Energia pulita, un telefono cellulare Nokia alimentato a Coca Cola?

energia pulita telefono cellulare nokia coca cola

Si parla di energia pulita ma chi si sarebbe immaginato un telefono cellulare alimentato con la bevanda gassata che teniamo in frigorifero? Ora uno sviluppatore cinese presenta il cellulare alimentato a Coca Cola. La nuova batteria biocompatibile del cellulare Nokia, che sostanzialmente funziona come una pila a combustibile, usa gli enzimi cone catalizzatori per generare elettricità dai carboidrati. 

Un telefono cellulare che va a coca cola

 

Si parla di energia pulita ma chi si sarebbe immaginato un cellulare alimentato con la bevanda gassata che teniamo in frigorifero? Un telefono cellulare Nokia modificato in modo da trarre la propria alimentazione da una bevanda a base di zucchero. La batteria, concepita in modo da funzionare con una semplice Coca Cola, con una sola carica potrebbe avere una durata di azione tre o quattro volte più lunga di una normale batteria agli ioni di litio. Inoltre il dispositivo sarebbe interamente biodegradabile. L’autore dell’esperimento è Daizi Zheng, uno sviluppatore cinese che attualmente risiede nel Regno Unito, a Londra.

Come spiega Zheng, un telefono cellulare alimentato con una sostanza a base zuccherata potrebbe potenzialmente offrirsi come fonte di energia molto più sostenibile per l’ambiente. La nuova batteria biocompatibile del cellulare Nokia, che sostanzialmente funziona come una pila a combustibile, usa gli enzimi cone catalizzatori per generare elettricità dai carboidrati.

Il telefono cellulare può rimanere acceso per diverse ore, e produce come rimanenza, alla fine della carica della batteria, soltanto acqua e anidride carbonica. Il telefono in seguito, quando è scarico, che ha un serbatoio per il liquido può essere svuotato della sostanza rimasta e riempito nuovamente con altra Coca Cola

Zheng ha concepito questo prototipo quando gli è stato commissionato il compito di sviluppare il nuovo telefono dalla società finlandese Nokia. Non ci sono notizie però riguardo il destino del particolare modello. Nokia non ha rilasciato nessuna dichiarazione riguardo l’intenzione di integrare il nuovo e rivoluzionario concetto nei prodotti che saranno presentati al mercato in futuro. 

 

Le parole di Zheng sul cellulare Nokia alimentato a Coca Cola

 

“Questa tecnologia fornisce una percezione totalmente nuova delle batterie e del the pomeridiano” ha scritto Zheng sul sito su cui ha presentato il suo progetto e che contiene il resto dei suoi lavori. 

Sul sito Zheng ha presentato le foto che mostrano il serbatoio applicato al telefono Nokia, che si presenta come un contenitore applicato, in pratica, al posto della batteria, ma che dona un aspetto futuribile al cellulare.

Le foto mostrano il serbatoio che viene riempito direttamente dalla classica lattina di Coca Cola, e, in seguito alla fine della carica, un residuo trasparente, l’acqua rimasta dall’utilizzo del cellulare. 

Il testo intero con cui Zheng racconta il progetto: 

“Questo è il progetto commissionato dalla Nokia che richiedeva la progettazione di un telefono eco sostenibile. Attraverso la mia ricerca, ho scoperto che le batterie dei telefoni cellulari sono una fonte di energia costosa, che in fase di lavorazione consumano molte risorse, creano problemi di smaltimento e sono dannose per l’ambiente. Il concetto era sostituire con l’utilizzo di batterie bio compatibili le tradizionali batterie per creare un ambiente libero dall’inquinamento. Le batterie verdi sono una fonte eco compatibile che genera elettricità dai carboidrati (in questo caso lo zucchero) e utilizza gli enzimi come catalizzatori. Usando queste batterie verdi come fonte di energia dei telefoni cellulari, ci sarà bisogno soltanto di una scorta di bevande a base di zucchero che producono acqua e ossigeno quando le batterie sono esaurite. Le batterie eco sostenibili hanno il potenziale di vita maggiore, anche tre o quattro volte superiore, rispetto ad una singola carica, delle batterie agli ioni di litio e potrebbe essere totalmente biodegradabile.”

Leave a Reply

Vuoi leggere un articolo Premium GRATIS?

RFID: un acronimo mille possibilità