Home
Accesso / Registrazione
 di 

Ricaricare le chiavette Coges dei distributori automatici

Ricaricare le chiavette dei distributori automatici

Avete presente quelle chiavette che permettono di acquistare nei distributori automatici senza dover utilizzare il denaro contante? Sto parlando delle chiavette Coges, un piccolo dispositivo elettronico che gira sopratutto all'interno delle scuola e degli uffici che permettono di acquistare dei prodotti senza dover usare le monetine e nella maggior parte dei casi permettono anche di risparmiare qualche centesimo ad ogni acquisto.

In Rete per anni si è sempre parlato dei metodi per ricaricare queste chiavette in maniera gratuita, ma mai si era riusciti ad arrivare a qualcosa di concreto o ad una guida definitiva per effettuare l'hacking di questi dispositivi.
Grazie ad una segnalazione anonima sul Blog di Luca Mercatanti da oggi invece possiamo trovare una guida completa su come poter ricaricare queste chiavette accedendo direttamente all'epprom del dispositivo. I passaggi da effettuare sono abbastanza banali, così come il materiale richiesto per effettuare l'operazione.

Il tutto è facilmente reperibile su eBay o in qualche negozio di elettronica mediamente fornito.

Scendo nel particolare abbiamo bisogno di:

* Chiavetta Coges

* Multipippo (programmatore di Eeprom)

* Computer con ingresso seriale 9 pin

* Cavo seriale 9 pin

* Solvente per resine (o Acetone)

* IC-Prog (software da installare sul computer)

* Accendino

* Ago di circa 1,3 mm

* Martello

* Saldatore a stilo 20 W

* Stagno

* Cavi per cablaggio elettronico

* Morsetti per elettronica

* Cacciavite

I passaggi successivi non sono altro se non quelli di aprire in maniera adeguata il dispositivo Coges, eliminare la resina con l'acetone (operazione che richiede circa 7 giorni di pazienza) e successivamente collegare la eeprom al Multipippo, con il quale si potranno andare a modificare i valori contenuti all'interno della memoria, facendo così variare il credito contenuto come meglio si crede.

Eeprom chiavette Coges

Un gioco da ragazzi, ma solo per scopo illustrativo, poichè tale azione può essere perseguitata Penalmente dalla Legge Italiana.

Tutti i dettagli su come ricaricare una chiavetta Coges gratuitamente, nel mio blog.

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog
ritratto di LoryD

Coges Engineering

Codici in chiaro su una eeprom associati alle somme di denaro ricaricate. Mah.
Inoltre ripetuti 2 volte, non erano sicuri che la eeprom mantenesse i dati oppure che l'hacker riuscisse piu facilmente ha scovare le giuste locazioni di memoria?
(voglio sperare che una serie indichi la ricarica e l'altra invece si decrementi con l'utilizzo)
COMUNQUE La PRIMA COSA CHE HO PENSATO QUANDO HO LETTO L'ARTICOLO:

Ma chi le ha progettate.... Babbo Natale???

ritratto di catta82

Moralità?

Anche se sono un sostenitore dell'open hardware, non credo che un articolo del genere sia adatto per un forum serio di elettronica, perchè anche se viene sottolineato che si può essere perseguiti a norma di legge, istiga comunque alla contraffazione e quindi al furto di denaro.
E visto che in Italia i ladri non mancano, non credo sia il caso di aumentarne il numero.

ritratto di Emanuele

Chiarimento su articolo chiavette distributori automatici

Salve catta82,
anche noi siamo sostenitori dell'open hardware ed anche dell'open software :)

Quando Luca (lmercatanti) mi ha inviato l'articolo abbiamo riflettuto molto se pubblicarlo o no, poi abbiamo deciso positivamente per i motivi di seguito elencati:

1) La pubblicazione di un Hack, se giustamente interpretata dall'azienda colpita, può essere solo un evento favorevole alla stessa azienda. Mi spiego meglio.
Abbiamo verificato che il proliferare di siti, forum, blog online dove viene promesso di crakkare le chiavette dei distributori ha raggiunto livelli incontrollabili in italiano ed indefinibili in lingua inglese (basta fare una ricerca in inglese per endervene conto).
Quindi l'unica cosa da fare, a nostro giudizio, per l'Azienda è di smentire ufficialmente le notizie che circolano, se sono false, oppure annunciare le procedure di sicurezza adottate per rendere inutili tali sistemi. Magari diffondendo anche se tali modifiche sulle chiavette sono perseguibili penalmente, nel dettaglio.

2) Forse, e ribadisco forse, cè stata una leggerezza nella progettazione ma si sà, nella vita si sbaglia ma si ripara anche, ed in genere quando si ammettono i propri errori e si lavora per risolverli, allora se ne esce più forti di prima :)

3) L'Elettronica Open Source è un blog aperto, open source non è solo riferito a software o cose, ma è proprio un tipo di filosofia. Open source sono i commenti (mai censurato un commento (e questo è il numero 17105) addirittura commenti con volgarità, ma che offrono un punto di vista, li teniamo barrando solo le parole scurrili. Perchè penso che ognuno è libero di esprimersi come meglio crede, o come è stato educato e poi, semmai sarà la community stessa mettere piu o meno in "cattiva luce" determinati personaggi, sempre con i commenti!

4) Situazioni simili sono già accadute, ad esempio negli Stati Uniti alcuni anni fa veniva dimostrato come era possibile aprire le automobili hackerando il rolling code presente nei telecomandi. Ne abbiamo parlato qui
http://it.emcelettronica.com/howto-rubare-auto-we-can

Dopo tali divulgazioni la Microchip è corsa ai ripari con comunicati ufficiali, ed i progettisti sicuramente avranno iniziato ad usare i suggerimenti proposti dai FAE, utilizzando in modo più sofisticato (e completo) la codifica rolling.

Immaginate se tali informazioni NON fossero state divulgate e.... fossero solo in mano ai malintenzionati....

