Home
Accesso / Registrazione
 di 

Sistema MED-SEG: dalle stelle alla mammografia

Il sistema MED-SEG, inventato per le immagini satellitari, viene usato ora per le tecniche di imaging medico

Il sistema MED-SEG viene utilizzato in campo medico per migliorare la mammografie, le ecografie e le radiografie digitali, consentendo ai medici di vedere con maggiore precisione dettagli che prima non potevano essere rilevati. Con il sistema MED-SEG si riduce quindi il rischio di errori e si tagliano i costi dovuti a esami inutili. Ma come è nata questa tecnica? Tutto è cominciato con uno scienziato della NASA…

La nascita del sistema MED-SEG

Il sistema MED-SEG, utilizzato per numerose applicazioni mediche, deriva da un progetto della NASA. Tutto è iniziato più di 25 anni fa, quando James C. Tilton, uno scienziato del Goddard Space Flight Center della NASA, ha iniziato a studiare un nuovo modo di analizzare i pixel che compongono le immagini digitali.

Ha ideato un algoritmo che ha preso segmentazione delle immagini a un livello completamente nuovo: non solo oggetti trovati in singole regioni, ma anche oggetti separati spazialmente raggruppati in classi. In altre parole, applicando questa tecnica ad una immagine satellitare, ha potuto riconoscere montagne di diversa altitudine, ma anche raggruppare montagne di luoghi diversi separandole dai fiumi.

Egli chiama questa tecnica segmentazione gerarchica, ed è stata utilizzata per analizzare i dati alla Terra nelle immagini da satellite Landsat della Nasa e dai veicoli spaziali per migliorare le mappe su neve e ghiaccio e trovare le posizioni possibili per gli scavi archeologici.

Al di là delle applicazioni mediche, il software potrebbe essere utilizzato per il riconoscimento facciale, la gestione delle colture, e altro ancora. Ora questa tecnica viene applicata in campo medico per migliorare la mammografie, le ecografie, le radiografie digitali e altro ancora.

"La mia idea originale era orientata alla scienza della Terra", dice Tilton, che era inizialmente scettico che il suo algoritmo potesse migliorare, ad esempio, la mammografia. "Non avrei mai pensato che sarebbe stato usato per le tecnologie di imaging medico".

Poi sono state elaborate delle immagini e si sono visti dettagli non visibili allo stato naturale. "Le caratteristiche delle cellule spiccavano chiaramente, e questo mi ha fatto capire che Bartron stava facendo qualcosa di importante".

L’evoluzione successiva del sistema MED-SEG

Bartron Medical Imaging, con sede nel Connecticut, da allora ha sviluppato il nuovo sistema MED-SEG, che la FDA ha recentemente autorizzato per l'uso da parte di professionisti addestrati per elaborare le immagini insieme ad altre immagini, anche se per ora il sistema non dovrebbe essere usato per la diagnosi primaria.

Bartron, che per primo ha studiato il software, ha ottenuto la licenza della tecnologia brevettata nel 2003 per creare un sistema in grado di differenziare i dettagli delle immagini mediche difficili da vedere a occhio nudo. E poi ha iniziato a lavorare con i medici per analizzare TAC, risonanze magnetiche e ultrasuoni.

"I professionisti addestrati possono utilizzare il sistema MED-SEG per separare immagini bidimensionali in sezioni digitalmente connesse o regioni che, dopo la colorazione, possono essere etichettate singolarmente dall'utente", ha detto Fitz Walker, presidente e amministratore delegato di Bartron.

La dottoressa Molly Brewer, professoressa con la Divisione di Oncologia Ginecologica presso l'Università del Connecticut all’Health Center, spera di migliorare il sistema MED-SEG in particolare per le mammografie.

Le donne che hanno un’alta densità del seno o una storia familiare di cancro al seno vengono spesso sottoposte a risonanze magnetiche, che sono costose e hanno un alto tasso di falsi positivi risultanti in molte biopsie inutili. Nessuna delle due modalità di imaging è in grado di rilevare tumori senza un significativo numero di imprecisioni. Inoltre, la lettura di questi test si basa sulla rilevazione delle differenze di densità, che è altamente soggettiva. Il sistema MED-SEG elabora l'immagine consentendo al medico di vedere molti più dettagli.

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Ultimi Commenti