EOS

La fisica delle lenti a cristalli liquidi

Le lenti a cristalli liquidi sono la tecnologia del futuro e trovano applicazione in molti settori, in particolare rappresentano un importante prossimo utilizzo per le correzioni di gradazione ottica (miopia, presbiopia) negli occhiali. Essi sono caratterizzati da un indice di rifrazione variabile dovuto ai materiali costituenti anisotropi. Questo effetto è ottenuto mediante l’applicazione di un campo elettrico o magnetico attraverso lo strato di cristalli liquidi che rappresentano una classe di composti organici con particolari proprietà liquido-cristalline. L’indice di rifrazione, assorbimento e riflettanza dei materiali dipendono dalla lunghezza d’onda della luce. Il rapporto tra i parametri delle lenti come la risoluzione, campo di vista, la lunghezza focale, aberrazioni, profondità di messa a fuoco è di fondamentale importanza per il design di […]

ATTENZIONE: quello che hai appena letto è solo un estratto, l'Articolo Tecnico completo è composto da ben 1682 parole ed è riservato agli abbonati PLATINUM. Con l'Abbonamento avrai anche accesso a tutti gli altri Articoli Tecnici MAKER e PLATINUM e potrai fare il download (PDF) di tutti gli EOS-Book, Firmware e degli speciali MONOTEMATICI. ABBONATI ORA, è semplice e sicuro.

Abbonati alle riviste di elettronica

6 Commenti

  1. turista_diy turista_diy 18 dicembre 2014
  2. Antonello Antonello 18 dicembre 2014
    • Piero Boccadoro 18 dicembre 2014
    • Maurizio Di Paolo Emilio Maurizio 18 dicembre 2014
  3. dantave dantave 26 gennaio 2015

Scrivi un commento

EOS