Comprendi catta82 che tale articolo NON è un invito a delinquere, ma, oltre ad essere motivo di studio (si, anche se in minima parte, ma lo è) è soprattuto un modo per dire, per diffondere, per divulgare il più possibile.... che esistono tali sistemi e che quindi chi NON vuole essere "fregato" corra ai ripari (se non lo ha già fatto)
perche, come ho detto prima nella vita (progettazione elettronica per molti :-) si sbaglia ma si ripara anche, ed in genere quando si ammettono i propri errori e si lavora per risolverli, allora se ne esce più forti di prima :)

ritratto di catta82

Con rispetto parlando,

Con rispetto parlando, Emanuele, leggendo questo articolo io cosa ho appreso???
Ho appreso una lista di materiale per serve per smontare una chiavetta resinata, qualche indicazione riguardante ad un programma la scrittura di eprom ed un link ad un blog nel quale si spiega una procedura per scrivere le celle di memoria...
Sinceramente da un articolo in un forum di elettronica, come si propone EOS, mi aspetto qualcosa di più... qualche spiegazione... qualche link a datasheet...insomma qualcosa di un po più consistente!
Se poi questo articolo parla di come contraffarre una chiavetta per i distributori... scusa... ma mi è venuto dal cuore il commento precedente!
Io capisco la priorità di voler divulgare un qualcosa che possa essere di utilità a qualcuno... però credo che sia importante guardare anche i contenuti!
Per concludere... a chi si riferisce alla contraffazione di software, CD, ecc... io nella mia vita privata ho fatto una scelta chiara: uso unicamente software open source. E credo che tutti dobbiamo riflettere sul fatto che copiare software illegalemente, che sia un sistema operativo o il più infimo programma da qualche kB, è sbagliato!

ritratto di Emanuele

Ti rispondo passo passo, te lo meriti, positivamente parlando!

>Con rispetto parlando, Emanuele,
>leggendo questo articolo io cosa ho appreso???

a qualcuno ha fatto piacere vedere come è stata mappata la eeprom, probabilmente ad altri come è stato realizzato il pcb della chiavetta....

>Ho appreso una lista di materiale per serve per smontare una chiavetta
>resinata, qualche indicazione riguardante ad un programma la scrittura
>di eprom ed un link ad un blog nel quale si spiega una procedura
>per scrivere le celle di memoria...

Se apprendevi il metodo dettagliato per crakkare le chiavette, magari anche quelle piu sofisticate, con decodifica del crypto tramite algoritmi matematici ed applicazioni di reverse engineering sulle matrici.... probabilmente mi avresti accusato comunque no?
(accusato è eccessivo, ma non mi viene la parola :)

>Sinceramente da un articolo in un forum di elettronica,
>come si propone EOS, mi aspetto qualcosa di più...
>qualche spiegazione... qualche link a datasheet...
>insomma qualcosa di un po più consistente!

Abbiamo pubblicato piu di 5000 articoli.... avoia a robbba consistente!!
(a Roma si dice cosi)

>Se poi questo articolo parla di come contraffarre una chiavetta
>per i distributori... scusa...
>ma mi è venuto dal cuore il commento precedente!

Su questo ti è stato già risposto e comunque come hai visto nei commenti i pareri sono contrastanti

>Io capisco la priorità di voler divulgare un qualcosa che possa essere
> di utilità a qualcuno... però credo che sia importante
>guardare anche i contenuti!

E' il mio pallino, migliorare sempre di più i contenuti! Ed anche a seguito di commenti come il tuo il mio impegno a migliorare è sempre sollecitato! Thanks

Comunque la discussione generata devi ammettere che è interessante
(anche ovviamente al tuo contributo)

>Per concludere... a chi si riferisce alla contraffazione
>di software, CD, ecc... io nella mia vita privata ho fatto
>una scelta chiara: uso unicamente software open source.
>E credo che tutti dobbiamo riflettere sul fatto che
>copiare software illegalemente, che sia un sistema
>operativo o il più infimo programma da qualche kB, è sbagliato!

Il dibattito sulla pirateria è lungo, lunghissimo!
Vorrei farti riflettere solo su due aspetti della questione:

1) la pirateria ha decretato il successo (planetario) della Playstation ed il fallimento della Nintendo 64. Proprio nel momento di massima competizione. Secondo te perche la Playstation (primo modello) non è uscita con i cartridges come la N64?
Che ci voleva a sconfiggere le copie pirata.... allora ieri era bene e oggi è male?
Per la Sony PS è un bene e per la Sony discografica è un male? Perche i creatori del walkman hanno perso il treno dell'mp3 decretando il successo dell'ipod?
Steve Jobs ha detto: vuoi scaricare un mp3 fallo, è semplicissimo, ma noi possiamo darti un mp3 con copertina, di alta qualità e legale. Per 99 centesimi, vale la pena rischiare, ma soprattuto perdere una marea di tempo tra copertine e file che si sentono cosi e cosi?
La Sony ha detto: non uso gli mp3 e CHIUDO i lettori.....

2) Siamo in Italia, non dimentichiamolo, e quindi dobbiamo pur sopravivvere. Non so nella tua città ma a Roma esiste un grosso problema che si chiama doppia fila. Se ti alzi una mattina e decidi di comportanti CIVICAMENTE, parti con l'auto per andare in un posto, stai 30 minuti a girare per parcheggiare, poi quando riparti ti trovi uno in doppia fila e stai 15 minuti a suonare.... tutti i giorni, finche o scoppi o parcheggi anche te in doppia fila!
A volte sai, ci si adegua anche, con il mal di stomaco, ma ci si adegua per non soccombere.

NON ti sto dicendo che questo è bene e nemmeno che io sono riuscito ad adeguarmi !! ma che sto iniziando a comprendere chi lo fa.

Anche qui il discorso sta prendendo una piega filosofica....

ritratto di Francesco50

"Siamo in Italia, non

"Siamo in Italia, non dimentichiamolo, e quindi dobbiamo pur sopravivvere.
A volte sai, ci si adegua anche, con il mal di stomaco, ma ci si adegua per non soccombere."

QUOTO!!!!!!

ritratto di Janniz

Continuo la riga dell'OT:Io

Continuo la riga dell'OT:
Io non quoto... e non accetto... se invece di accettare di parcheggiare in doppia fila io chiamassi i vigili urbani e ti facessi portare via l'auto che mi blocca l'uscita, magari la prossima volta prima di parcheggiarmi accanto (e in barba al codice) tu ci penseresti due volte... e magari, sul lungo termine la gente la smetterebbe di posteggiare in doppia fila (o di prendere bustarelle... il discorso è estendibile)

Tollerare un'inezia oggi ci porta a tollerare una porcheria domani... e di lassismo in lassismo guardate a che punto siamo arrivati...

