Home
Accesso / Registrazione
 di 

ESD test sui PCB (fatto in casa)

ESD test sui PCB (fatto in casa)

Se non avete a disposizione il budget per acquistare una "pistola" ESD, potete realizzarvela da soli, esclusivamente per verificare la bontà dei Vs. Circuiti Stampati.

Prendete un accendigas, smontate la calotta metallica superiore di protezione, collegate alla parte inferiore metallica un coccodrillo. Questo sarà la vostra pseudo-terra. Alla punta dell'accendigas, collegate un puntale piu robusto al fine di favorire la scarica.

La Vostra HomeMade "pistola" ESD è pronta.

PRESTATE ATTENZIONE A NON PRENDERE LA SCOSSA, USANDOLA CON LA DOVUTA ATTENZIONE!!!

esd4.jpgesd3.jpgesd1.jpgesd2.jpg

Alcune prove che potete fare (oltre quelle descritte nei precedenti post) sono:

Collegare il coccodrillo alla massa del Vs. circuito stampato, collegate un cavo sulla morsettiera del vostro PCB (esempio linea RS485), provate a scaricare il puntale della "pistola" sul cavo e verificate che la scarica, se avviene, sia limitata nella zona vicina alla morsettiera, o comunque dove Voi progettisti avete previsto.
Nelle Vostre prove considerate una distanza di 1mm per una scarica di ~4KV
Se avete la scarica in un punto lontano dalla morsettiera, magari sul pin di massa del microprocessore....forse c'è qualcosa che non va nei criteri con i quali è stato sbrogliato il PCB.

esd5.jpgesd6.jpgesd7.jpgesd8.jpg

Ovviamente questo è solo un test empirico, ma è sicuramente una valida risposta (economica e rapida) per verificare il corretto posizionamento delle piste in un circuito stampato. Quindi se dovete certificare un prodotto, secondo la prova ESD, dovrete necessariamente andare in un laboratorio CE, attrezzato con strumenti di scarica ESD programmabili es. 4KV , 8KV.

Se vi interessa l'interessante libro Protection Device, lo trovate sul sito della ST --->> www.st.com

Vai ai LINKS e RISORSE sulle PROTEZIONI --->>> protezioni EMI/RFI & TELECOM

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog
ritratto di enzo

Ciao! E' Interessante la

Ciao!

E' Interessante la cosa ma potresti dare qualche indicazione in piu' per capire esattamente a cosa dovrebeb servire?

ritratto di mauro

Saluti a tutti. Risposta per

Saluti a tutti. Risposta per enzo.
Uno degli attributi che distinguono un buon pcb da uno fatto con solo autorouter è il rispettare le regole concettuali di design EMI ed ESD. EMI riguarda principalmente la protezione da interferenze evitando anelli o loop di piste di VCC e GND che possono "raccogliere" disturbi elettrici dall' ambiente. ESD riguarda gli accorgimenti per proteggere gli ingressi e uscite del pcb da alte tensioni statiche, come possono essere indotte da fulmini o da abiti sintetici per esempio. Si possono usare dispositivi discreti come capacità , zener, varistori o diodi Schottky piazzati vicini ai connettori di in/out e come aiuto ulteriore realizzare volutamente sul rame del pcb delle specie di trappole formate da punte che permettono di "scaricare" la tensione prima che questa possa distruggere i componenti attivi montati sul pcb.
E' ovvio che bisogna considerare aspetti come tempi di salita delle scariche, velocità di assorbimento delle protezioni e energie in gioco per dimensionare adeguatamente il tutto.
Troverai altri particolari guardando gli articoli relativi ai test sui pcb.
Buona giornata.

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ci sono attualmente 9 utenti e 71 visitatori collegati.

Ultimi Commenti