Auto elettrica fai da te

Auto elettrica fai da te

Progettare un’auto elettrica fai da te. E’ stata l’idea di Craig Carmichael che con il suo HubCap TM Electric è in grado di far diventare la propria automobile un veicolo elettrico, aggiungendo gas (o gasolio, propano ecc). L’auto verrà trasformata in un veicolo elettrico solo con l’ausilio di questo dispositivo. Tutto ciò comporterà un’alta efficienza, facendo diventare l’automobile ibrida. L’impianto elettrico autocostruito potrebbe rivelarsi un’ottima invenzione.

L’auto elettrica fai da te è realtà

Progettare un’auto elettrica fai da te. E’ la scoperta sorprendente realizzata con un basso numero di giri del generatore PMG. Tutti potranno far diventare ibrida (auto normale + auto elettrica) la propria automobile grazie a dei magneti che vanno applicati sulla ruota. Una nuova invenzione che renderà il veicolo ibrido (quindi anche elettrico) senza spendere cifre esorbitanti per impianti di questo genere.

L’idea di poter rendere l’automobile ibrida è divenuta realtà posizionando due supermagneti sulla ruota di un’auto, e generare così energia. Man mano l’idea è divenuta realtà grazie al lavoro di Craig Carmichael, che ha voluto strizzare l’occhio alla tecnologia ibrida per le automobili con minore impatto sull’ambiente.

A differenza dei tipici veicoli elettrici il piano è quello di bypassare la trasmissione, collegandosi direttamente al mozzo della ruota. L’obiettivo è quello di dare maggiore spinta e consentendo comunque l’uso di un motore a gas, se necessario. Le sue dimensioni sono contenute rendendo così l’oggetto piccolo e leggero.

Il dispositivo contiene un potente motore elettrico che fa girare la coppia delle ruote dell’auto senza ingranaggi. Si pensa, infatti, che un giorno non molto lontano, tutti i veicoli a propulsione saranno brevettati in questo modo.

Gli enormi vantaggi delle auto elettriche

Il dispositivo che permette all’auto di diventare elettrica ha importanti vantaggi rispetto a qualsiasi altro sistema di azionamento elettrico. Tralasciamo il fatto che le auto elettriche possono circolare in qualsiasi giorno dell’anno (anche con il blocco del traffico nelle città), in questo caso però il vecchio I.C.E. sistema di azionamento e la meccanica sono rimasti inalterati. Il motore dell’auto può così funzionare sia a benzina che elettricamente per soddisfare così tutte le esigenze di guida tra cui lunghi viaggi, facendo perciò diminuire l’inquinamento, utilizzando combustibili fossili.

Il prototipo dell’auto elettrica autocostruita è anche più efficiente del classico motore elettrico, trasforma infatti le ruote magneticamente e senza ingranaggi. La macchina si muove probabilmente con il 50% di efficienza in più. Vengono sfruttati soltanto 2/3 di energia. Le conseguenze sono anche la riduzione del consumo della batteria e l’impatto sulla rete elettrica. Il nuovo dispositivo per rendere elettriche le auto si monta su un freno a disco, i tre elettromagneti di fase (cilindri neri) sono pilotati tramite i tre fili in alto a destra. A questo va aggiunta l’asse, il magnete del rotore il coperchio e staffe di montaggio che completano le componenti meccaniche di tutto il sistema. Dalla foto non sono visibili il coperchio e il dissipatore di calore. Le batterie utilizzate non supportano però grandi distanze. Lo stesso Craig ha anche pensato di posizionare un carica batterie durante la guida su motori a benzina, alternando così in un lungo viaggio periodi di consumo elettrico e a benzina. Lo stesso progettista però non ha trovato in commercio batterie.
Concludendo direi che forse tale sistema non verrà mai realmente prodotto in larga scala, ma ottima idea per una auto elettrica fai da te.

2 Comments

  1. Elektrik Girl 1 settembre 2010
  2. 3nca 3 settembre 2010

Leave a Reply