Surface 2.0: il tavolo touch screen per i medici

Surface 2.0 consente a un team di medici di visualizzare radiografie e programmare interventi

Surface 2.0 è un tavolo touch screen ideato da Microsoft in collaborazione con Samsung. Presentato al Consumer Electronics Show 2011, il prodotto mira a conquistare target ben definiti, tra cui i medici. Surface 2.0 potrebbe permettere, infatti, di lavorare in team programmando le operazioni, visualizzando gli esami del paziente e creando delle simulazioni. Il tutto con una tecnologia touch basata su pixel sense.

Surface 2.0 presentata al CES 2011

Surface 2.0 è la nuova proposta touch per le strutture come ospedali, aeroporti e scuole. Al Consumer Electronics Show 2011, Steve Ballmer ha presentato la versione 2.0 di Microsoft Surface, una tecnologia intuitiva con display interattivo progettato per essere utilizzato per il lavoro collaborativo da un piccolo gruppo di persone. Microsoft ha una partnership con Samsung per rendere il nuovo sistema più compatto e fargli avere l’aspetto di un televisore tradizionale a schermo piatto. Surface 2.0 offre un modo interessante per esplorare le immagini radiologiche, discutere le opzioni di trattamento con un paziente, e collaborare a progetti creativi.

Queste sono alcune delle nuove caratteristiche di Surface 2.0: si tratta di un dispositivo molto sottile, dato che il nuovo hardware è di 4 pollici; offre una ricca esperienza visiva perché con la saturazione del colore da un display full HD e uno schermo più grande ha una superficie avvincente, coinvolgente per l’esperienza visiva. Surface 2.0 offre un’esperienza tattile basata sulla visione. Con PixelSense, Microsoft Surface risponde al tocco e agli oggetti del mondo reale.

Il dispositivo è interamente touch, dall’inizio alla fine. Con Windows 7 e Surface 2.0, non vi è alcun bisogno di una tastiera e di un mouse per l’installazione e la configurazione. Surface 2.0 supporta fino a 20 stimoli tattili contemporaneamente. E’ quindi molto adatta al lavoro di gruppo, caratteristica che la rende utilizzabile da un team di medici che preparano un’operazione. Ogni pixel di Surface 2.0 è fisicamente collegato a un sensore e questo consente all’hardware di riconoscere il numero degli utenti che stanno usando il dispositivo. Inoltre, Surface 2.0 è in grado di scannerizzare immagini e digitalizzare un testo scritto.

I nuovi controlli sono rapidi. E’ possibile regolare le impostazioni di base quali il volume, la luminosità, e la fonte di ingresso. Ci sono anche ulteriori opzioni di personalizzazione: un programma di utilità di configurazione significa che si possono fare rapidamente modifiche alle immagini di sfondo, configurare le applicazioni, e modificare le impostazioni senza entrare nel codice.

La collaborazione con Samsung per Surface 2.0

L’amministrazione remota di Surface 2.0 è semplificata. Gli script di shell sono facili da utilizzare e creare, e il dispositivo può essere implementato in un ambiente aziendale. La piattaforma Microsoft Surface 2.0 rende più semplice lo sviluppo di applicazioni che girano su Microsoft Windows 7 con dispositivi touch e con funzionalità migliorate sul SUR40 Samsung per Microsoft Surface Surface 2.0, infatti, funziona nel nuovo 40 pollici Samsung SUR40, che può essere usato come un tavolo, sul muro, o incorporato in apparecchi o altri mobili.

Sul sito di Microsoft Surface 2.0 è disponibile un pacchetto che aiuta a creare nuove applicazioni. Questo pacchetto comprende la versione beta avanzata di Microsoft Surface con controlli, modelli e campioni per creare facilmente applicazioni ottimizzate per l’interazione multitouch e che girano su PC Windows Touch. Questo toolkit fornisce alcune anticipazioni per gli sviluppatori di applicazioni di Surface per prepararsi alla prossima versione di Microsoft Surface.

Difficile dire se Surface 2.0 avrà successo, dato che la prima versione non ha entusiasmato gli acquirenti. Intanto però Microsoft ha annunciato l’esistenza di un accordo con la Royal Bank of Canada, per la fornitura di Surface 2.0 alle succursali.

STAMPA     Tags:, ,

One Response

  1. bustale 24 gennaio 2011

Leave a Reply