Home
Accesso / Registrazione
 di 

Gli amplificatori RF alimentati tramite convertitore DC-DC con 6 Mhz di commutazione

Amplificatore di radiofrequenza con convertitore dc-dc

Secondo le ultime stime di Fairchild, l’amplificatore RF misura un impiego energetico del 30% del terminale mobile W-Cdma, con picchi che arrivano anche fino al 60% nelle zone caratterizzate da una scarsa copertura. Le cause sono in parte relative proprio alle caratteristiche dello standard W-Cdma, il quale opera in modalità full-duplex, ossia facendo funzionare contemporaneamente trasmettitore e ricevitore.

Pregi e difetti degli amplificatori in radio frequenza

Stando alle stime di Fairchild, l'amplificatore di potenza in radiofrequenza consuma il 30% del budget energetico del terminale mobile W-Cdma, una percentuale che può salire fino al 60% nelle zone con “cattiva copertura”. Le cause di questo consumo così elevato vanno ricercate in parte nelle caratteristiche dello standard W-Cdma, il quale impiega la modalità full-duplex, pertanto richiede il funzionamento contemporaneo di trasmettitore e ricevitore.

Per garantire la linearità alle alte potenze di emissione RF, l'amplificatore richiede infatti una corrente di bias che è invece sprecata quando il dispositivo lavora su livelli più bassi (cioè nelle zone caratterizzate da “ottima copertura”). Ne consegue che il massimo valore di efficienza dell'amplificatore (effettivamente basso, cioè 33% circa) può essere raggiunto solo in condizioni d'uso particolari. Una soluzione parziale a questo problema consiste nell'impiego di amplificatori dotati di due diverse modalità di funzionamento, a bassa e ad alta potenza, con due diverse correnti di bias.

Secondo Fairchild, tuttavia, questi dispositivi sono costosi e di difficile calibrazione. Da tempo, quindi, molti costruttori di terminali mobili hanno scelto di alimentare l'amplificatore RF tramite un convertitore DC-DC, una soluzione che consente di migliorare l'efficienza energetica – rispetto all'alimentazione diretta da batteria – e di utilizzare amplificatori standard.

Il convertitore DC-DC e 6 Mhz di commutazione

Anche il nuovo convertitore DC-DC FAN5902 di Fairchild è finalizzato in primo luogo ad ottenere questi vantaggi. L'alimentazione switching consente infatti di implementare la funzione di Dynamic Voltage Scaling, cioè di regolare con continuità la tensione di alimentazione fornita all'amplificatore di potenza RF (di tipo standard, più economico rispetto ai modelli dotati di due modalità di funzionamento) e quindi di ottimizzare l'impiego dell'energia in ogni condizione d'uso. Secondo i dati diffusi da Fairchild, il chip FAN5902 permette di raggiungere un'efficienza del 92% nel funzionamento ad alta potenza e del 67% per emissioni a bassa potenza. Il conseguente prolungamento dell'autonomia dei terminali, nelle connessioni HSUPA, è valutato in un tempo compreso tra venti e quaranta minuti. Il miglioramento dell'efficienza comporta ovviamente anche una diminuzione del calore dissipato (meno 57%, sempre stando ai dati diffusi da Fairchild), con la conseguente possibilità di ridurre le dimensioni dei dissipatori.

Allo scopo di conquistare un margine di vantaggio competitivo in questo mercato, Fairchild ha dotato il nuovo FAN5902 di una caratteristica particolare: l'impiego di una frequenza di commutazione di 6 megahertz, contro i 3 megahertz di altri convertitori. Ciò consente di utilizzare un'induttanza di minori dimensioni e quindi di risparmiare spazio sul circuito stampato. Il filtraggio della frequenza di commutazione richiede infatti una piccola ed economica induttanza da 0,5 microhenry e condensatori di formato 0603 e 0402. Sul circuito stampato la soluzione completa di conversione DC-DC occupa uno spazio di soli 5 x 2,4 millimetri. Ulteriori vantaggi offerti dal funzionamento a 6 megahertz sono la possibilità di spostare il rumore di commutazione al di fuori della banda base e di ottenere risposte più rapide ai cambiamenti del carico: il valore di tensione massimo viene raggiunto in soli venti microsecondi.

Il convertitore DC-DC FAN5902 di Fairchild - che ovviamente si rivolge anche al mercato delle datacard - può operare in due diverse modalità: Pwm e Pfm. Eroga una tensione di uscita compresa tra 0,4 e 3,4 volt, con una corrente di 800 milliampere RMS. È dotato di limitatori di corrente e di temperatura, controllore dello slew rate, Fet di bypass a 50 ohm per il funzionamento con batteria in esaurimento. Il dispositivo impiega un contenitore CSP dotato di dodici sfere, con un passo di mezzo millimetro. Come ha spiegato Ingrid Kugler, Fairchild occupa una posizione di rilievo nel mercato del power management per i sistemi mobili e collabora con tutti i principali produttori di telefoni cellulari.

 

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ultimi Commenti