Per aggiungere invece qualche cosa alla discussione IT posso dire:
Ben venga la pubblicazione IMHO di articoli anche 'controversi'... ma buona norma vorrebbe che prima di pubblicare un 'exploit' (scusate il termine) si provveda ad informare il produttore/distributore dell'oggetto exploitato... In questo modo si portano i produttori a migliorare la qualità del prodotto, e si contribuisce a diffondere informazione...

Per quanto riguarda la qualità degli articoli... non me ne si voglia... lo dico per stimolare un miglioramento... ma anche io ogni tanto trovo che siano un po' 'annacquati'... nel senso che, effettivamente un approfondimento dell'articolo originale non farebbe male. Invece alcune volte ci si trova solo di fronte alla mera traduzione dell'articolo originale... La mia vuole essere una critica costruttiva, e non il tentare di sminuire il comunque buon lavoro che fate quotidianamente...

ritratto di Emanuele

Grazie Janniz

Grazie Janniz per il tuo commento,
ti rispondo anche io OffTopic e InTopic:

OT
Il problema è che i vigili NON arrivano, hai provato a chiamarli per una doppia fila?
Io si, almeno a Roma, ti dicono di chiamare un numero apposito con i carro attrezzi, fatto, ma dopo piu di un ora che aspettavo è arrivato il tizio dell'auto e se ne è andato (la gente vicino a me voleva picchiarlo...) Ho preso la targa, aspettato altra mezzora, i vigili niente, la gente se ne è andata, dei vigili nemmeno l'ombra, me ne sono andato anche io.....

Un'altra volta invece ho chiamato i Vigili urbani (a voce) per un incidente, stavano a circa 500 metri di distanza, e mi hanno risposto che non intervengono se non ci sono feriti... FIGURIAMOCI PER UNA DOPPIA FILA!

Ti adegui per sopravvivere o soccombi?

IT
GRAZIE per i suggerimenti, cercheremo di migliorare! Già per settembre avremo nuovi collaboratori e procedure mirate primaditutto alla qualità!

ritratto di simmartin

Doppia fila...

Aggiungo che, almeno in alcune zone di Roma, se solo provi a chiamare i Vigili e qualcuno ti vede, puoi anche rischiare una bella scazzottata (o peggio)!
Per me il cittadino ormai non è tutelato, o almeno non si sente tutelato, e allora per sopravvivere si adegua. Non è giusto... ma non sta sbagliando il cittadino, ma chi dovrebbe far in modo che lui non si debba adeguare!!
Poi ci sono i casi in cui ci si adegua per pigrizia o convenienza, e credo che questi siano purtroppo i casi più frequenti ormai...

ritratto di Uomo_Linux

Non solo di doppia fila si tratta... e non solo in Italia...

Salve a tutti,

vorrei indicarvi che il "malandazzo" è generalizzato. Basta guardare il TG o leggere i giornali.

A livello di leggi e di abusi, a chi può interessare cosa succede nella vicina Svizzera, in Canton Ticino sembra ci sia una categoria "presa di mira" dallo Stato, e nessuno per ora fa nulla.

E' un po' off-topic, ma interessante in quanto "tutto il mondo è paese". La categoria è quella dei padri divorziati. Vi segnalo un blog: http://divorzioticino.wordpress.com

Grazie, buone vacanze e saluti a tutti.

Uomo_Linux

ritratto di lmercatanti

Ciao catta82, Più o meno già

Ciao catta82,
Più o meno già Emanuele ha risposto in maniera esaustiva alle tue affermazioni e non posso fare altro che quotare quanto ha scritto in precedenza.
L'articolo è stato pubblicato solamente per mostrare come effettivamente sia possibile hackerare questi dispositivi in poco tempo e con del materiale alla portata di tutti con pochi Euro.

Inoltre da quello che sono venuto a sapere nelle ultime ore le nuove chiavette Coges posseggono all'interno solamente un ID identificativo, mentre il credito viene memorizzato all'interno interno della macchinetta e collegandolo all'ID del dispositivo (così inoltre una chiavetta può essere usata solamente all'interno di una determinata macchina.

Se mi permetti un esempio che dovrebbe calzare molto con la decisione di pubblicazione di questo articolo:

Quando vai ad un supermercato e compri un coltello lo puoi usare per diversi scopi, quello per cui è venduto è per tagliare la carne o del cibo. Se successivamente al tuo acquisto, con quel coltello, esci dal negozio e uccidi una persona, quello è dipeso da te.
Oppure quando si studia una disciplina: la puoi utilizzare per scopi benevoli oppure fare del male alle persone.

Per questo motivo ho sottolineato l'illegalità di azioni condotte a danni di altri tramite l'uso di questo tutorial :)

ritratto di andreapg

"istiga comunque alla

"istiga comunque alla contraffazione e quindi al furto di denaro."
Oppure istiga le Aziende ad adottare sistemi più sicuri...

ritratto di lmercatanti

"Oppure istiga le Aziende ad

"Oppure istiga le Aziende ad adottare sistemi più sicuri..."

ritratto di cecco22

Bisognerebbe che quei LADRI

Bisognerebbe che quei LADRI che gestiscono le macchinette abbassassero un poco i prezzi, se qualcuno scopre come chiavarli, fa BENISSIMO.
non fate i moralisti sfigati, prima dite le preghiere poi bestemmiate quando vi pare a voi vero???

IPOCRITI!!!!!

ritratto di Bazinga

La farsa delle chiavette coges

La farsa delle chiavette coges in rete dura ormai da anni, ma mai nessuno è riuscito a modificarne una? realmente??

Online si trova di tutto, decine di siti che promettono tale "hackerata" , a me sembra comunque più una "boiata".

Giusto per darvi un'idea:

655,35€ (credito massimo)
0040: 004F 00CF 00CF 00CF
0050: 004F 008F 00CF 00CF

Questi sarebbero i codici per il credito massimo, li ho trovati qui
http://hacking120.blogfree.net/?t=3372017

danno anche suggerimenti su come non farsi beccare.

