Le soluzioni di gesture recognition nel mercato automotive

I veicoli sono in continua evoluzione come macchine tecnologicamente avanzate e moderne, l'uso dell’ingegneria elettrica ed elettronica nelle automobili e le relative applicazioni con l'ingegneria meccanica, ha proliferato l’impiego di varie soluzioni microelettroniche. Questo ha spianato la strada per una vasta gamma di categorie di fornitori che comprendono produttori di circuiti integrati e di dispositivi mobili. La tecnologia gesture recognition sta arrivando a pieno titolo nelle auto del futuro, dove, attraverso il movimento di alcune parti del nostro corpo, potremmo controllare la musica, il climatizzatore e altre funzioni. La tendenza dell’utilizzo di questa tecnologia in ambito automotive è guidata dalla diffusione che avrà nell'elettronica di consumo.   

Introduzione

Gli ultimi anni hanno visto una crescita enorme di nuovi dispositivi elettronici e algoritmi per l'interazione uomo-computer (HCI). Questi attingono una modalità di comunicazione al fine di introdurre una certa intuitività e facilità di interazione. In particolare, le interfacce che incorporano i gesti delle mani hanno guadagnato popolarità in molti campi di applicazione. Lo sviluppo di automobili a guida autonoma sta andando ad un ritmo senza fiato. Essi sono dotati di radar, GPS e computer vision che offrono un trampolino di lancio per la prossima fase di crescita nel settore automobilistico. Nel frattempo, una rivoluzione simile sta accadendo in Automotive Gesture Recognition System (AGR), che garantirà una decisa sicurezza a bordo. Si compone di un controllo integrato per diverse caratteristiche di movimento all’interno della macchina, attraverso la mano, testa, occhi e altre parti del corpo umano. Invece di utilizzare manopole e pulsanti convenzionali, il sistema utilizza telecamere e sensori nell'abitacolo del veicolo per identificare i gesti. AGR migliora la sicurezza, consentendo al guidatore di concentrarsi sulla strada durante la guida.

Il mercato sta cambiando rapidamente grazie alla tecnologia in continua evoluzione e sempre più OEM si stanno muovendo verso l'adozione del riconoscimento dei gesti. Secondo un rapporto pubblicato dai principali analisti, il mercato del riconoscimento dei gesti è stimato crescere ad un CAGR del 30 % nel periodo 2013-2018, e si prevede di attraversare 15 miliardi di dollari entro la fine di questi cinque anni. Se parliamo in termini di settore, attualmente le applicazioni nell'elettronica di consumo contribuiscono ad una buona fetta del mercato globale.  Le varie ricerche di mercato hanno previsto, inoltre, una decisa crescita per il settore gesture recognition automotive con valori di CAGR di oltre il 40% entro il 2020.

L'analisi di mercato identifica la crescente accettazione delle tecnologie di riconoscimento gesti da parte del settore dell'elettronica di consumo, rappresentando, di fatto, uno dei principali fattori di crescita per il mercato automotive. L’enorme potenziale di crescita del mercato unito alla necessità per le case automobilistiche di differenziare le loro automobili dai loro concorrenti, sarà testimone dell'ingresso di nuove soluzioni di tecnologia di rilevamento gesti, fornendo sistemi multimediali per il controllo dell’illuminazione e non solo.  Le linee guida fissate dalla National Highway Traffic Safety Administration (NHTSA) per il eyes-off-road time (“occhi alla guida”), inducono gli OEM ad offrire sistemi di infotainment di facile utilizzo con meno distrazione.

La tecnologia

Il riconoscimento dei gesti utilizza un sensore di fotocamera e di prossimità all'interno della cabina in grado di riconoscere alcuni movimenti della mano e altre parti del corpo per le [...]

ATTENZIONE: quello che hai appena letto è solo un estratto, l'Articolo Tecnico completo è composto da ben 2038 parole ed è riservato agli abbonati PRO. Con l'Abbonamento avrai anche accesso a tutti gli altri Articoli Tecnici MAKER e PRO inoltre potrai fare il download (PDF) dell'EOS-Book e di FIRMWARE del mese. ABBONATI ORA, è semplice e sicuro.

Abbonati alle riviste di elettronica

Una risposta

  1. Maurizio Di Paolo Emilio Maurizio Di Paolo Emilio 4 agosto 2017

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *