Home
Accesso / Registrazione
 di 

Per far funzionare meglio i pannelli solari basta un adesivo

fusion_x220.jpg

La potenza dei pannelli solari può essere aumentata del 10% solo mediante l'applicazione di un adesivo trasparente al fronte. Sviluppato da una piccola startup chiamata Genie Technologies Lens, la pellicola è un film polimerico in rilievo con microstrutture che piegano la luce solare in arrivo.

Il risultato: le materie attive nei pannelli assorbono più luce, e convertono più elettricità.La tecnologia è a buon mercato e potrebbe ridurre il costo per watt di energia solare. Inoltre, a differenza di altre tecnologie sviluppate per migliorare le prestazioni del pannello solare, questo può essere aggiunta ai pannelli che sono già stati installati.

Il film polimerico ha tre funzioni principali, dice Seth Weiss, CEO e cofondatore di Genie Lens, con sede a Englewood: esso impedisce di riflettere la luce sulla superficie di pannelli solari, intrappola all'interno dei materiali semiconduttori la luce per convertirla in energia elettrica; e lascia passare filtrare solo poca luce, in modo che, invece di passare attraverso il materiale semiconduttore sottile, viaggia lungo la sua superficie, aumentando le probabilità di essere assorbito.

I ricercatori hanno progettato le microstrutture che ottengono questo risultato utilizzando algoritmi secondo i quali i raggi di luce si comportano come se entrassero nel film e incontrassero varie superfici all'interno del pannello solare - il vetro di protezione, il materiale semiconduttore, e la superficie posteriore del pannello. L’obiettivo è incanalare la luce in quantità ottimale, basta anche che entri nel pannello solare da un angolo, ma non tanto ampio che la luce si riflette e si perda. Se la luce si riflette sia sul vetro o su superfici di semiconduttori, il film reindirizza gran parte di essa di nuovo nel pannello solare.

Le prove del National Renewable Energy Laboratory hanno mostrato che gli aumenti di potenza in uscita dai film sono in media tra il 10% e il 12,5%, in condizioni nuvolose, quando la luce in ingresso è diffusa. Aggiungere l’adesivo in fabbrica, che è la soluzione migliore, o su pannelli solari già in uso, aumenta il costo complessivo di pannelli solari tra l'1% e il 10%. Ma i pannelli a questo punto, produrrebbero abbastanza elettricità per giustificare il prezzo. Quindi, aumentando la potenza di un pannello solare diminuiscono i costi di altri bene e servizi- come i trasporti marittimi e di installazione – perché per ciascuna installazione sono necessari meno pannelli solari.
Eppure, il beneficio complessivo dipende da quanto tempo dura il film polimerico.

Il costo per kilowatt ora di energia solare è calcolato stimando la produzione totale di energia del pannello solare su 20 -25 anni di garanzia. Se la pellicola è graffiata, attira la polvere, o si scolorisce dopo anni o decenni al sole, potrebbe in realtà diminuire la sua potenza nel tempo. La durabilità è un grosso problema, anche se i materiali utilizzati nei pannelli solari oggi sono stati testati nel corso di decenni, e i nuovi film si presume avranno una durata di 20 anni, la loro durata non è stata verificata.

Nel frattempo, molte aziende di pannelli solari stanno sviluppando approcci connessi per aumentare la quantità di luce che un pannello solare è in grado di assorbire. Per esempio, Innovalight, ha sviluppato un metodo per la stampa di nanoparticelle di silicio in grado di migliorare la quantità di luce rispetto al convenzionale silicio cristallino. A differenza di molti altri di questi approcci, che si sono sviluppati per particolari tipi di materiali, gli adesivi di Lens Genie possono essere applicati a qualunque tipo di pannello solare, tra cui quelli a silicio cristallino e della più recente tecnologia a film sottile. (da Technology Review