Poi ho trovato anche:
"Mi è giunta notizia che la coges stia mettendo in atto una campagna per l'oscuramento di tutti i forum/blog/ecc. trattanti l'argomento incriminato. Sembra che vi siano già state le prime "vittime" dei legali dell'azienda. "
ecco la fonte
http://www.eurohackers.net/showthread.php?8180-Chiarimento-Hack-chiavette-COGES/page2

Infine, giusto per completare l'opera
http://imageshack.us/photo/my-images/85/programmerqq4.jpg/

Personalmente spero che le chiavette coges di nuova generazione non siano hackerabili (o meglio crakkabili) se mai fosse veritiero quanto riportato nei vari siti. L'azienda mi sembra molto attenta a determinati comportamenti ed il suo codice etico le dona un'attenzione al senso civico encomiabile.
http://www.coges.it/jsp/it/dettnews/newsid_14.jsp

ritratto di Anonimoa

non capisco tanto stupore,

non capisco tanto stupore, usavo le coges auto-ricaricate tanti anni fa, quando erano davvero diffuse. oggi trovarle è una impresa, le nuove usano elettroniche molto piu complesse (multicella, pseudo-cifrature, ecc). Peraltro il metodo con l acetone è veramente per checche ;) Un giorno qualcuno decide di farci il tutorial , se non ricordo quelli di oq boh, e tutti divennero acher distoca. Bah.

ritratto di livio.orsin

Indipendentemente dalla

Indipendentemente dalla possibilità reale di crackare o meno queste chaivette, trovo disgustoso il solo pubblicare un'ipotesi di crack.
Questo si che èun reato da perseguitarsi penalmente, non la copia di un CD musicale per uso personale.

ritratto di Pippo2888

Buongiorno a tutti, (Peraltro

Buongiorno a tutti, (Peraltro il metodo con l acetone è veramente per checche), perchè non fai sapere il tuo metodo.
Grazie.

ritratto di Felics_tze_chet

Articolo vecchio ed ammuffito

Fotocopia di questo vecchio articolo. Solo che la chiave usata era blu e non rossa!

BFi11-dev - file 14 - 27/11/2002

ritratto di minipipporulez

Software CoGes

Anni fa ricordo che esisteva un software scritto in vb6 che serviva a semplificare l'operazione di "ricarica"

ritratto di Berni

Niente di nuovo sotto il sole

Per quanto riguarda il metodo proposto si tratta di cosa un pò datata, ricordo gente che lo faceva già 5 o 6 anni fa, ed era già una cosa nota da tempo... ma fa sempre bene rinfrescare la memoria, così chi progetta evita di fare certi orrori...

In merito alla legittimità di presentare metodi potenzialmente illegali io non ci vedo nulla di male, sarebbe come dire che i giornali non possono descrivere un omicidio altrimenti tutti seguono la stessa procedura. Presentare metodi e strumenti per effettuare una operazione legale o meno non è in alcun modo limitato dalla legge e non riduce anzi aumenta la serietà di un servizio che così facendo dimostra la propria imparzialità, quindi Open Source Elettronica non è convenzionata con Coges 

Il modo in cui lo strumento fornito viene poi usato è responsabilità dell'utilizzatore, non di chi gli ha fornito lo strumento, a meno che il fornitore non abbia in qualche modo istigato ad un particolare uso ma in questo caso è stato bene specificato che l'applicazione di tale metodo è illegale, quindi Open Source Elettronica depreca l'applicazione del metodo proposto che viene riportato per dovere di cronaca.

ritratto di Anonimo71

Istiga alla contraffazione e

Istiga alla contraffazione e al furto ?!? cioe' volevi dire che per i disonesti significa nascondersi dietro a un dito .... forse !
....ah perche' la copia di un CD (anche solo per uso privato) non e' un reato vero ?
Ma andiamo!
....a me quello che scandalizza di piu' e' vedere che c'e' gente che dice di scandalizzarsi!
La "conoscenza" deve essere SEMPRE diffusa indipendentemente dall'uso che se ne puo' fare.
QUESTO PERCHE' OGNUNO RISPONDE DELLE PROPRIE AZIONI SEMPRE E COMUNQUE.
L'articolo è stato pubblicato *solamente per mostrare come effettivamente sia possibile hackerare questi dispositivi* in poco tempo e con del materiale alla portata di tutti con pochi Euro (PUNTO) Se poi qualche disonesto frega le cose ai distributori e' un'altra cosa.

ritratto di simmartin

NON ESAGERIAMO!!!

Di base se utilizzi un metodo illegale per dei PROFITTI (e non più guadagni, mi sembra abbiano cambiato la dicitura...) allora sei punibile per legge, no?
Se copi un CD musicale, ricarichi una chiavetta per prendere un caffè a sbafo, installi Office senza licenza, sali sull'autobus senza il biglietto... stai commettendo lo stesso reato: stai rubando soldi a qualcun'altro.

Ma fare una copia di riserva da mettere in auto (perchè non vuoi buttare 25€ sotto il sole), sacrificare la tua chiavetta coges per i tuoi esperimenti e prenderti un caffè per vedere se funziona, copiarti office perchè lo utilizzi solo 1 volta l'anno perchè c'è ancora qualcuno che non sa installare OpenOffice e si impanica quando gli mandi un file .odt, o magari sei uscito di casa senza il biglietto e devi arrivare fino in metro per acquistarlo perchè i negozi sono chiusi...bhè, è un'altra cosa... non te ne stai approfittando.
Se bisogna giudicare qualcuno, ed incolparlo, direi di puntare il dito contro chi ne fa un mestiere ed un guadagno... Prendere la pensione dopo solo 6 mesi alla camera mi sembra molto peggio di un ragazzotto 16enne che offre il caffè alla classe alle scuole superiori perchè è una figata il fatto che si possa crakkare le eeprom e sconfiggere il sistema!!

Elettronica Open Source punta sempre a pubblicizzare alternative OpenSource di molti programmi, fa pubblicità a piccoli imprenditori che valgono ed hanno qualcosa di nuovo da dire, fornisce un buon servizio gratuito e di qualità...non mi sembra che guadagnino o prendano tanti profitti dal pubblicare certi articoli... non credo siano da incolpare per questo, anzi sono da ringraziare!

ritratto di Kelyn

Materiale Informativo

A mio parere risulta essere solo un articolo a scopo informativo, anche un pò datato se vogliamo, la coges da qualche anno sta sostituendo queste chiavette con altre, le mykey, su cui non funziona questo metodo. Quindi è inutile alzare un polverone diplomatico per questo tipo di articolo. Tutto lo staff di ELETTRONICA OPEN SOUCE fa del suo meglio per tenerci informati sui diversi campi.

"Non insegno mai nulla ai miei allievi. Cerco solo di metterli in condizione di poter imparare." cit Albert Einstein.

Per me tutti gli articoli si rispecchiano in questa frase.

ritratto di Emanuele

Grazie Kelyn

Grazie Kelyn,

riceviamo molti complimenti sul Blog EOS ma devo dire che questo è uno dei migliori.

