I test nei sistemi Radar

Attraverso la descrizione dei principali test dei segnali trasmessi dai radar, entreremo alla scoperta di un settore dell'elettronica altamente professionale in cui descriveremo le metodologie fondamentali di misura e analisi che consentono l'efficiente funzionamento dei sistemi radar nelle applicazioni civili e militari. L’obiettivo è quello di fare un’analisi sulle modalità di test dei segnali radar. Non entreremo quindi in una elencazione e descrizione dettagliata di tutti i tipi di radar attualmente in uso, ma considereremo, all’interno delle due grandi tipologie di radar, civili ELINT (Elettronica Intelligente) e militari EW (Guerra elettronica), il radar ad impulsi, per le numerose applicazioni in cui è utilizzato e per le notevoli  prestazioni anche se a fronte di una maggiore complessità e costi, rispetto al più economico e meno prestante radar CW (radar per trasmissioni ad onda continua). Grande importanza nei test è il ruolo dell’analizzatore di spettro per misure impulsive, uno strumento da laboratorio, ma anche da campo, grazie al quale è possibile osservare e analizzare, misurare in ampiezza e frequenza i segnali trasmessi e ricevuti da un radar ad impulsi.

Il principio di funzionamento del Radar ad Impulsi

Il radar ad impulsi mediante il Trasmettitore invia una serie di impulsi di breve durata, (mediamente inferiore a 1 µs) ad alta energia in direzione di un bersaglio il quale riflette l’energia molto attenuata ritrasmettendola verso il radar che, mediante il Ricevitore ad alta sensibilità, riceve il segnale o echo e lo elabora ricavandone le informazioni di velocità, distanza e direzione del bersaglio. L’utilizzo di una sola Antenna per la trasmissione e ricezione è reso possibile dal Duplexer che ha il compito di commutare verso l’antenna sia il segnale di trasmissione per l’invio degli impulsi di potenza verso il bersaglio (trasmettitore ON), sia il segnale di ricezione riflesso dal bersaglio (trasmettitore OFF). Durante il periodo di OFF del trasmettitore, il ricevitore riceve il segnale riflesso dal bersaglio (segnale echo) e dopo l’elaborazione del segnale presenta le relative informazioni al Display per la visualizzazione dei risultati. Tutte le fasi operative del radar vengono gestite dal Sincronizzatore che ha il compito di generare la frequenza di ripetizione PRF degli impulsi, pilotando il Modulatore per l’ON/OFF del trasmettitore, sincronizzando contemporaneamente il display e il duplexer. In figura 1 è riportato lo schema a [...]

ATTENZIONE: quello che hai appena letto è solo un estratto, l'Articolo Tecnico completo è composto da ben 2331 parole ed è riservato agli abbonati PLATINUM. Con l'Abbonamento avrai anche accesso a tutti gli altri Articoli Tecnici MAKER e PLATINUM e potrai fare il download (PDF) di tutti gli EOS-Book, Firmware e degli speciali MONOTEMATICI. ABBONATI ORA, è semplice e sicuro.

Abbonati alle riviste di elettronica

Una risposta

  1. Maurizio Di Paolo Emilio Maurizio 21 ottobre 2016

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *