburante per produrre la stessa quantità d energia. Mostrando una pila a combustibile della grandezza di un mattone, Sridhar spiega come potrebbe alimentare una lampadina ma che presto il sistema sarà in grado di soddisfare il consumo medio di una casa americana. "Nei prossimi anni, i box diventeranno il generatore di energia casalingo," aggiunge Sridhar.Il costo dell'elettricità prodotto dai box è di circa nove centesimi per kilowatt-ora, molto meno dei 14-15 centesimi delle normali società elettriche. I costi quindi sono recuperati nel giro di 3-5 anni grazie al risparmio di energia, secondo Sridhar. I congegni sono garantiti 10 anni.
L'ex segretario di Stato ed ex membro dei consiglio di amministrazione della Bloom Energy, Colin Powell ha dichiarato che i box potrebbero essere una benedizione per l'esercito, che ha bisogno sempre di più di energia per alimentare la tecnologia degli armamenti.

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ci sono attualmente 1 utente e 21 visitatori collegati.

Utenti online

Ultimi Commenti