Mi ha fatto molto piacere. Grazie!

ritratto di jumpjack

E' davvero molto triste

E' davvero molto triste rubare il caffè in azienda.
Finora il record di tristezza che conoscevo era rubare la palestra, entrando di nascosto senza tessera per andare a faticare.
Ma passare una settimana a martellare un pezzo di plastica per poter poi rubare il caffè, è davvero deprimente. Sa molto di tossicodipendente all'ultimo stadio, disposto a tutto per risparmiare su una dose (di caffeina).

ritratto di MarcoGiudici

come darti torto, anche se

come darti torto, anche se devo dire che dare un'occhiata alla mappatura della eeprom non ha prezzo, mi ha molto sollevato il morale come progettista :-----------)

ritratto di D_76

E' giusto si, ma è anche sbagliato

Ragazzi, ok per i tutorial sul reverse engineering, ma che siano degni si essere chiamtai tutorial.
Gli articoli di BFI citati, ad esempio, mostrano il ragionamento seguito nel fare il reverse di quanto ricavato dalla chiavetta, quello invece oggetto di questa discussione di tecnicamente interessante non dice nulla, è la classica pappa pronta per gli smanettoni del saldatore a singolo neurone quasi funzionante.
Scusate il tono offensivo, ma per me un tutorial è un qualcosa che ti fa capire quali ragionamenti seguire per realizzare quello che ti serve, non una soluzione pronta, come lo sono i codici dei vari importi pubblicati già belli che serviti.

ritratto di Lenny

Occhio!

Comunque, in principio, pubblicare una guida su come svaligiare le banche dicendo che cosi la polizia si organizza meglio per difendersi mi sembra un tantino ipocrita.
Non c'è 'open source' che prevarichi la legalità.

Saluti

ritratto di Emanuele

Svaligiare una banca???

Dai Lenny, stai forse paragonando un ragazzetto smanettone che mangia merendine gratis a scuola, alla criminalità organizzata, rapinatori di banca a mano armata?

ritratto di MarcoGiudici

una volta li chiamavano geni

una volta li chiamavano geni (e di fatto lo sono paragonati ai progettisti delle chiavette) --- i ragazzini smanettoni non chi svaligia le banche ---

ritratto di Blasco

sverniciatore per la resina e

sverniciatore per la resina e un programmatore di eprom, non necessariamente serve sapere le locazioni di memoria, chiunque abbia un po' di manualità nel campo lo sapeva da almeno 5 o più anni, solo che magari non lo diceva, secondo me è inutile oscurare certe cose,anzi, è un incentivo a studiare soluzioni migliori!Bell'articolo comunque.
Ciao a tutti.

ritratto di MarcoGiudici

Il lato didattico

Come detto da Emanuele sarebbe bene approfondire anche il lato didattico, ma lo trovo alquanto difficile visto che più di tanto non si può dire e non per censura, ma proprio perche non c'è niente da dire, i codici di ricarica sono scritti allegramente nella eeprom, probabilmente scalando varie unità a consumazione.

Interessante sarebbe invece dare qualche suggerimento al progettista.

Forse all'epoca non esistevano ancora, ma la Atmel ha realizzato dei microcontroller con cifratura AES embedded
http://it.wikipedia.org/wiki/Advanced_Encryption_Standard

e poi anche le eeprom crittografate
http://ir.atmel.com/releasedetail.cfm?ReleaseID=577565

Sono uno spettacolo, Cryptomemory
http://www.atmel.com/products/securemem/default.asp?category_id=172&family_id=646&source=l...

P.S. comunque un algoritmo non lineare per le ricariche di denaro potevano farlo...

ritratto di coronet24

Cerchiamo di vivere il più possibile liberi...

Bene che ci sia dibattito su cosa sia giusto e cosa no...

La filosofia "open" (in tutti i sensi) dovrebbe portare anche all'onestà!

Se facessimo del vivere "open" la nostra filosofia di vita probabilmente le cose sarebbero molto diverse. Chiediamoci piuttosto se sia giusto brevettare di tutto e di più. Quante invenzioni sono oggi chiuse nei cassetti delle grandi aziende solo perché protette da brevetto? Perché non cambiamo un poco di mentalità? Se solo pensassimo a quanto si sia evuluto negli ultimi anni il sistema GNU/Linux vedremmo i benefici della filosofia "open". Meno (molto meno) problemi di falle e sicurezza.

Pubblicare come funzionano le cose non è un male, anzi, permette a chi progetta di confrontarsi con problemi reali, magari neppure immaginati! Personalmente ho lavorato in ambito R&D per grosse aziende ritrovandomi più volte confrontato con situazioni tragico-comiche, peraltro prevedibili se si fosse lavorato in maniera più aperta... ma quando è troppo tardi si fanno figuracce e soprattutto si deve ricominciare da capo perché non si é tenuto conto di...!

Ecco, questa é la mia visione delle cose a prescindere dalla bontà o meno dell'azione che potrebbe derivare dal pubblicare come stanno le cose. Anche la polvere da sparo e lo sfruttamento dell'energia atomica non furono presentate con l'idea delle armi... ma poi l'uomo é di per sé meno buono di quel che sembra... L'automobile per esempio è stata inventata per darci libertà, ma se guardassimo solo ai numeri vedremmo che in realtà é spesso strumento di morte e di frustrazione... tutto può essere buono o cattivo, dipende da come lo si usa, dipende dalla coscienza di ognuno.

In conclusione vorrei dire che se tutto non si fondasse sui soldi, sul guadagno e sulla ricchezza questi problemi non ci sarebbero. L'open dovrebbe diventare secondo me stile di vita e filosofia di collaborazione piuttosto che di competitività.

ritratto di coronet24

Una volta era così

Volevo aggiungere che una volta era così: mettevi in giardino un tavolo con quello che volevi vendere (frutta, uova, ...) con una bilancia e un biglietto che riportava il prezzo al Kg. C'era pure una scatolina dove mettevi il fondo cassa in modo che chi si serviva poteva mettere i soldi e prendere il resto. Nessuno si sognava di rubare nulla, neppure i soldi! Forse sono anacronistico, ma non sono così vecchio e ho vissuto queste cose. Sarebbe bello se la gente si guardasse nuovamente allo specchio e si facesse un esame di coscienza di tanto in tanto.
Un saluto a tutti.

ritratto di Emanuele

Con me sfondi una porta

Con me sfondi una porta aperta, visto il punto dove siamo arrivati (noi occidentali) sto diventando sempre più favorevole a forme di baratto.

