Programmiamo ESPertino con MicroPython

Proseguiamo la nostra panoramica sui diversi ambienti di sviluppo per ESPertino occupandoci in questo articolo di MicroPython, l’implementazione della versione 3.x del noto linguaggio di scripting rivolta ai microcontrollori e ai sistemi embedded. Anche questa volta ESPertino non finirà di stupirci, offrendo un modo alternativo ma molto efficiente e istruttivo per creare nuove interessanti applicazioni

Introduzione

MicroPython è un’implementazione lineare ed efficiente della versione 3.x del noto linguaggio di scripting Python. Il sistema include un sottoinsieme delle librerie standard del linguaggio, ed è ottimizzato per essere eseguito su microcontrolli, o in generale su sistemi embedded in cui, come noto, le risorse a disposizione sono limitate e devono pertanto essere utilizzate in modo ottimale. Sebbene si tratti di un sistema di sviluppo essenziale, MicroPython include diverse funzionalità avanzate del linguaggio, quali: prompt interattivo (shell dei comandi), numeri interi con precisione selezionabile a piacere, comprensione di lista, funzioni generatore, gestione delle eccezioni, e altro ancora. Inoltre, MicroPython è estremamente compatto: per eseguire il suo codice sono infatti sufficienti 256 Kb di memoria flash e 16 Kb di memoria RAM. L’obiettivo dichiarato di MicroPython è quello di raggiungere il più elevato grado di compatibilità con la versione standard di Python, in modo tale che sia possibile trasferire sul microcontrollore oppure sul sistema embedded lo stesso codice sviluppato in ambiente desktop. L'interfaccia utente di MicroPython è rappresentata da un prompt interattivo denominato REPL (acronimo di Read-Eval-Print Loop). In Figura 1 possiamo osservare una screenshot del prompt di MicroPython, nella versione per i sistemi equipaggiati con modulo Wroom-ESP-32, e quindi anche ESPertino. Si tratta in sostanza di una shell interattiva molto semplice, in grado di ricevere gli input dell’utente, processarli, e restituire il risultato dell’operazione. REPL permette sia di eseguire i comandi (o script) immediatamente, sia di importare ed eseguire script dal filesystem. La shell è inoltre provvista di funzionalità avanzate quali history, completamento automatico con il tasto tab, autoindentazione, e copia-incolla. [...]

ATTENZIONE: quello che hai appena letto è solo un estratto, l'Articolo Tecnico completo è composto da ben 3229 parole ed è riservato agli ABBONATI. Con l'Abbonamento avrai anche accesso a tutti gli altri Articoli Tecnici e potrai fare il download in formato PDF eBook e Mobi per un anno. ABBONATI ORA, è semplice e sicuro.

Scrivi un commento