Home
Accesso / Registrazione
 di 

Corea del Sud investe nell'energia eolica

Parco eolico Sud Corea

L'energia eolica, nonostante il forte incremento dei Paesi industrializzati, soddisfa attualmente solo il 1,5% della produzione mondiale di elettricità. Ma gli scienziati continuano a riservare grandi speranze nell'eolico, considerato come un forte potenziale nello sviluppo di energia alternativa.

Anche i Paesi asiatici stanno anche cercando di abbracciare l'energia pulita e verde. La Corea del Sud è particolarmente impegnata nella costruzione di un ambizioso parco eolico off-shore del valore di 8,3 miliardi di dollari. Questo progetto sarà realizzato nella costa occidentale della penisola coreana in un lasso di tempo di dieci anni.

Parco eolico offshore

Attualmente le società sud-coreane come Hyundai Heavy Industries, Samsung Heavy Industries, Doosan Heavy Industries & Construction, e Hyosung Corp. si stanno dimostrando molto interessate nella produzione di turbine eoliche.
Secondo il Ministero della "Economia della Conoscenza" (MKE) questo progetto vedrà la realizzazione di 500 turbine eoliche nel Mare del West al largo della provincia di Jeolla. Tutte queste turbine produrranno 2.500 megawatt di energia all'anno. La quantità di energia elettrica sarà sufficiente a coprire i fabbisogni di 3,5 milioni di abitanti del territorio del Busan per un mese intero.

La sfida dell'energia sostenibile

Il direttore dell' MKE, Kang Nam-hoon dice: "Fondamentalmente, il sistema si compone di tre fasi. Entro il 2013, verranno innalzate 20 turbine raggiungengo 180 megawatt entro il 2016 e altre 300 saranno elevate entro il 2019. "
Kang Nam-hoon è abbastanza fiducioso che la Corea del Sud riuscirà a vincere la sfida alle energie rinnovabili abbandonando sempre più il consumo di combustibili fossili: "Si tratta di coinvolgere grandi imprese cercando di far diventare il parco eolico in costruzione uno delle tre centrali elettriche di maggior importanza per la generazione di energia eolica off-shore ".
Kang pensa inoltre che questo parco eolico convincerà il mondo intero che la Corea è ormai un garnde paese pronto a dare filo da torcere per quanto riguarda le innovazioni tecnologiche alle grandi potenze mondiali. 

Possibilità di esportare la tecnologia coreana

Molte aziende nazionali stanno lavorando sulle turbine eoliche grazie ai finanziamenti del governo coreano, anche se la speranza è che imprese private investano maggiormente i propri fondi per raggiungere gli 8,3 miliardi di dollari necessari per il completamento del progetto. Il ministero potrà infatti coprire solo lo 0,3% del costo complessivo del progetto con finanziamenti diretti allo sviluppo e ricerca. Da coprire rimane in particolare la parte necessaria per la realizzazione concreta. I produttori interessati giocano la loro reputazione nella costruzione di questo parco eolico che può rappresentare un biglietto da visita per riuscire a creare un mercato mondiale dell'energia verde e un trampolino di lancio per l'esportazione della tecnologia coreana a livello globale.

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog
ritratto di Rossella De Marchi

Corea

Non mi stupisce che ormai siano proprio Paesi come la Corea a investire di più nelle nuove tecnologie di questo tipo... L'Europa invece mi sembra un po' "ingessata" nei soliti problemi burocratici (scelta del sito, gestione dei fondi, ecc!)...

ritratto di Edi82

Si però...

E' vero in Italia purtroppo lo sviluppo delle energie alternative va a rilento. Però colgo l'occasione anche per ricordare quanto sia importante scegliere il luogo giusto dove collocare le pale eoliche, che non sia di impatto per l'ambiente e il valore artistico-paesaggistico. Non so se qualcuno sta seguendo a questo proposito la polemica di Sgarbi per tutelare il nostro patrimonio storico artistico....

ritratto di mirko.zago

Paesaggio

Condivido pienamente la preoccupazione per il paesaggio, però con un minimo di "cervello" questi problemi possono essere evitati, ad esempio con la soluzione off-shore in mezzo al mare, al largo, a chi può dar fastidio?

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ultimi Commenti