Al giorno d'oggi non ti puoi piu fidare nemmeno quando vai al ristorante, è tutto business.

Per assurdo, in città che non conosci, il posto piu sicuro dove mangiare è Mc Donald... e ho detto tutto!

Anche alcune guide ormai "puzzano" di lobby. Della famosa "user experience" non gliene frega niente a nessuno, tanto meno in Italia.
Famosa nel mondo per la dilagante mancanza di senso civico.

Ed è proprio questa attenzione all'utente che, ad esempio, ha fatto grande la Apple e può permettersi di vendere i suoi prodotti a prezzi esorbitanti.

Un esempio? L'ultimo che mi è capitato, su una famosa guida turistica di Barcellona, la legenda è stampata proprio sopra Park Guell. Ebbene, mentre mi trovavo proprio li, avrei voluto avere sotto mano l'ebbete che ha dato l'ok per la stampa!

...altro che prendersela con i piccoli hacker che crescono :)

Ma stiamo entrando in un vasto campo... ci vorrebbe un filosofo!

ritratto di Linus1

Stupido

Secondo me, al di là di sapere che si possono sbloccare alcune vecchie chiavette COGES, (mai viste in giro) e quindi informare la gente e informare coloro che hanno sviluppato questo sistema che probabilmente pensavano che per lo più le persone normali non si passano il tempo ad elaborare sistemi per avere un caffè gratuito, ma che gratuito non è, perché per l'accrocchio hanno speso circa 40 euro.

Considerando che un caffè al distributore varia dai 35 ai 70 centesimi, hai voglia di bere caffè in modo truffaldino.

Mi sembra proprio qualcosa sviluppato da ragazzini che invece di studiare trovano il tempo per fregare il prossimo, tanto per sentirsi superiori, non pensando che tutto ciò danneggia l'intera collettività, chi lavora con i distributori automatici offre un servizio, se va in perdita è ovvio che non potrà offrirlo più con un danno per tutti.

Non c'è da esserne fieri.

ritratto di Emanuele

Compreresti da un'Azienda che

Compreresti da un'Azienda che ha i propri dispositivi crakkati?
Probabilmente NO

Compreresti da un'Azienda che ha avuto i propri dispositivi crakkati, ci ha lavorato sopra ed ha reso i suoi prodotti piu sicuri?
Molto probabilmente SI

Inoltre preferirei acquistare da un'Azienda che ha subito appunto degli attacchi Cracker e li ha superati, quindi, diciamo che i suoi prodotti sono stati testati ed ha fatto esperienza sul campo, piuttosto che da un'Azienda che non ha mai avuto tale dispiacere/piacere...(o non se ne è mai sentito parlare :)

In tutto questo la diffusione delle notizie in merito è sicuramete un elemento fondamentale a tutela primaditutto del Consumatore e poi come dicevo all'inizio dei commenti, anche a vantaggio dell'Azienda che avrebbe l'occasione di dimostrare il suo valore in un contesto di ampia visibilità.
E' tutto il giorno che stiamo parlando delle chiavette Coges.....

ritratto di Andres Reyes

Filosofo?Mi sento quasi preso

Filosofo?Mi sento quasi preso in mezzo.. ahaha

ritratto di silver69

studio o furto

Ammetto di aver studiato il funzionamento delle chiavette COGES piu' di una decina di anni fa', in assenza totale di documentazione le guide che girano oggi sono molto datate ed inutili.
La resina usata era al tempo di facile asportazione, e probabilmente come giustamente hanno gia' fatto notare, chi avrebbe pensato che si mettessero a crackare un dispositivo per un caffe da 200 lire.

Al tempo il mio fu' un approfondimento piu' per capire il principio di funzionamento che per rubare un paio di caffe', tant'e' che informai dei risultati un amico che possedeva una ditta cliente dalla coges e che aveva subito delle perdite a causa della poca sicurezza delle stesse.

La coges ha modificato parecchio le chiavi ed ha aggiunto molte sicurezze da allora.
Le chiavi poi di nuova generazione funzionano in modo totalmente diverso.

Rivangare l'argomento sarebbe utile solo per avere un esempio pratico di come alimentare un chip senza l'uso di una batteria e non per lammerare e rubare un paio di caffe'

ritratto di jak

presa per il culo

bah secondo me ragazzi none rubare un caffe ma e' solo per comodita del utente che ne usufrisce quindi per me che lo letto mi e venuto da ridere e ancora ci sto ridendo lasciate stare tali cazzate e un cordiale saluto agli amici che mi informano sempre grazie!!!!

ritratto di ricaccio

che scivolone!

Questo articolo è un irreparabile calo di stile aggravato dal fatto che prima di pubblicarlo ci avete anche riflettuto tanto.

ritratto di Emanuele

Irreparabile calo di stile aggravato!

Passiamo da "svaligiare una banca" ad un "irreparabile calo di stile" e nel bel mezzo vari complimenti tra cui una meravigliosa citazione da Einstein...

Ragazzi che dire, il vero successo dell'articolo sono le vostre opinioni, giusto o sbagliato che sia l'articolo, il dibattito che ne è scaturito sull'open source ha fatto si che comunque è stata giusta la pubblicazione!

ritratto di Emanuele

Ci siamo rialzati..... dalla caduta di stile?

Ci siamo rialzati..... dalla caduta di stile?

Quest'ultimo articolo pubblicato, che dici, è di tuo gradimento?
http://it.emcelettronica.com/oliver-heaviside-vero-padre-dellelettronica-classica

ritratto di Yoko-Alex

io l'ho fatto!

all'itis io avevo modificato la chiavetta delle macchinette...
è stato abbastanza facile farlo, molto meno complicato della guida in questione..
L'unica differenza era che io avevo bloccato il credito, mentre qui si ricarica tramite il pc...
Dopo un anno circa di chiavette modificate (ne avevo fatte altre oltre la mia) l'azienda dei distributori automatici è corsa ai ripari, modificando il software all'interno delle macchinette e ci ha fregati tutti... ma io ero tranquillo, tanto avrei finito le superiori poco dopo!

tuttavia giusto o no, è l'eterno dilemma che viene al pari della copia dei software...vedi i sistemi operativi per esempio... direi che il discorso potrebbe andare avanti per anni, senza trovare alcuna via d'uscita...

ritratto di Cartel1

Chi è senza peccato e... diamoci una regolata..