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog
ritratto di Labotronika

Adesivo per pannelli solari

Parallelamente alla passione per l'elettronica, partendo dal 1975, ho dovuto curare gli interessi della ditta familiare la cui attivita' verteva sulla lavorazione di vetro piano (finestre ecc). Di conseguenza quando leggo queste notizie resto allibito dato che da almeno 35/40 anni ditte produttrici di vetro si sono occupati di questo problema infatti il prodotto chiamato "Albarino" mi sembra,(sono passati un po di anni), faceva appunto quel tipo di lavoro sui pannelli solari ad acqua.
Alla pari ho riso di gusto quando in un documentario annunciarono una novita' mondiale , ovvero quella di ottenere una riduzione dei costi delle celle fotovoltaiche attraveso la deposizione di un sottile strato di silicio su un supporto di vetro................O ragazzi ma gli specchi di casa come pensate che siano fatti ? C'e' uno strato sottilissimo di argento fatto precipitare chimicamente , ma sto procedimento esiste da quando esistono gli specchi. Questo purtroppo giustifica una mia grande paura, quella che concettualmente mi dice che i master della conoscenza sono finiti, le esperienze non sono state trasmesse e queste nuove generazioni pensano forse di trovare le "Sfere del drago" o le "Lame rotanti", ma non e' cosi' :-D

ritratto di Maurizio S.

credo che non è così

Attualmente le "nano" tecnologie utilizzate per il trattamento del vetro
"post produzione", sono 2 o meglio dire 3,
però la 3ª che riguarda i trattamenti chimici superficiali, non si adatta al nostro scopo.

Quindi ci rimangono in ballo la SANS (diffusione neutronica con laser)
e la SAXS (diffusione neutronica di raggi X a basso angolo)

Come sicuramente saprai, ambi soluzioni sono di alto costo di fabbricazione e applicazione, costo, che nemmeno lontanamente si avvicina, alle economiche polimerizzazioni in massa e sopratutto "in situ" delle fibre o laminati plastici.

Se il fine di questo progetto è ridurre il costo per watt,
pur augurandoti prosperi affari a te e a tutti i lavoratori del settore, la soluzione offerta da Genie Lens, è molto più viabile, che l'uso di polimeri vetrosi, e sicuramente è di molto più facile, applicazione e trasporto.

Ti sei chiesto, se il citato progetto "Albarino", non sia il padre
del progetto della Genie Lens? e che i suoi creatori possono essere relazionati direttamente o indirettamente con il progetto?
Creare delle nanostrutture di nuova forma e funzionalità, è certamente un ottima definizione di: "creare una nuova tecnologia".

Anche perché, se consideriamo che il prodotto "Albarino", è stato creato 40 o 30 anni fa , come tu affermi, tu mi dirai come facevano a creare nanostrutture se ancora in quegli anni, non si utilizzava la nanotecnologia,
e in assenza di queste nanostrutture come riuscivano a ottenere la stessa capacità di ottimizzazione dei nuovi prodotti?

Se ti riferisci al concetto di catturare la luce e incanalarla, ti chiedo:
perché questo secondo te suppone una forma di plagio o mancanza di idee da parte della Genie Lens?

se John Bardeen la pensava come te, come già si conosceva e utilizzava la "unione pn" , non sarebbe servito a niente creare il transistore o sarebbe stato un plagio a la Marconi?

Io credo che qualsiasi idea,progetto o deformazione referente agli stessi, è, e deve essere un bene dell'Umanità, e condividere conoscenze è la vera evoluzione.

Il futuro è il risultato del passato, se ci lamentiamo del futuro, ci stiamo lamentando degli insegnamenti fatti dalle nostre generazioni.

PS : non riesco a localizzare progetto "Albarino" da te citato,
potresti farmi la gentilezza di fornirmi più dati e cosi poter validare, e
allo stesso tempo documentarmi su che camino ha intrapreso il progetto?
molte grazie.

Un saluto a tutti
Maurizio.

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ci sono attualmente 6 utenti e 46 visitatori collegati.

Ultimi Commenti