Istigazione a delinquere, calo di stile, addirittura! allora come già segnalato sono anni che tra scuole ed università si crakcano le chiavette del caffè.. e proprio a causa di ciò sono cambiati i metodi e la tecnologia (la mia azienda aveva contattato COGES per un utilizzo delle loro chiavette in altro ambito se la cosa non fosse stata di dominio pubblico non avrebbero avuto motivo di migliorare e avremmo corso rischi pure noi con la nostra applicazione). Poi scusate, la legge persegue in modo proporzionale al reato, non stiamo parlando di come clonare le carte di credito! Inoltre un avviso ai moralisti, quanti di Voi considerano aberrante il "furto" del caffè mentre non spendere un centesimo per un sistema operativo o applicativo Microsoft è filosofia "open" e lotta alle lobby di potere? per favore! siamo Italiani ed è qui che si vede! Chi è senza peccato informatico scagli la prima pietra! Inoltre: le aziende distributrici,come i gestori dei supermercati e degli autogrill calcolano un livello "fisiologico" di furto a bilancio per cui nessuna di loro è ancora fallita, proprio perché si tiene conto della imperfezione del sistema. Un ultima cosa , che il facile Hackeraggio di sistemi e sw sia alla base del successo di certe piattaforme è tragicamente vero, VHS ha subissato video2000 proprio perché copiare le cassette era un gioco da ragazzi, la playstation è già stata citata, avevo il compagno di stanza all'università che trafficava in questo senso e i "codici" si materializzarono all'improvviso da fonte "misteriosa" su internet, le voci che provenissero da fonte Sony allora erano insistenti, tanto che la consolle in quegli anni ebbe un impennata di vendite da paura, e poi lui! senza la copia facile dei suoi sw a partire dal sistema operativo.... il grande Bill non avrebbe guadagnato un dollaro, non credete? Saluti a tutti e buone vacanze.. per chi le fa :)

ritratto di myo@email.it

Non ci credo molto!

mah.... Lasciando da parte considerazioni riguardo l'opportunità di fregare il prossimo, mi sembra MOOOOOOOLTO strano che non ci sia un CRC o qualche altra forma di controllo dell'integrità dei dati.Lo fanno anche sulle eprom degli apricancelli! Vuoi che non lo facciano qui dove si gioca coi soldi?
Direi che se veramente non c'è questa verifica, vuol dire che il coso è stato progettato da "scàrperi" che si "meritano" il crack!

ritratto di induttivo

Anche se ci fosse il CRC non

Anche se ci fosse il CRC non risolvi il problema della copia.
Se fai la copia dell'intera eeprom dopo averla caricata regolarmente ( lettura tramite ludipippo o altri ), esaurito il credito, rimetti nella eeprom la copia che avevi letto con il CRC corretto, e ti ritrovi lo stesso valore che avevi ricaricato regolarmente.
Ma una piccola sfida di progetto e leggerla senza doverla "sventrare" cioè alimentarla e leggerla/scriverla tramite circuiti induttivi.

ritratto di coronet24

Paese che vai, usanze che trovi

Salve ragazzi,

qualche post fa scrissi che ai tempi si mettevano fuori casa un tavolino con i prodotti da vendere e la "cassa" con i soldi. Che dire, ieri viaggiando per una strda del canton Zugo (nel centro della Svizzera) ho visto una bancarella dove c'era la frutta, la bilancia e... la cassetta per i soldi! Segno che nel 2011 queste cose sono ancora possibili, che c'è ancora gente onesta in circolazione.
Questo però dipende soprattutto dalla cultura di un popolo; in Svizzera, specialmente al nord del massiccio del San Gottardo, è vero che sono un po' "quadrati" e che al sud, per cultura, siamo più simili agli italiani (di fatti ne condividiamo la lingua e qualche tradizione, specialmente culinaria).

Questo anche per dire che mi è capitato molto di rado nella Svizzera del nord di vedere i $i$temi operativi windows "craccati", mentre in Ticino è una cosa all'ordine del giorno. A nord della Svizzera ho visto spessissimo gli studenti (si sa, di regola appartengono alla categoria più squattrinata della popolazione) usare GNU/Linux per non doversi "abbassare" a dover copiare abusivamente l'o$ di micro$oft. Sono anche numerosi gli studenti che pagano e usano altri sistemi operativi (ci sono moltissimi prodotti apple fra gli studenti).

Credo che sia una questione di cultura, educazione e rispetto.

Come vi dicevo ho lavorato per l'R&D di un grande gruppo svizzero di fama mondiale e spesso inorridivo per l'ingenuità di tanti miei colleghi, che spesso neppure pensavano al fattore sicurezza (tanto chi vuoi che vada a craccare i nostri sistemi? Non c'è bisogno di renderli sicuri).

Che dire? Paese che vai, usanze che trovi... ;-)

ritratto di Emanuele

Concordo coronet24

Concordo pienamente,
mi ricordo da bambino quando andavamo a trovare alcuni parenti nel Veneto che vedevo spesso biciclette appoggiate al muro senza catena ed addirittura motorini non legati. Una volta mi colpi molto vedere addirittura un motorino lasciato acceso fuori mentre il guidatore andava a comprare il pane....

Sai, venendo da Roma, la cosa mi pareva assurda! Figurarsi a Roma una cosa del genere?

Ma è un discorso di piccole/grandi città oppure che più si va al nord e più il senso civico è presente? O tutti e due. Forse perche al Nord le istituzioni SONO più presenti....

Comunque per difendersi è bene conoscere il nemico, quindi sono sempre più convinto che abbiamo fatto bene a pubblicare, nell'interesse "civico" :)

P.S. anche io ho contribuito ad un progetto per "un grande gruppo svizzero di fama mondiale". Un gruppo cosi grande che fa anche il.... cafè ;)

ritratto di coronet24

La Svizzera: patria di orologi e cioccolato

Caro Emanuele,

essendo un ingegnere elettronico non ho avuto molto a che fare con il cioccolato... anche se mi piace! Siccome mio cognato abita a Vevey e lavorava in loco per un grande gruppo che fa pure il caffé, credo di aver capito a chi ti riferisci :-)

Io ho girato il mondo per testare le nostre apparecchiature direttamente "sul campo", ho pure dato il mio contributo per il buono svolgimento dei giochi olimpici di Beijing ed ero "dietro le quinte" per quelli di Vancouver... a buon intenditor poche spiegazioni.

Sai, visitando vari paesi mi sono reso conto di persona che l'impressione avuta in patria (conoscendo parecchie persone provenienti da paesi diversi) era corretta: l'umanità non è assolutamente una cosa omogenea (contrariamente a quello che vogliono farci credere, spingendo nella direzione della globalizzazione). Sono sempre stato un sostenitore dell'unicità degli individui, e il viaggiare me ne ha dato la conferma. In paesi come il Sudafrica, il Venezuela e, perdonami, anche qualche parte dell'Italia, è "normale" doversi barricare dentro "fortezze" o mettere saracinesce alle vetrine dei negozi per difendersi dai ladri. D'altro canto come si arriva nei paesi nordici tipo la Svezia ecco che l'uso di chiavi, chiavistelli o antifurti è diventa perfettamente inutile!

Anche in Inghilterra le cose sono molto diverse, tanto che alla fermata del bus la gente si mette ordinatamente in fila e sale sui mezzi pubblici secondo il principio FAFI (First Arrived First In).

Ora a mio modo di vedere i problemi attuali (stile quello di craccare le chiavette) nascono in parte dal fatto che la facilità attuale di distribuire i prodotti a livello globale porta dei prodotti concepiti secondo una certa mentalità in posti dove la mentalità è ben diversa!

Per tornare all'articolo direi che è "cosa buona e giusta" pubblicare le falle dei sistemi, non tanto per dare la possibilità ai "furbetti" di craccarli, ma per dare l'opportunità a chi ha creato il sistema di migliorarlo. In ottima sintonia con la filosofia open-source, trovata la falla, si trova la soluzione per tapparla rendendo il sistema migliore e più sicuro!

Ben vengano articoli di questo genere, dimostrano solo che non esiste alcun sistema sicuro al 100%, praticamente qualsiasi sistema è craccabile, ma spesso il costo o il tempo per farlo sono così considerevoli che non ne vale la pena. Oggi forse no, ma domani chissà? Anche solo una decina di anni fa una trasmissione criptata con chiave a 64 bit era ritenuta sicura anche dalle banche, oggi usarla sarebbe semplicemente ridicolo...

ritratto di slovati

Ho letto con interesse sia

Ho letto con interesse sia l'articolo che i vari commenti. Ritengo che la sicurezza dei sistemi elettronici sia un tema molto importante, soprattutto (ma non esclusivamente) quando ci sono di mezzo i soldi. Anche a me è capitato di vivere in altri paesi (soprattutto di estrazione anglosassone), ed effettivamente ho riscontrato una fiducia e un rispetto verso il prossimo che qui in Italia sembrano un pò persi. Ricordo vari anni quando tornai in Italia dopo un soggiorno prolungato negli USA. Là bastava avvicinarsi alle strisce pedonali che i guidatori si arrestavano, anche a notevole distanza. Qui rischi di rimetterci le penne ogni volta che solo provi ad attraversare. Ricordo poi che la maggiorparte delle persone lasciavano la porta di casa sul retro aperta, pazzesco! Gli esempi sono tanti, ma certo questa "furbizia" dilagante (intesa come volontà di fregare il prossimo) non ci fa vivere bene.
Un altro tema molto importante che vorrei portare all'attenzione è quello del furto dell'Intellectual Property (IP). Un mio conoscente lavorava per una società manufatturiera che produceva sistemi con ampio utilizzo di elettronica. Tempo fa consegnarono dei sistemi ad un cliente orientale. Stranamente, non ricevettoro mai alcuna richiesta di assistenza o manutenzione (inconsueto per quel tipo di prodotto), per cui dopo 2 anni decisero di verificare con la loro assistenza come stavano andando le cose. Sorpresa: aperti gli apparati scoprirono che le schede erano state clonate ed il firmware duplicato. Come progettisti questo problema ci tocca direttamente. Actel (non per fare pubblicità gratuita) è ad esempio un'azienda che ha nel portafoglio dei prodotti in grado di rendere la vita difficile (se non impossibile) agli hacker hardware, ma la strada è comunque dura...

ritratto di Pippetto

Caro Emanuele hai

Caro Emanuele hai toppato...devi cosiderare che dietro alla COGES ci sono degli operai che lavorano e che hanno famiglia, come pure gli adetti alla produzione e distribuzione di prodotti e chi rifornisce tali macchinette...
C'era necessità di pubblicizzare in questo modo la cosa?
Perchè non ti sei messo per almeno un secondo dall'altra parte?
Pensi che sia poi così difficile hackerare il tuo sito, con tutte le conseguenze che comporterebbe?

ritratto di Emanuele

Caro Pippetto

Caro Pippetto,
se fai una ricerca su google potrai osservare che l'hackeraggio delle chiavette Coges è ormai largamente diffuso (alcuni commentatori ne hanno dato anche conferma).

Il punto è se la Coges abbia preso oppure no provvedimenti.
Se lo ha già fatto, allora questo commento è inutile, se invece non lo sapeva, il fatto di aver pubblicizzato la cosa, avrà forse salvato il posto ai vari operai, perche verranno sicuramente presi provvedimenti. Infine cè una terza ipotesi, che la storia delle chiavette sia una bufala, beh in qual caso saremmo stati d'aiuto "a non far perdere tempo".

Certo che mi sono messo dall'altra parte e che ne abbiamo discusso molto prima di pubblicare e come vedi sia le mie risposte che i vari commenti hanno ben spiegato la situazione.

L'anno scorso hanno hackerato il nostro store, un gruppo di hacker rumeni con server in Cina.... nessuno mi ha aiutato ne tutelato. Ma almeno se avessi avuto qualcuno che mi avesse avvisato tempestivamente, probabilmente avrei evitato qualche figuraccia con clienti che sullo store trovavano pubblicità da spam.

Guarda ora il nostro store.emcelettronica.com
da una brutta storia ne è nato un sito stupendo!

E' questo l'augurio che possiamo fare alle chiavette Coges e con il nostro articolo forse ne abbiamo aiutato un pezzettino.

ritratto di Kracco

Io ci sono riuscito... Funziona

La cosa funziona veramente!
Eccovi un video dimostrativo

http://youtu.be/1qV6f8X0Xnc

Ciao a tutti

ritratto di emaborsa

Chiave non funziona più

Ciao, io ieri l'ho smontata tutta e rimosso la resina. Oggi ho provato a vedere se funziona ancora e non funziona...la macchinetta non me la vede proprio. Riesco a sistemarla?

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ultimi Commenti